Nude per l’assassino

Durante una pratica d’aborto, una ragazza muore per arresto cardiaco; il dottore che le praticava l’aborto, sconvolto, chiama un amico per simulare un incidente, immergendo la ragazza in una vasca d’acqua. In qualche modo la ragazza è legata ad una agenzia fotografica, la Albatros,diretta da Gisella, un’ambigua donna con un marito voyeur e impotente .

Nude per l'assassino 10

Edwige Fenech

 Da quel momento si vedranno cadere, sotto i colpi di un misterioso killer, molti dei suoi componenti. Il primo ad essere colpito è un fotografo, che viene brutalmente assassinato. E’ poi la volta di Lucia (Femi Benussi), una giovane modella che Carlo (Nino Castelnuovo), un donnaiolo fotografo dello studio, ha conosciuto in uno stabilimento al coperto, e che con lei ha avuto una breve relazione.

Nude per l'assassino 9

 La polizia inizia ad indagare, e i sospetti sembrano concentrarsi proprio su carlo. Che, nel frattempo ha intrecciato una relazione con la bellissima Magda (Edwige Fenech),e che sembra essere al centro della vicenda. Tocca poi al marito di Gisella essere ucciso, e in rapida successione tocca alla donna stessa. Ormai la polizia è sulle tracce di Carlo, ritenendolo l’assassino seriale;ma Carlo, che ha seguito Gisella, ricattata da un personaggio misterioso, assiste all’omicidio di quest’ultima, e riesce a scattare, con una pellicola all’infrarosso, dei fotogrammi del misterioso assassino.

Nude per l'assassino 2
Femi Benussi

Nude per l'assassino 1

 Che rapisce Magda, e la trascina a casa di Stefano e Doris, altri due personaggi legati alla Albatros, che vengono uccisi in maniera efferata. L’intervento provvidenziale di Carlo salva Magda , che alla fine scopre la vera identità e il movente dei misteriosi omicidi.

Nude per l'assassino 3

Nonostante i molti buchi della sceneggiatura, Nude per l’assassino è un thriller di discreta fattura, diretto da Andrea Bianchi nel 1975.Il titolo, molto ammiccante, risulta particolarmente adeguato alla pellicola; dalla Benussi con qualche chiletto di troppo, alla splendida Fenech, questa volta con una curiosa capigliatura alla maschiaccio, passando per Erna Schurer e Giuliana Cecchini, è tutto un proliferare di generosi nudi frontali. Che, se vogliamo, è comunque un bel vedere. Le musiche sono di Berto Pisano, che ben si adattano all’atmosfera leggermente dark del film, che per buona parte del secondo tempo è stato girato in penombra.

Forse il neo maggiore è nei dialoghi, spesso infantili. Ma una volta tanto le scene di sangue sono contenute, senza alcuna concessione allo splatter

Nude per l'assassino 4

Nude per l'assassino 8

Nude per l’assassino, un film di Andrea Bianchi. Con Femi Benussi, Nino Castelnuovo, Edwige Fenech, Erna Schurer,Solvi Stubing, Franco Diogene Drammatico, durata 93 min. – Italia 1975

Nude per l'assassino banner personaggi

Edwige Fenech -Magda
Nino Castelnuovo -Carlo Gunter
Femi Benussi-Lucia Cereser
Solvi Stubing -Patrizia
Giuliana Cecchini-Gisella Pozzani Mayer
Franco Diogene -Maurizio Pozzani
Erna Schürer -Doris

Nude per l'assassino banner cast

Regia Andrea Bianchi
Soggetto Andrea Bianchi
Sceneggiatura Massimo Felisatti
Casa di produzione Fral Cin.ca
Fotografia Franco Delli Colli
Montaggio Berto Pisano
Musiche Francesco Bertuccioli
Scenografia Sergio Palmieri
Costumi Adriana Manini, Clary Mirolo
Trucco Marcello Di Paolo

Nude per l'assassino banner gallery

Nude per l'assassino 3

Nude per l'assassino 2

Nude per l'assassino 1

Nude per l'assassino 5

Nude per l'assassino 6

Nude per l'assassino 7

Nude per l'assassino locandina 6

Nude per l'assassino locandina 5

Nude per l'assassino locandina 4

Nude per l'assassino locandina 3

Nude per l'assassino locandina 1

Nude per l'assassino foto 9

Nude per l'assassino foto 8

Nude per l'assassino foto 4

Nude per l'assassino foto 7

Nude per l'assassino foto 6

Nude per l'assassino foto 5

Nude per l'assassino foto 2

Nude per l'assassino foto 1

Nude per l'assassino locandina 7

Quel gran pezzo della Ubalda, tutta nuda e tutta calda

Quel gran pezzo dell'Ubalda locandina

Si potrebbe dire un titolo,un programma.
In effetti la pellicola di Mariano Laurenti non si discosta molto dal filone dei decamerotici,ovvero quei film che inondarono i cinema all’indomani del fortunato esordio del capostipite della file,Il Decameron di Pasolini,opera di ben altra fattura rispetto ai pruriginosi seguiti che proliferarono per molto tempo,saccheggiando il repertorio classico della letteratura boccaccesca italiana,con madonne dal caldo inferno,Masucci napoletani con le braghe in mano e altri titoli che per lo meno denotavano un buon sforzo di fantasia.

Quel gran pezzo dell'Ubalda 15

Quel gran pezzo dell'Ubalda 14

In questa pellicola la Ubalda,una splendida Edwige Fenech,è sposata ad un mugnaio,Mastro Oderisi,e d è insidiata,per la sua bellezza,da un soldato di ventura,uno sfigatissimo Pippo Franco,che è stato allontanato dal talamo coniugale dalla moglie,interpretata da Karin Schubert.

Quel gran pezzo dell'Ubalda 13Karin Schubert

Dopo una serie di vicissitudini che potremmo definire boccaccesche,il mugnaio e il soldato di ventura decideranno di scambiarsi le mogli,ma non potranno farlo per la presenza delle cinture di castità.

Quel gran pezzo dell'Ubalda 12

Uno dei film che lanciò la bellezza sfolgorante della Fenech,e questo basterebbe a cantarne le lodi;in realtà il film,pur con qualche trovata divertente,non fece altro che ammiccare ad un certo tipo di cinema,quello pruriginoso e scollacciato che forte della liberalizzazione dei costumi cinematografici,impose per molto tempo una teoria di bellezze nude e impegnate in improbabili triangoli amorosi.

Quel gran pezzo dell'Ubalda 10

Quel gran pezzo dell'Ubalda 9

Pippo Franco e Gabriella Giorgelli

Il Decameron di Pasolini aveva tentato di giustificare il sesso come forma di liberazione,l’unica possibile,in un medioevo in cui ai poveri altro non era concesso,se non un libero e sfrenato erotismo;un’opera anti clericale e anti potere.
Il film di Laurenti invece,non avendo alcuna velleità,gioca tutto su un erotismo pecoreccio e su battute da caserma;ma in fondo,chi andava a vedere questi film,sapeva benissimo a cosa andava incontro.

Quel gran pezzo dell'Ubalda 8

Quel gran pezzo dell'Ubalda 7Edwige Fenech

E perlomeno,in mezzo a tanta immondizia che invase i cinema,Quel gran pezzo dell’Ubalda qualche risata riuscì davvero a strapparla.

Un film di Mariano Laurenti. Con Umberto D’Orsi, Edwige Fenech, Pippo Franco, Karin Schubert, Alberto Sorrentino, Pino Ferrara, Bruno Boschetti, Gabriella Giorgelli, Gino Pagnani, Carla Mancini, Renato Malavasi, Renato Montalbano. Genere Commedia, colore 91 minuti. – Produzione Italia 1972.

