Quando il cinema fa flop


BANNER

La macchina o la fabbrica dei sogni, Hollywood, non ha conosciuto solo successi e incassi. Ha avuto viceversa produzioni costose, fastose, che si sono rivelate fallimenti clamorosi al botteghino. Film non necessariamente brutti, ma semplicemente o troppo complessi, come nel caso del capolavoro di Cimino, I cancelli del cielo o al contrario così deludenti dopo l’uscita nelle sale da determinare il passaparola che decreta sempre, da parte del pubblico, il successo o il fiasco al botteghino.

I cancelli del cielo

Isabelle Huppert in I cancelli del cielo

Flash Gordon

Un altro flop: Flash Gordon

Il cinema vive sul biglietto staccato al box office; una regola commerciale e impietosa; oggi, a mitigare la delusione dei produttori arriva il mercato dell’home video, permettendo alle major cinematografiche di rifarsi, almeno in parte, delle somme investite. Ci sono film, come Waterworld, di Kevin Kostner, costati uno sproposito e poi rivelatisi un fallimento clamoroso, che nel corso degli anni successivi alla sua uscita ha recuperato parecchio proprio grazie al mercato dell’home video;lo stesso si può dire del faraonico Dune, di David Lynch, oggi diventato un autentico cult, ma che all’epoca dell’uscita nelle sale incassò a mala pena un decimo della somma spesa per girarlo.

Gigli

Jennifer Lopez in Gigli

Ishtar

Dustin Hoffman,protagonista di Ishtar

Last action hero

Arnold Schwarznegger nel clamoroso fiasco Last action hero

Ho citato tre film che sono stati un’autentica sciagura per le case che li hanno prodotti; paradossalmente, i tratta di tre ottimi film, sopratutto I cancelli del cielo. Un western atipico, girato da Cimino sull’onda del grandissimo successo di Il cacciatore; un film straordinario, un affresco potente e drammatico della storia nascosta degli americani, quella che non amano ricordare; un film assolutamente unico per fastosità, ambientazione e per la bellezza lirica delle immagini usate.

Per quegli strani giochi del destino che determinano il successo o il fiasco di una produzione, il film di Cimino mandò in bancarotta la United Artist, che lo aveva prodotto. Altro esempio di cinema di assoluto livello bocciato ai botteghini è Dune; chi non ha letto Herbert, l’autore del ciclo di romanzi da cui è tratto il film non può capire la difficoltà di condensare in tre ore una storia complessa e ingarbugliata come quella della saga di Arrakis, degli Harkonnen, del duca Leto; e Lynch, il regista, ci mise del suo, costruendo un film geniale e visionario, ma molto lontano dal classico film hollywoodiano, dai gusti del pubblico. Con il risultato di mandare in crisi De Laurentis.

Ragtime

Ragtime

Rambo 3

Silvester Stallone nello sfortunato Rambo III

Waterworld, di Kostner, è effettivamente un film pieno di buchi, ma dignitoso; costato uno sproposito, vide i tempi della sua realizzazione dilatati, scenografie sontuose, liti e risse verbali tra produzione e regista, con il risultato di fare fiasco al botteghino. Stessa sorte, anche se sicuramente meno deficitaria rispetto agli investimenti, toccò agli inizi degli anni 60 a Cleopatra, il film diretto da Mankiewicz, che costò uno sproposito e incassò meno della metà al botteghino. Il film, peraltro dignitoso, ebbe un suo seguito più per la storia d’amore tra i protagonisti, Liz Taylor e Richard Burton, che per le sue doti.

Il flop di Kostner, Waterworld

Uno degli insuccessi meno prevedibili e più grandi fu quello di Last action hero, diretto da John Mc Tiernan; il film, che voleva essere una parodia degli action americani, contava sulla presenza, nel cast, di Arnold Scwarznegger; lungi dall’essere attratti, gli spettatori, davvero pochi, bocciarono senza pietà una pellicola effettivamente debole. Buon per Spielberg che rifiutò la direzione del film, visto che stava preparandosi a girare il suo capolavoro, Schindler list. Mc Tiernan, che veniva da Caccia a ottobre rosso, ma anche dal clamoroso fiasco di Mato grosso,riuscirà a riprendersi solo con Die hard.