Quel gran pezzo della Ubalda banner personaggi

Edwige Fenech: La Ubalda
Pippo Franco: Olimpio de’ Pannocchieschi
Karin Schubert: Fiamma
Umberto D’Orsi: Mastro Oderisi
Pino Ferrara: frate manesco
Gino Pagnani: Mastro Deodato
Alberto Sorrentino: notaio Adone Bellezza
Renato Malavasi: medico
Dante Cleri: Cantarano Da Nola
Gabriella Giorgelli: ragazza nel fienile

Quel gran pezzo della Ubalda banner cast

Regia Mariano Laurenti
Soggetto Tito Carpi, Luciano Martino
Sceneggiatura Carlo Veo, Tito Carpi
Fotografia Tino Santoni
Montaggio Giuliana Attenni,
Musiche Bruno Nicolai
Scenografia Antonio Visone

Quel gran pezzo della Ubalda banner gallery

quel-gran-pezzo-della-ubalda-open

Quel gran pezzo dell'Ubalda 6

Quel gran pezzo della Ubalda 7

Quel gran pezzo della Ubalda 6

Quel gran pezzo della Ubalda 5

Quel gran pezzo della Ubalda 4

Quel gran pezzo della Ubalda 3

Quel gran pezzo della Ubalda 2

Quel gran pezzo della Ubalda 1

Quel gran pezzo dell'Ubalda 11

Quel gran pezzo dell'Ubalda 5

Quel gran pezzo dell'Ubalda 4

Quel gran pezzo dell'Ubalda 3

Quel gran pezzo dell'Ubalda 2

Quel gran pezzo dell'Ubalda 1

quel-gran-pezzo-della-ubalda

quel-gran-pezzo-della-ubalda-lc

Quel gran pezzo della Ubalda locandina 1

Quel gran pezzo della Ubalda foto 5

Quel gran pezzo della Ubalda foto 6

Quel gran pezzo della Ubalda foto 4

Quel gran pezzo della Ubalda foto 3

Quel gran pezzo della Ubalda foto 2

Quel gran pezzo della Ubalda foto 1

Morte sospetta di una minorenne


Claudio Germi è un commissario di polizia che lavora sotto copertura; gira con una scassatissima Dyane 6, e per rendere credibile la sua copertura non esita a rapinare, con il giovane Giannino, prostitute.

Morte sospetta di una minorenne 10

In realtà il commissario sta indagando sul sequestro di un bambino, quando si imbatte, per una coincidenza non fortuita, nell’omicidio di Marisa, una minorenne che si scoprirà essere la nipote del ricchissimo e potente Gaudenzio Pesce. Durante le indagini, Germi si imbatte nell’agenzia Smcd, all’apparenza una normale agenzia che procura baby sitter, in realtà una centrale operativa per il mercato del sesso di minorenni.

Morte sospetta di una minorenne 1

Lia Tanzi (Carmela) con Claudio Cassinelli (Claudio Germi)

Seguendo Floriana, una giovane prostituta a tempo perso, Claudio Germi si imbatte nel Menga, un balordo che sfrutta la ragazza e che è implicato nel sequestro del bambino. Durante una sparatoria, sia Floriana che il Menga rimangono uccisi, ma Claudio riesce a recuperare i due miliardi del riscatto. Avversato dai colleghi per i suoi metodi anticonvenzionali, Germi deve guardarsi anche dal procuratore Listri, poco propenso all’uso dei sistemi spicci del commissario.

Morte sospetta di una minorenne 4

Barbara Magnolfi è Floriana

Appoggiato, almeno agli inizi, dal questore, Claudio continua sulla sua strada, sicuro che dietro l’agenzia si nascondano sia i veri motivi della morte di Marisa, sia qualcosa di molto peggio del giro di squillo. Grazie a Carmela, un’altra prostituta, trova altre tracce, mentre un killer biondo, con gli occhiali a specchio, semina attorno a lui la morte, uccidendo dapprima la tenutaria della casa dove Marisa incontrava il suo amante, sia Carmela.

Morte sospetta di una minorenne 2

Morte sospetta di una minorenne 3

Ma l’input decisivo arriva da Gloria, amica intima e “collega” di Marisa; la ragazza svela i veri retroscena, coinvolgendo il ricco e insospettabile Gaudenzio Pesce. Ma Giannino e Gloria muoiono saltando in aria sulla vespa del ragazzo, e un Claudio Germi assetato di vendetta andrà fino alla fine della strada, per catturare il vero responsabile morale della vicenda.Diretto bene da Sergio Martino , Morte sospetta di una minorenne è un thriller tradizionale, di buona fattura; molto carina la scena dell’inseguimento della Dyane scalcinata di Germi da parte del collega Teti, che non sospetta chi ci sia alla guida dell’auto.

Morte sospetta di una minorenne 5

a destra Adolfo Caruso è Giannino

Buone le recitazioni di Cassinelli, di Mel Ferrer e di Massimo Girotti. Le bellezze di turno, ed è il caso di dirlo, sono Jenny Tamburi,Lia Tanzi, Barbara Magnotti,Patrizia Castaldi.

Il film è ora disponibile su Youtube,all’indirizzo http://www.youtube.com/watch?v=5k35Cm3DTm4 in un’ottima versione.

Morte sospetta di una minorenne 6

Morte sospetta di una minorenne 7


Morte sospetta di una minorenne, un film di Sergio Martino. Con Mel Ferrer, Claudio Cassinelli, Lia Tanzi, Jenny Tamburi.Barbara Magnolfi, Massimo Girotti, Gino Pernice, Fiammetta Baralla, Pino Caruso, Gianfranco Barra, Carlotta Wittig
Poliziesco, durata 94 min. – Italia 1975.

Morte sospetta di una minorenne banner gallery

Morte sospetta di una minorenne 1

Morte sospetta di una minorenne 2

Morte sospetta di una minorenne 3

Morte sospetta di una minorenne 4

Morte sospetta di una minorenne 5

Morte sospetta di una minorenne 8

Morte sospetta di una minorenne 9

Morte sospetta di una minorenne banner personaggi

Claudio Cassinelli: Paolo Germi
Mel Ferrer: questore
Lia Tanzi: Carmela
Gianfranco Barra: Teti
Patrizia Castaldi: Marisa
Adolfo Caruso: Giannino
Jenny Tamburi: Gloria
Massimo Girotti: Gaudenzio Pesce
Carlo Alighiero: capo ufficio S.M.C.D.
Franco Alpestre: il Menga, Raimodo Menghini
Fiammetta Baralla: albergatrice
Barbara Magnolfi: Floriana
Aldo Massasso: procuratore Listri
Roberto Posse: killer con occhiali da sole
Carlotta Witting: direttrice di S.M.C.D.
Franca Scagnetti: madre di Giannino
Anita Laurenzi: madre di Gloria
Franco Diogene: avvocato di Pesce
Alessandra Vazzoler: prostituta
Dino Emanuelli: giornalista
Maurizio Mattioli: protettore delle prostitute

Morte sospetta di una minorenne banner cast

Regia Sergio Martino
Soggetto Ernesto Gastaldi
Sceneggiatura Ernesto Gastaldi, Sergio Martino
Produttore Luciano Martino
Casa di produzione Dania Film
Distribuzione (Italia) Titanus
Fotografia Giancarlo Ferrando
Montaggio Raimondo Crociani
Musiche Luciano Michelini
Scenografia Paolo Innocenzi e Elio Micheli
Costumi Elio Micheli

Trucco Mario Van Riel

Morte sospetta di una minorenne locandina 2

Morte sospetta di una minorenne locandina 1

Morte sospetta di una minorenne foto 2

Morte sospetta di una minorenne foto 1

 


 

Agostina Belli

Agostina Belli Foto

Anna Maria Magnoni, in arte Agostina Belli, è nata a Milano il 13 aprile del 1949. Donna bellissima, dagli occhi molto espressivi, talento da vendere, Agostina ha avuto una carriera decisamente particolare, in bilico tra un cinema d’elite e uno molto più attento al commerciale.

Inizia a lavorare mentre è impegnata come commessa alla Rinascente, a Milano; è un lavoro che le sta stretto, così un giorno del 1968 si reca ad un provino dal regista Carlo Lizzani, che sta per avviare le riprese di Banditi a Milano, film ispirato alle tragiche gesta della banda Cavallero, che insanguinò Milano negli anni 60.

Agostina Belli Giornata nera per l'ariete

Giornata nera per l’ariete 1972

Agostina Belli Vai avanti tu che mi viene da ridere

Nel film Vai avanti tu che mi viene da ridere

La prendono nel cast, nel quale c’è il grande Volontè; lei ha una piccola parte, ma basta per mostrare di quale bellezza, e di quale temperamento sia dotata. Nel 1969 arriva una parte leggermente più ampia, nel film Il terribile ispettore, di Mario Amendola, nel quale è Giorgina, al fianco della giovane promessa Paolo Villaggio e con consumati attori come Campanini e Mulè; nel 1970 accetta diversi lavori, quasi tutti di mediocre livello, come Faccia da schiaffi,Formula 1 -nell’inferno del Grand Prix e Angeli senza paradiso; nel film, diretto da Fizzarotti, è al fianco di Albano, che intrerpreta Schubert e della futura moglie di quest’ultimo Romina Power.

Agostina Belli Barbablu 1

Agostina Belli Barbablu 2

Agostina Belli Barbablu 3
Tre fotogrammi tratti da Barbablu, girato con Richard Burton

Durante la lavorazione del film è vittima di un grave incidente stradale, che la costringerà a lunghe e dolorose cure. Sempre nel 1970 accade un altro fatto che segnerà in maniera profonda la vita dell’attrice. Viene uccisa,nella pensione che gestisce, sua madre.

Agostina Belli All'onorevole piacciono le donne
All’onorevole piacciono le donne

Agostina Belli Profumo di donna
Con
Gassman in Profumo di donna

La sua carriera decolla e si moltiplicano le offerte di lavoro; è un’attrice espressiva, capace di ricoprire ruoli drammatici o comici, senza grossi problemi. Arrivano così il musicarello Ma che musica maestro, Giornata nera per l’ariete nel ruolo di Giulia, al fianco di Franco Nero, lo spassoso ruolo di Fulvia nel film di Pasquale Festa Campanile La calandria, nel quale recita con la Bouchet e con Lando Buzzanca, l’idolo del momento.

Agostina Belli Conviene far bene l'amore

Con un giovane Christian De Sica in Conviene far bene l’amore

Nel 1972 è sul set di film di grosso livello, e sopratutto film ben visti dalla critica e supportati da ottimi incassi: Senza famiglia, nullatenenti cercano affetto, in cui recita al fianco di Gassman e di Paolo Villaggio, nel ruolo di Rosalia nel pluri premiato film della Wertmuller Mimi metallurgico ferito nell’onore, maiuscola prova di un giovane ,Giancarlo Giannini, nel graffiante e sottovalutato All’onorevole piacciono le donne, opera straordinaria di Lucio Fulci, nella quale rivaleggia in bellezza con la Antonelli e con la Strindberg, oltre che con la sfortunata Eva Czemerys.

Agostina Belli Telefoni bianchi

Nel film di Risi Telefoni bianchi

A chiudere l’anno, strepitoso, arriva Barbablù, un successo internazionale conosciuto anche come Bluebeard. Lei è Caroline, una delle moglie di Barbablu, un grande Richard Burton. Il cast è stellare, e comprende Virna Lisi, Marilu Tolo,Nathalie Delon,Raquel Welch. Lei, con la sua bellezza delicata, non sfigura affatto.

Agostina Belli Un taxi color malva

Un taxi color malva

E’ una prova maiuscola, che le permette, nell’anno successivo, di avere la parte della protagonista in Sepolta viva di Aldo Lado; lei interpreta Christine, la moglie di un conte che viene fatta sparire in una torre per evitare che possa far cambiare politica al marito, dalla quale riemergerà con il classico happy end.Il successo è grande, e sul set del film conosce l’attore Fred Robsham, con il quale condividerà una lunga parentesi sentimentale. Il 1974 la consacra a star di prima grandezza; dopo aver girato film commerciali, che si chiamano Baciamo le mani, di Schiraldi, Quando l’amore è sensualità, con la bella e algida svedese Ewa Aulin, per la regia di Vittorio De Sisti, Revolver, di Sergio Sollima, al fianco di una star come Oliver Reed e di Fabio Testi, interpreta il ruolo di Veronica nel lacrima movies L’ultima neve di primavera. Il film, sorretto da una bella colonna sonora, di Franco Micalizzi, da una storia intrigante per il grande pubblico, diviene un campione d’incassi, portando la notorietà di Agostina a livelli eccellenti.Accetta molti ruoli, alcuni francamente interpretati solo per denaro; è il caso di Virilità, de Il lumacone e del film La governante. Ma accetta anche il ruolo di Sara nel capolavoro di Risi, Profumo di donna, film candidato all’oscar anche e sopratutto per la gigantesca prova di Vittorio Gassman.

Agostina Belli Wallpaper

Accanto al capolavoro di Risi, interpreta anche il pessimo Il figlio della sepolta viva,Il piatto piange di Paolo Nuzzi e Alla mia cara mamma nel giorno del suo compleanno di Luciano Salce. Nel frattempo la Belli ha cambiato vita, andando a vivere nella quiete della campagna romana; è una donna che non ama la ribalta, e qualche giornalista è costretto ad inventarsi gli scandali essendo la Belli scevra da manie di protagonismo. Si moltiplicano le apparizioni:recita con Pozzetto in Due cuori e una cappella, diretta da Lucidi, in Conviene far bene l’amore di Festa Campanile, e sopratutto in Telefoni bianchi, da assoluta protagonista; il film di Risi non è un granchè, e si regge proprio sulla superba recitazione della Belli. Il successo internazionale riportato da Profumo di donna le permette di scegliere film che varcano i confini nazionale: lavora in Un taxi color malva, film diretto da Boisset,al fianco di Noiret, della Rampling e del mito Fred Astaire e in Holocaust 2000, al fianco di Kirk Douglas, nel discusso film di De Martino sull’anticristo che sulle orme di Daniel Thorne ripesca la storia di Omen-Il presagio cercando di riportarla in auge.

Agostina Belli Quando l'amore è sensualità
Quando l’amore è sensualità

Agostina Belli Il piatto piange
Il piatto piange

Agostina Belli La calandria
La calandria

Agostina Belli Holocaust 2000

Holocaust 2000

I film successivi segnano una netta inversione di tendenza:Doppio delitto, Suggestionata, Disposta a tutto sono film di routine. Non c’è più quella scintilla che aveva caratterizzato le sue ultime interpretazioni, e dopo aver interpretato con bravura il film Enfantasme, di Claudia Lanza, nel 1978, rimane in disparte per 4 anni. Torna nel 1982 al fianco di Lino Banfi in Vai avanti tu che mi viene da ridere, di Giorgio Capitani, nel quale è Andrea, che si finge un travestito per sfuggire ad un killer.Una commedia spassosa, che mostra come Agostina sia in possesso di eccezionali capacitò comiche. Ma, imprevedibilmente, scompare dagli schermi. Nulla trapela sui motivi per cui sceglie di ritirarsi dagli schermi, e lei, che protegge la sua via privata in maniera maniacale, non spiega i motivi del ritiro. Appare solo in qualche fiction tv, poi, nel 1987 nei film Soldati-365 all’alba, diretta da Marco Risi e in Una donna da scoprire, per la regia di Sesani. Da allora, solo qualche particina in serie tv, prima della rentree prevista nel film Amore che vieni amore che vai

Agostina Belli Un amour interdit

Un amour interdit

Una decisione, quella della Belli, apparentemente senza motivi; sopratutto inspiegabile, alla luce della grande popolarità che aveva sul finire degli anni settanta; un vero peccato, perchè Agostina ha calcato le scene con grazia, con bravura. Sopratutto con il suo enorme fascino.

Agostina Belli Doppio delitto
Doppio delitto

Agostina Belli-Banner filmografia

Uno su due (2006)
Favola (1996)
Fratello dello spazio 1988
Una Donna da scoprire, (1987)
Soldati – 365 all’alba (1987)
Torna (1984)
La Guérilléra, 1982
Vai avanti tu che mi vien da ridere (1982)
Enfantasme  1978
Suggestionata 1978
Manaos 1978
Doppio delitto (1977)
Holocaust 2000 (1977)
Disposta a tutto (1977)
Un Taxi color malva 1977
Cara sposa (1977)
Telefoni bianchi (1976)
Giochi di fuoco (1976)
Conviene far bene l’amore (1975)
Due cuori, una cappella (1975)
Profumo di donna (1974))
Il Piatto piange (1974)
Alla mia cara mamma nel giorno del suo compleanno (1974)
Il Figlio della sepolta viva (1974)
La Governante (1974)
Virilità (1974))
Il Lumacone (1974)
L’Ultima neve di primavera (1973)
Revolver (1973)
Quando l’amore è sensualità (1973)
Baciamo le mani (1973)
Sepolta viva (1973)
Barbablù 1972
All’onorevole piacciono le donne(1972)
Mimì metallurgico ferito nell’onore (1972
Senza famiglia, nullatenenti cercano affetto (1972)
La Notte dei diavoli (1972)
La Calandria (1972)
Giornata nera per l’ariete (1971)
Ma che musica maestro (1971)
Il Castello dalle porte di fuoco (1970)
Angeli senza paradiso (1970)
Il Caso ‘Venere privata’ (1970)
Faccia da schiaffi (1970)
Formula 1 – Nell’Inferno del Grand Prix (1970))
Il Terribile ispettore (1969)
Banditi a Milano  1968

Agostina Belli-Banner gallery

Agostina Belli Duecuori una cappella
Due cuori e una cappella,
nella foto con  Renato Pozzetto

Agostina Belli Manaos

Manaos

Agostina Belli Revolver

Con Oliver Reed in Revolver

Agostina Belli Mimi metallurgicoCon Giancarlo Giannini in Mimi metallurgico

Agostina Belli l'ultima neve di primavera

L’ultima neve di primavera

Agostina Belli-Il castello dalle porte di fuoco

 Il castello dalle porte di fuoco

Agostina Belli-Il genio

Il genio 

Agostina Belli Formula 1 – Fratello dello spazio

Fratello nello spazio

Agostina Belli Formula 1 – Nell’Inferno del Grand Prix

Formula 1 nell’inferno del Grand Prix

Agostina Belli On ne le dira pas aux enfants

On ne le dirà pas aux enfants

Agostina Belli Virilità

Virilità

Agostina Belli La Guérilléra

La guerillera

Agostina Belli La governante

La governante

Agostina Belli Il terribile ispettore

Il terribile ispettore

Agostina Belli Il lumacone

Il lumacone

Agostina Belli Il genio

Il genio

Agostina Belli Il caso Venere privata

Il caso Venere privata

Agostina Belli Giochi di fuoco

Giochi di fuoco

Agostina Belli Cara sposa

Cara sposa

Agostina Belli Banditi a Milano

Banditi a Milano

Agostina Belli-Favola

Favola

Agostina Belli La notte dei diavoli

La notte dei diavoli

Agostina Belli Angeli senza paradiso

Angeli senza paradiso

agostina-belli-soldati-365-allalba

Soldati-365 all’alba

Agostina Belli-Banner foto book

 Agostina Belli-foto 6

Agostina Belli-foto 5

Agostina Belli-foto 4

Agostina Belli-foto 3

Agostina Belli-foto 2

Agostina Belli-foto 1

Vi prego di dedicare pochi secondi per rispondere al sondaggio che segue:le vostre opinioni sono importantissime!

Justine, ovvero le disavventure della virtù

Mentre è rinchiuso in carcere, il marchese Geremy Donatien De Sade (Klaus Kinskj), si dedica alla scrittura di un romanzo, Justine e Juliette.

Le protagoniste sono due sorelle molto diverse tra di loro; mentre Juliette è libertina e dai costumi facili, Justine è una ragazza morigerata e dalle ferme virtù. Un giorno restano orfane, e sono costrette ad andar via dal collegio in cui vivevano.

Justine le disavventure della virtu 2

Mentre Juliette trova immediatamente la sua strada, andando a lavorare in un postribolo, per Justine l’unica strada percorribile è quella della domestica.

Justine le disavventure della virtu 1

Ma nella casa dove va a vivere, il padrone si incapriccia di lei, e poichè non vuol cedere alle sue avance, la ragazza viene ingiustamente accusata di furto, imprigionata e condannata a morte. Grazie alla  Debois, una ladra famosissima che la prende in simpatia, evade dal carcere e segue la sua nuova protettrice a casa sua.

Justine le disavventure della virtu 10

Justine le disavventure della virtu 3

Dove ben presto diventa la preda ambita dei compagni di ventura della donna; qui Justine conosce il timido Raymond, un pittore, e si innamora di lui. L’uomo la strappa dai delinquenti e la porta a vivere con se; ma ben presto le guardie reali scoprono il suo nascondiglio, e lei fugge per andare a trovare rifugio da un nobile, il marchese di Bressac.

Justine le disavventure della virtu 4

L’uomo, che ha in mente di uccidere la moglie, la mette al corrente delle sue intenzioni. Dopo aver commesso l’assassinio, Bressac decide di liberarsi di Justine, non prima di averla marchiata con l’infamante M, che distingueva i criminali dalla gente per bene. Ancora una volta Justine fugge, e questa volta trova rifugio in un convento.

Justine le disavventure della virtu 6

Ma il convento è abitato da una masnada di monaci violenti, sadici e dediti ai piaceri della carne. All’interno dello stesso, infatti, altre ragazze sono costrette a soddisfare le voglie oscene dei prelati. Un incendio permette a Justine di fuggire, ma questa volta il nemico è la sua vecchia protettrice, la Dubois, che la costringe ad esibirsi in un circo, nuda. Alla vista dell’infamante M., il pubblico la indica come assassina, e per Justine sarebbe finita se in quel momento non passasse sua sorella Juliette………….

Justine le disavventure della virtu 5

Diretto da Jesus Franco, il film, aldilà delle nudità generose di una giovane Romina Power, si segnala per l’ambientazione, per i costumi e per il cast, di alto livello, nel quale spiccano Terence Stamp, la Koscina, Kinsky, Rosalba Neri e Rosemary Dexter.Le musiche sono di Bruno Nicolai.

Justine le disavventure della virtu 7

Justine, ovvero le disavventure della virtù
Un film di Jesus Franco. Con Klaus Kinski, Akim Tamiroff, Jack Palance, Sylva Koscina, Romina Power, Maria Rohm, Rosalba Neri Titolo originale Marquis de Sade: Justine. Erotico, durata 124′ min. – Italia 1969.

Justine le disavventure della virtù banner gallery

Justine le disavventure della virtu 8

Justine le disavventure della virtù 11

 

Justine le disavventure della virtù 10

 

Justine le disavventure della virtù 9

 

Justine le disavventure della virtù 8

 

Justine le disavventure della virtù 7

 

Justine le disavventure della virtù 6

 

Justine le disavventure della virtù 5

 

Justine le disavventure della virtù 4

 

Justine le disavventure della virtù 3

 

Justine le disavventure della virtù 2

 

Justine le disavventure della virtù 1

 

Justine le disavventure della virtu 9

Justine le disavventure della virtù banner personaggi

* Romina Power: Justine
* Klaus Kinski: Marchese de Sade
* Maria Rohm: Juliette
* Jack Palance: Fratello Antonello
* Akim Tamiroff: Mr. de Harpin
* Howard Vernon: Fratello Clement
* Horst Frank: Marchese de Bressac
* Harald Leipnitz: Raymond
* Sylva Koscina: Marchesa de Bressac
* Mercedes McCambridge: la Dubois
* Rosalba Neri: Florette
* José Manuel Martín: Victor
* Gérard Tichy: il Conte
* Carmen del Rio: Mme de Buisson
* Rosemary Dexter: Claudine
* Gustavo Re: Mr. Desroches
* Serena Vergano: una prigioniera
* Jesús Franco: un ciarlatano
* Claudia Gravi: Olivia
* Luis Ciges: Rudolf
* Oscar Angel Petit: Jasmin
* Mike Brandel: Pierre

Justine le disavventure della virtù banner cast

Regia Jesús Franco
Soggetto Justine o le disavventure della virtù del Marchese de Sade
Sceneggiatura Harry Alan Towers
Produttore Towers of London,
Corona Filmproduktion,
Aica Cinematografica
Fotografia Manuel Merino
Montaggio Nicholas Wentworth
Musiche Bruno Nicolai
Scenografia Santiago Ontañón

Justine le disavventure della virtù foto 3

Justine le disavventure della virtù foto 2

Justine le disavventure della virtù foto 1

Florinda Bolkan

 

Attrice brasiliana, nata a Uruburetama, un piccolo centro con meno di 20.000 abitanti, nello stato del Ceara, nel 1941. E’ arrivata al cinema relativamente tardi, a 27 anni, quando lavorava come hostess sulle linee aeree del suo paese; venne notata da Marina Cicogna,una produttrice cinematografica molto importante, che la volle con se per introdurla nel mondo del cinema. L’occasione arrivò immediatamente; il regista Luchino Visconti, che stava per girare La caduta degli dei, la volle nel cast del film, anche se con una piccola parte, quella di Olga.

Florinda Bolkan La caduta degli dei

La caduta degli dei

Florinda Bolkan Una stagione all'inferno
Florinda Bolkan
in Una stagione all’inferno

Nel frattempo lavora con il regista italiano Giuliano Montaldo, che la portò nel cast di Gli intoccabili, nel quale l’attrice brasiliana intepreta il ruolo di Joni Adamo; è un film importante, con un cast di alto livello, nel quale spiccano gli attori Cassavetes e Falk, oltre a Gena Rowlands e Britt Ekland. Nel 1969 arriva il personaggio di Nina nel film di Giuseppe Patroni Griffi Metti una sera a cena;

Florinda Bolkan Metti una sera a cena
La Bolkan nel film di Patroni Griffi Metti una sera a cena

Florinda è bellissima nel ruolo di Nina, moglie dello scrittore Michele, che avrà una torbida relazione con Max, da quale si separerà prima di avviare un menage a trois con il marito e l’amante. La bravura e la bellezza della Bolkan non passano di certo inosservate.

Florinda Bolkan Cari genitori
Cari genitori

E dopo due lavori minori come Il ladro di crimini e Un detective, arriva Una stagione all’inferno, film diretto da Nelo Risi, nel quale Florinda interpreta il ruolo di Gennet,amore totale dello scrittore maledetto Rimbaud. Nel 1970 arriva la consacrazione a star di livello; dopo il buon E venne il giorno dei limoni neri, interpreta Augusta Terzi nel pluri premiato Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, d Elio Petri. E’ accanto ad un gigantesco Gian Maria Volontè, che nel film la uccide, prima di disseminare prove sul suo omicidio per vedere se il potere che rappresenta è davvero al di sopra di tutto.

Florinda Bolkan Una ragazza piuttosto complicata
Due fotogrammi con la Bolkan nel film Una ragazza piuttosto complicata

Arriva anche il successo di critica e di pubblico di Anonimo Veneziano, diretto da Enrico Maria Salerno, nuovamente al fianco di Toni Musante; questa volta il ruolo è da protagonista assoluta.

E’ Valeria, l’ex moglie di Enrico, che sta per provare, per la prima volta,la composizione Anonimo veneziano, il suo canto del cigno prima della morte. Un film molto bello, struggente, che la porta ad avere numerosi consensi per la bravura con cui recita nel ruolo drammatico di Valeria; la Bolkan sembra lanciatissima, e nel 1971 lavora in Incontro, del regista Piero Schivazappa, al fianco di Massimo Ranieri.

Florinda Bolkan Una lucertola con la pelle di donna

 Una lucertola con la pelle di donna

Nello stesso anno è la protagonista assoluta di Una lucertola con la pelle di donna, di Lucio Fulci, nel quale è Carol; un film giallo con forti connotazioni erotiche. L’anno successivo lavora ancora con Fulci, nell’ottimo Non si sevizia così un paperino, nel quale è la Maciara, vittima innocente della superstizione della gente del posto. Seguono Un uomo da rispettare, al fianco di Kirk Douglas, un film mediocre diretto da Michele Lupo e Una breve vacanza, nel quale è Clara, una donna con tre figli da sfamare è una malattia polmonare.

Florinda Bolkan Flavia la monaca

Immagine tratta dal film Flavia, la monaca musulmana

La regia è di De Sica, al suo penultimo film dietro la macchina da presa. Il talento drammatico di Florinda, quel suo volto impassibile, capace però di grande espressività e istintivamente simpatico si esalta nel successivo Cari genitori, film sulla crisi generazionale diretto da Enrico Maria Salerno, prima di interpretare il mediocre Il montone infuriato.

Florinda Bolkan Missione d'amore
Missione d’amore

Florinda Bolkan Non si sevizia cosi un paperino

La Bolkan in Non si sevizia così un paperino, nel ruolo della Maciara

Nel 1974 è Flavia Gaetani in Flavia la monaca musulmana, una donna costretta a prendere i voti e che dopo l’assedio di Otranto si trova a simpatizzare per gli arabi che hanno massacrato settecento abitanti della cittadina pugliese. Arriva anche un piccolo gioiello, passato purtroppo quasi inosservato; si tratta di Le orme, film diretto da Luigi Bazzoni. Florinda è Alice, una traduttrice ossessionata da visioni notturne di frammenti di fantascienza.

Florinda Bolkan Le orme
Una rara immagine tratta dal film cult Le orme

Nel 1976 gira Il comune senso del pudore, debole film diretto da Sordi, e l’ottimo thriller La settima donna, di Franco prosperi, nel quale è ancora una volta una religiosa, stuprata da tre delinquenti. Poi, per cinque anni, non gira nulla; comparirà in Legati da tenera amicizia e in Acqua e sapone di Carlo Verdone, prima di approdare al serial Tv La piovra. Nel 1985 gira La gabbia, tornando a lavorare con Patroni Griffi, al fianco di una Laura Antonelli in declino; poi ancora un lungo black out, interrotto dalla partecipazione ad alcuni serial televisivi.

Florinda Bolkan La settima donna

La Bolkan nell’ottimo La settima donna

Non lavora più in film di spessore, tant’è vero che i suoi film successivi si chiamano Portaritratto per signora, Miliardi, Delitto passionale, La strana storia di Olga O. La sua ultima apparizione cinematografica è del 2003,nel film Cattive inclinazioni di Pierfrancesco Campanella.

Florinda Bolkan Quel rosso mattino di giugno
Nel film Quel rosso mattino di giugno

Florinda Bolkan L'ultima valleL’ultima valle

Florinda Bolkan Un uomo da rispettareUn uomo da rispettare

Florinda Bolkan Acqua e sapone
Acqua e sapone

Ultimamente la Bolkan è stata ospite del programma tv I migliori anni della nostra vita, nel corso del quale ha ricordato gli esordi in Italia, paese che in pratica la ha adottata, e verso il quale sente di avere un grosso debito di riconoscenza.

Florinda Bolkan Il ladro di crimini
Il ladro di crimini

Una carriera, quella di Florinda Bolkan,di ottimo livello, in cui ha mostrato un talento drammatico notevole; ancora oggi è ricordata con affetto dagli appassionati del cinema anni settanta, in cui ha dato sicuramente il meglio di se stessa.

Florinda Bolkan banner gallery

Florinda Bolkan Royal flash

Royal flash

Florinda Bolkan Io non conoscevo Tututu

Io non conoscevo tututu

Florinda Bolkan Il diritto d'amare

Il diritto d’amare

Anonimo veneziano

Florinda Bolkan Il comune senso del pudore

Il comune senso del pudore

Florinda Bolkan E venne il fiorno dei limoni neri

E venne il giorno dei limoni neri

Florinda Bolkan Candy

Candy

Florinda Bolkan Breve incontro

Breve incontro

Florinda Bolkan Indagine su un cittadino

 Indagine su un cittadino…..

Florinda Bolkan La gabbia
La gabbia

Florinda Bolkan Un detective
Un detective

Florinda Bolkan Some girl
Some girl

Florinda Bolkan Il comune senso del pudore
Il comune senso del pudore

Florinda Bolkan Gli intoccabili
Gli intoccabili

Florinda Bolkan Bela donna

Bela donna

Florinda Bolkan Affari di famiglia

Affari di famiglia

Florinda Bolkan Una stagione all'inferno

Una stagione all’inferno

Florinda Bolkan La piovra

La piovra

Florinda Bolkan Una breve vacanza

Una breve vacanza

Florinda Bolkan Acqua e sapone

Acqua e sapone

Florinda Bolkan Il montone infuriato

Il montone infuriato

Florinda Bolkan La notte breve

La notte breve

Florinda Bolkan La piovra 2

La piovra 2

Florinda Bolkan Tod im November

Tod im november

Florinda Bolkan Delitto passionale

Delitto passionale

Florinda Bolkan Ucciso in novembre

Ucciso in novembre

Florinda Bolkan banner filmografia

* Una ragazza piuttosto complicata 1968
* Gli intoccabili 1968
* Candy e il suo pazzo mondo (Candy) 1968
* Metti, una sera a cena 1969
* Il ladro di crimini (Le voleur de crimes) (1969)
* Un detective (1969)
* La caduta degli dei (1969)
* Una stagione all’inferno (1970)
* E venne il giorno dei limoni neri (1970)
* Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (1970)
* Anonimo veneziano (1970)
* L’ultima valle (1970)
* Incontro (1971)
* Una lucertola con la pelle di donna (1971)
* Non si sevizia un paperino (1972)
* Un uomo da rispettare (1972)
* Una breve vacanza (1973)
* Cari genitori (1973)
* Il montone infuriato (Le mouton enragé) (1973)
* Flavia la monaca musulmana (1974)
* Le orme (1975)
* Royal Flash – L’eroico fifone (Royal Flash) (1975)
* Quel rosso mattino di giugno (1975)
* Il comune senso del pudore (1976)
* La settima donna 1978
* Legati da tenera amicizia (1983)
* Acqua e sapone (1983)
* La Piovra (1984) – miniserie TV
* La Piovra 2 (1985) – miniserie TV
* La gabbia (1985)
* Affari di famiglia (1986) – film TV
* La formula mancata (1989) – miniserie TV
* Portaritratto per signora (1989)
* Miliardi (1991)
* Missione d’amore (1992) – miniserie TV
* Delitti imperfetti (1993) – film TV
* Delitto passionale (1994)
* La Piovra 7 (1994) – miniserie TV
* La strana storia di Olga O. (1995)
* L’ombra abitata (1995) – film TV
* Un bacio nel buio (1999) – film TV
* Ombre (1999) – miniserie TV
* Eu Não Conhecia Tururu (2000) – anche produzione, regia e sceneggiatura (inedito in Italia)
* Incantesimo 5 (2002) – serie TV
* Cattive inclinazioni (2003)
* La notte breve (2006) – film TV

 Florinda Bolkan banner photo gallery

Florinda Bolkan nudo

Florinda Bolkan foto 5

Florinda Bolkan foto 4

Florinda Bolkan foto 3

Florinda Bolkan foto 2

Profondo rosso

Ci sono opere cinematografiche a basso costo nate per caso,diventate per caso cult e per caso tramandate ai posteri come capolavori assoluti.Profondo rosso,diretto da Dario Argento nel 1975,è la sintesi perfetta del caso.Non ci sono molti attori ,nel film, quelli che ci sono all’epoca erano quasi degli sconosciuti,fatta eccezione per Clara Calamai,diva del cinema muto,ma da anni in disparte.La colonna sonora è affidata ad un gruppo assolutamente sconosciuto,i Goblin,capitanati da Claudio Simonetti,famoso all’epoca solo per essere il figlio di Enrico.L’unico a godere di una certa fama è proprio lui,il regista.Che ha esordito come sceneggiatore e aiuto regista,aiutato sicuramente dal fatto che il papà,Salvatore,era un valente critico e produttore cinematografico.Mangia pane e cinema,Dario.

Profondo rosso 0

Profondo rosso 1

 Si fa le ossa come sceneggiatore e grazie all’aiuto del padre,produce e dirige L’uccello dalle piume di cristallo,che diventa il suo primo successo al botteghino,confermato poi da Il gatto a nove code e Quattro mosche di velluto grigio.Nel 1975 nasce,come detto,il progetto Profondo rosso.La trama è universalmente riconosciuta,inutile quindi riproporla.Interessante,viceversa,curiosare tra le varie scene.In una di esse,per esempio,precisamente quella dedicata al primo omicidio,quello della sensitiva Helga Hulmann,interpretata magistralmente da Macha Meril,c’è una location che rappresenta un tributo di Argento ad un grande pittore americano,Hopper.Il bar che si vede nella piazza,ricostruito alla perfezione,altri non è che la trasposizione nella realtà cinematografica di Nighthawk,quadro dalla bellezza eccezionale.La scena dell’omicidio è magistrale.L’assassino colpisce con un’accetta Helga,mentre,dal basso,Mark e Carlo stanno parlando.

Profondo rosso 2

Profondo rosso 3

La scena è un piccolo gioiellino,perché porta su due piani temporali contemporanei lo spettatore;si assiste al dietro le quinte dell’omicidio,quasi in anticipo su quello che vede il vero protagonista della storia,il musicista Mark.Interpretato da David Hemmings,il pianista americano è un personaggio che ispira da subito simpatia.

Come del resto ispira simpatia Gianna Brezzi,una svagata giornalista qui interpretata dalla musa di Argento,Daria Nicolodi.
La colonna sonora dei Goblin,assolutamente impeccabile,continua a percorrere,con discrezione e in parallelo,le varie scene del film.Il momento successivo,la visita del misterioso assassino a casa di Mark,è scandita dalla nenia infantile che fuoriesce con discrezione dal magnetofono.
Il passo successivo,l’assassinio di Amanda Righetti,la scrittrice autore del libro dal quale Mark ha tratto la foto della villa dei misteri ,è la scena più brutale del film.La donna viene selvaggiamente massacrata nel suo villino,sfracellata contro il bordo della vasca da bagno.La trovata geniale è il messaggio sullo specchio,che comparirà in seguito,quando Mark intuirà che con il vapore può far comparire il messaggio della sventurata scrittrice.Il crescendo è rossiniano.La morte del professor Giordani, ucciso con selvaggia ferocia,una morte che oggi definiremmo splatter;la visita di Mark alla misteriosa villa,il dipinto coperto da intonaco sulla parete,mentre l’ossessiva musica dei Goblin scandisce inesorabile gli eventi.

Profondo rosso 4

Profondo rosso 5

Poi la scuola,con Gianna colpita dalla mano invisibile,Carlo che finisce con la testa sotto le ruote di un camion della spazzatura e …..Il cast risponde appieno al delirio visivo di Argento:Hemmings è svagato quanto basta,la Nicolodi altrettanto;Gabriele Lavia rende bene il personaggio tormentato di Carlo,la Calamai è perfetta nel ruolo della psicotica madre di Carlo;Glauco Mauri è così perfetto nel ruolo di Giordani da essere identificato,negli anni successivi,con il personaggio del film.

Ma qual è il motivo del successo internazionale del film,del suo essere diventato cult?
L’alchimia perfetta della storia,non banale,delle musiche assolutamente straordinarie,della regia attenta,rigorosa di Argento,del cast perfettamente integrato alla storia.Non è mai facile riuscire a integrare le varie componenti,ma in questo caso funziona tutto.
Un ricordo personale è legato alla prima del film,che vidi nella primavera del 1975.

Quando uscii dal cinema ero convinto di aver visto un capolavoro.
Solo l’Esorcista di Friedkin,Apocalipse now di Coppola e l’Arancia meccanica di Kubrick mi avevano colpito allo stesso modo.
Ed evidentemente il pubblico che affollò le sale la pensava allo stesso modo.Profondo rosso fu il film più visto di quell’anno,e non dimentichiamo che quell’anno uscirono Amici miei,Qualcuno volò sul nido del cuculo,Barry Lindon e film di cassetta come Fantozzi.Un risultato straordinario per Dario Argento.Il punto più alto del suo cinema.Perché,come succede spesso,proprio con Profondo rosso Dario Argento segna la fine della sua parabola ascendente.

Profondo rosso 6

Il successivo Suspiria,pur opera di buona levatura,era una rivoluzione copernicana.
Niente giallo,ma incursione nell’horror parapsicologico.
Inferno segnerà una ulteriore caduta di tensione,che proseguirà con il pessimo Tenebre,l’incerto Phenomena fino al punto più basso,quel Il cartaio sconclusionato e brutto in maniera indecorosa.
Profondo rosso può essere definito,in pratica,il canto del cigno di un ottimo regista,che però da 25 anni ha quasi perso smalto e inventiva. Profondo rosso è disponibile su You tube in una versione pressoche perfetta all’indirizzo http://www.youtube.com/watch?v=H7V_UjiGciE

Profondo rosso 7

Profondo rosso

un film di Dario Argento. Con David Hemmings, Clara Calamai, Macha Méril, Eros Pagni, Giuliana Calandra, Gabriele Lavia, Glauco Mauri, Daria Nicolodi, Attilio Dottesio, Furio Meniconi, Glauco Onorato, Mario Scaccia, Piero Vida, Aldo Bonamano, Lorenzo Piani, Vittorio Fanfoni, Piero Mazzinghi, Fulvio Mingozzi, Geraldine Hooper, Salvatore Baccaro, Salvatore Puntillo. Genere Giallo, colore 123 minuti. – Produzione Italia 1975.


Profondo rosso banner gallery

Profondo rosso 8

Profondo rosso 9

Profondo rosso 10

Profondo rosso 11

Profondo rosso 12

Profondo rosso 13

Profondo rosso 14

Profondo rosso 15

Profondo rosso banner protagonisti

David Hemmings: Marc Daly
Daria Nicolodi: Gianna Brezzi
Gabriele Lavia: Carlo
Glauco Mauri: prof. Giordani
Giuliana Calandra: Amanda Righetti
Clara Calamai: madre di Carlo
Macha Méril: Helga Ulmann
Eros Pagni: comm. Calcabrini
Nicoletta Elmi: Olga
Piero Mazzinghi: Bardi
Liana Del Balzo: Elvira
Aldo Bonamano: padre di Carlo
Vittorio Fanfoni: assistente dell’ispettore
Dante Fioretti: fotografo della polizia
Geraldine Hooper: Massimo Ricci
Jacopo Mariani: Carlo da bambino
Furio Meniconi: Rodi
Fulvio Mingozzi: agente Mingozzi
Lorenzo Piani: addetto impronte digitali
Salvatore Puntillo: agente della polizia
Piero Vida: agente grasso
Salvatore Baccaro: fruttivendolo
Bruno Di Luia: uomo preoccupato nel bagno
Attilio Dottesio: fioraio
Tom Felleghy: chirurgo
Mario Scaccia: partecipante alla conferenza
Franco Vaccaro: Pietro Valgoi

Profondo rosso banner cast

Regia Dario Argento
Soggetto Dario Argento, Bernardino Zapponi
Sceneggiatura Dario Argento, Bernardino Zapponi
Produttore Salvatore Argento, Angelo Jacono
Produttore esecutivo Claudio Argento
Casa di produzione Rizzoli Film, Seda Spettacoli
Fotografia Luigi Kuveiller
Montaggio Franco Fraticelli
Effetti speciali Germano Natali, Carlo Rambaldi
Musiche Goblin, Giorgio Gaslini
Scenografia Giuseppe Bassan
Costumi Elena Mannini
Trucco Giuliano Laurenti, Giovanni Morosi

Profondo rosso banner doppiatori

Luigi La Monica: David Hemmings
Isa Bellini: Clara Calamai
Emanuela Rossi: Nicoletta Elmi
Corrado Gaipa: Furio Meniconi
Wanda Tettoni: Liana Del Balzo

Profondo rosso banner citazioni

“ Brindo a te, vergine stuprata! ”
“ Quello che credi di vedere, e quello che vedi realmente, si mischiano nella tua memoria come un cocktail. Tu credi di dire la verità, e invece dici soltanto la tua versione della verità ”
“ Tanto non mi sfuggirai. Ti ucciderò lo stesso, una volta o l’altra! ”

M:”Senti Carlo, m’ è successo un fatto strano, tanto strano che non so neanche se è vero! Quando entrai nella casa di quella donna la prima volta mi parve di vedere un quadro, ma dopo qualche minuto quel quadro non c’ era più! Cosa può essermi successo?”
C: “A te niente! Forse il quadro è stato fatto sparire perchè rappresentava qualcosa di importante…”
M: “Come hai detto?”
C: “Rappresentava qualcosa di importante!!!”
M: “No, no, non credo! A quanto mi ricordo, era… era una specie di composizione di volti, una cosa molto strana!”
C: “Guarda, magari hai visto qualcosa di talmente importante che non te ne rendi conto, sai, a volte le cose che vedi realmente e quelle che immagini, si mischiano nella memoria come un cocktail, del quale non riesci più a distinguere i sapori.”
M: “Ma io ti sto dicendo la verità!”
C: “No Mark.Tu credi di dire la verità e invece … dici soltanto la tua versione della verità. A me accade spesso…”

La realtà e la fantasia spesso si confondono come un Cocktail di cui non riesci a distinguere i sapori.

L’assassino è uno schizofrenico paranoico.L’individuo che uccide con quella furia lo fa solamente quando è in preda a un raptus.

Senti perché non molli tutto e sparisci? PERCHÈ STUZZICARE UN PAZZO? Perché è senz’altro un pazzo chi ha commesso un delitto così mostruoso.

“…sono entrata in contatto con una mente perversa. I suoi pensieri sono pensieri di morte via …via! Tu hai già ucciso e sento che ucciderai ancora.”

Profondo rosso banner recensioni

L’opinione di snaporaz 68 dal sito http://www.filmtv.it

(…) Già l’inizio con la musica incalzante dei Goblin ( e di Giorgio Gaslini) sui titoli di testa inframezzato dal piccolo flashback rivelatore (con annessa filastrocca infantile) fa davvero scorrere i brividi.
Argento fa virare il giallo classico verso il rosso pompeiano, esaltando gli aspetti parapsicologici e soprannaturali, zoomando su dettagli (le armi e i pupazzetti dell’assassino), sottolineando nella decorazione degli ambienti gli aspetti mostruosi e deformi, i colori accesi e le zone oscure.
Argento è talmente padrone del mezzo espressivo da sfidare lo spettatore facendogli vedere l’assassino nella scena del primo omicidio (provate a fare un fermo immagine su uno dei quadri orrorifici che “decorano” il corridoio della casa della parapsicologa, avrete una bella sorpresa) e mescolando abilmente ricordi e realtà in un cocktail di cui non riesci più a distinguere i sapori.
L’attore che incarna magistralmente questa confusione tra la realtà immaginata e quella veramente accaduta non può che essere il David Hemmings di Blow Up, anche qui alle prese con la indecifrabilità del reale (Antonioni docet). La violenza è iperespressa in un delirio estetico che solo un genio visionario può assecondare e incanalare in forma filmica. Argento inquadra in primo piano spartiti di musica, tasti di pianoforte, dischi di vinile, giradischi,registratori, fronti imperlate di sudore, occhi truccati o che spiano da una fessura (Psyco citazione dotta). Piccola chicca per gli amanti dell’arte moderna: dotto omaggio ai “Nottambuli” di Edward Hopper (Argento ne ricostruisce il bar nella piazza in cui Hemmings e Lavia discutono di sogno e realtà) tela dell’Art Institute di Chicago (…)
L’opinione del sito http://www.ilmiovizioèunastanzachiusa.wordpress.com

(…) Unico. Inimitabile. Straordinario. “Profondo rosso” rappresenta senz’altro la summa dell’intero genere giallo/thriller all’italiana, genere cui già aveva dato nuova linfa lo stesso Dario Argento con la sua opera prima “L’uccello dalle piume di cristallo”; qui però vi aggiunge una digressione paranormale e orrorifica che pone le basi per l’ormai prossimo e definitivo tuffo nell’horror e nel fantastico che sarebbe venuto subito dopo con “Suspiria”. Potente e robusto, visivamente affascinante e ricco di immagini inquietanti e malsane, il film mostra un certo gusto per una nuova estetica della violenza e le scene dei delitti, sempre più coreografate con cura e dettagli, sono volutamente disturbanti: mannajate alla schiena, acqua bollente, denti rotti sugli spigoli dei mobili… La cosa è stata spiegata anni fa dal compianto Bernardino Zapponi, co-autore della sceneggiatura: l’idea era proprio quella di creare disagio al pubblico mostrando omicidi efferati e cruenti nei quali però gli spettatori potessero ritrovarsi e in un certo senso identificarsi (tutti noi conosciamo la sensazione di scottarci con l’acqua bollente, ad esempio)… E mentre alcune scene più distensive sembrano concedere una tregua allo spettatore l’ansia e la morbosità fanno di tanto in tanto capolino (biglie luccicanti che rotolano nel buio, disegni infantili che ritraggono feroci delitti, cani che si azzuffano, lucertole infilzate con spilloni) per mantenere costantemente un senso di inquietudine… Merito anche di una regia solidissima, di un montaggio con qualche spunto subliminale e di una colonna sonora semplicemente strepitosa.(…)

L’opinione di undjing dal sito http://www.davinotti.com

Dario Argento firma la regia della sua opera più riuscita, che si distacca dalla triade di gialli precedenti perché presenta un nuovo modo di raccontare la paura, qua contaminato con atmosfere paranormali. Impeccabili sia la sceneggiatura opera di Bernardino Zapponi (e riscritta da Argento stesso), sia la musica di Giorgio Gaslini eseguita dai Goblin. Pur trattandosi di un giallo, Profondo Rosso ha qualcosa di “magnetico” e indefinibile che lo ha reso un vero e proprio capolavoro, mai apparso datato, visto ed apprezzato da diverse generazioni.

L’opinione di ilgobbo dal sito http://www.davinotti.com

Spaventone. Qui si preferisce (di poco) Suspiria, però siamo comunque nell’empireo: la “potenza di fuoco” di questo capolavoro è tale e quale all’epoca. Ottima la scelta di Hemmings (che esplicita il legame con Blow up che caratterizza gran parte del miglior cinema argentiano); il resto del cast (con fior di vedettes del teatro tricolore usate come carne da macello) spiega perchè il cinema italiano degli Anni Sessanta e Settanta è stato quello che è stato, e il cinema italiano odierno è quello che è. Sempre sia lodato

Profondo rosso banner location

Profondo rosso 13

Piazza CLN a Torino

Profondo rosso location villa Scott

Villa Scott

Profondo rosso location piazza CLN

Profondo rosso location liceo terenzio mamiani

Il liceo Terenzio Mamiani a Roma

 Profondo rosso banner locandine

Profondo rosso locandina sound 3

Profondo rosso locandina sound 2

Profondo rosso locandina sound 1

Profondo rosso locandina lobby 5

Profondo rosso locandina lobby 4

Profondo rosso locandina lobby 3

Profondo rosso locandina lobby 2

Profondo rosso locandina lobby 1

Profondo rosso locandina 10

Profondo rosso locandina 9

Profondo rosso locandina 8

Profondo rosso locandina 7

Profondo rosso locandina 6

Profondo rosso locandina 5

Profondo rosso locandina 4

Profondo rosso locandina 3

Profondo rosso locandina 2

Profondo rosso locandina 1

Profondo rosso bse banner

Profondo rosso a4

David Hammings

Profondo rosso a3

Gabriele Lavia

Profondo rosso a2

Daria Nicolodi

Profondo rosso a1

Macha Meril

Profondo rosso a5

Clara Calamai

Profondo rosso a8

Giuliana Calandra

Profondo rosso a6

Nicoletta Elmi

Profondo rosso a7

Glauco Mauri

Da Wikipedia
La scena iniziale del film, con le prove del gruppo jazz di Marc, è stata girata all’interno del Mausoleo di Santa Costanza a Roma.[3]
La scena del congresso di parapsicologia è stata girata all’interno del famoso Teatro Carignano di Torino, in Piazza Carignano 6[4], attualmente riaperto dopo un accurato restauro. Questo teatro verrà in seguito riutilizzato dal regista 25 anni dopo per alcune scene del suo film Non ho sonno .
La fontana dove ha luogo il colloquio tra Carlo ubriaco e Marc, è la Fontana del Po, in Piazza C.L.N. a Torino[3][5].
Il palazzo dove viene uccisa la sensitiva Helga e dove vive anche Marc è sito a Torino in Piazza C.L.N., di fronte al civico 222 ma le riprese interne sono state fatte nei teatri di posa De Paolis a Roma.[3]
La scena del funerale della medium Helga è stata girata a Perugia, nella sezione ebraica del Cimitero monumentale.[3]
Il locale Blue Bar dove suona Carlo in realtà non è mai esistito. La scenografia fu costruita in Piazza C.L.N. vicino all’abitazione di Marc, ed è un chiaro omaggio al quadro Nighthawks di Edward Hopper.[3]
La scuola media Leonardo da Vinci, dove Marc e Gianna entrano di notte per cercare il disegno, è in realtà il Liceo Classico Terenzio Mamiani che si trova a Roma in Viale delle Milizie 30.[3]
La lugubre Villa del bambino urlante dove Marc rinviene il cadavere ed il disegno sotto l’intonaco, che nella finzione del film si trova nelle campagne intorno a Roma, in realtà è sita nel quartiere Borgo Po di Torino, in Corso Giovanni Lanza 57 ed è nota come Villa Scott; all’epoca in cui fu girato il film era di proprietà dell’ordine delle Suore della Redenzione (che avevano adibito la struttura a collegio femminile, con il nome di Villa Fatima), e per girare le scene la produzione pagò un periodo di villeggiatura a Rimini alle suore ed a tutte le ragazze allora ospitate nel collegio[6]. All’inizio degli anni 2000 la villa è stata ceduta a privati che l’hanno restaurata.
La sperduta casa di campagna di Amanda Righetti si trova a Roma, in via Della Giustiniana 773.[3]
La casa di Rodi e della piccola Olga si trova a Roma, in via Della Camilluccia 364.
Le mani guantate dell’assassino sono in realtà le mani di Dario Argento[7].

Il mangianastri con il quale l’assassino riproduce la famosa nenia infantile è un «Memocord K70»: realizzato fra gli anni ’50 e ’60, sia in Gran Bretagna che in Germania, veniva presentato agli uomini d’affari dell’epoca come una “banca della memoria” della durata complessiva di 90 minuti, ove poter registrare appunti di lavoro, appuntamenti e anche discorsi.