1941 allarme a Hollywood

1941 allarme a Hollywood, il fiasco di Spielberg

Beloved

Una scena dal film Beloved

Il Bounty

Bounty,con un giovane Mel Gibson

Un altro clamoroso fiasco ai botteghini fu Un sogno lungo un giorno, di Coppola;troppo in anticipo sui tempi,il film costò al regista la perdita della Zootrope,la neonata casa di produzione fondata con molte speranze e che invece fallì miseramente. Anche Cotton club, un gran bel film diretto ancora da Coppola non ebbe un buon riscontro al box office, pur non potendosi definire un autentico flop. Invece un flop clamoroso fu senz’altro 1941 allarme ad Hollywood, opera ambiziosa, divertente, in stile helzapoppin diretta da Spielberg. con un cast stellare, che andava da Belushi (praticamente ubriaco ogni giorno delle riprese) a Christopher Lee e Toshiro Mifune. Il film, una commedia sarcastica e ironica sulla paura derivata nella mecca del cinema dall’avvistamento di un sommergibile giapponese al largo della costa americana, venne impietosamente bocciata dal pubblico, nonostante i momenti spassosi non mancassero di certo.

Liz Taylor in Cleopatra

Flash Gordon, pellicola diretta da Hodges, Ragtime, di Milos Forman e Il Bounty di Donaldson possono essere definiti flop; costati tantissimo, questi film non hanno avuto assolutamente riscontro di pubblico. Come Rambo III, di Stallone, che segnò in qualche modo il declino dell’attore americano; nella storia recente si sono visti clamorosi fiaschi per registi di valore. come nel caso di Gigli, diretto da Martin Brest, con l’improbabile coppia Affleck-Lopez, di Beloved, per la regia di J.Demme, film brutto e scansato come la peste dagli spettatori.

Dune

Il bellissimo ma incompreso Dune, di David Lynch

Spesso un film diventa un flop anche per la stroncatura della critica; a questa regola non può opporsi nessuno, che sia un regista di grido o che sia un grande attore. Un caso emblematico è quello di Ishtar, ilm del 1987 diretto da Elaine May, con protagonisti Isabelle Adjani, Dustin Hoffman e Warren Beatty. Stroncato dalla critica, il film, che narra l’odissea di due cantautori in viaggio in Medio Oriente irretiti da una bella donna, e che si trovano nel bel mezzo di una rivoluzione divenne uno dei fiaschi più colossali della storia del cinema. Qualcuno arrivò a dire che rappresentava “un’offesa all’intelligenza, sia del pubblico, sia degli attori”.

Cotton club
Richard Gere in Cotton club

Un sogno lungo un giorno
Il fiasco di Coppola, Un sogno lungo un giorno

Una legge dura, quella del box office;che non risparmia praticamente nessuno, sia che si tratti del prestigioso regista che ha vinto l’oscar, sia che si tratti dell’attore sulla cresta dell’onda.

2 Risposte

  1. su waterworld sfati un mito, infatti molti pensano a un flop ma non fu così… a me risulta che il flop + clamoroso sia corsari con modine e davis (su cui si sprecano aneddoti sulle spese, tipo camion interi ordinati dalla produzione di merendine preferita dai 2 attori stessi)… vedere che poi sullo stesso genere piratesco, la disney ha fatto un mucchio di soldi con quell’insulto al cinema dei pirati dei caraibi fa cadere le braccia per non dire altro.

  2. Corsari non era brutto, ma è da tanto tempo che i film “acquatici” inspiegabilmente vengono trascurati dal pubblico.
    Waterworld in realtà fu un flop tra costi/ricavi, ma si tratta comunque di un buon film

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: