Filmscoop

Tutto il mio cinema

The Door in the Floor


Ted Cole, sua moglie Marion e la piccola Ruth ,figlia della coppia vivono nella esclusiva Long Island, in un bellissimo posto sul mare.
Ma la serena, placida località non sembra influire minimamente sulla dinamica di vita della coppia, ormai alla fine del rapporto matrimoniale.
All’origine della profonda crisi tra Ted e Marion c’è la condivisione di una terribile esperienza, la morte in un incidente stradale dei loro due figli adolescenti.
L’esperienza ha lasciato un solco profondissimo, incolmabile tra i due che ormai pur condividendo lo stesso tetto hanno in comune solo il ricordo dei due giovani scomparsi, ritratti in innumerevoli foto che fanno mostra di se in casa.


Scrittore di libri per bambini, Ted divide il suo tempo fra avventure galanti, come quella con la procace vicina Evelyn, l’alcool e lo squash. Proprio la debolezza per l’alcool ha causato la sospensione della patente di Ted, che si vede costretto ad assumere il giovane Eddie sia come assistente che come autista per tutto il periodo in cui non potrà guidare.
Eddie,che ammira profondamente Ted tuttavia ben presto resterà deluso dal comportamento dell’uomo, che dimostra un assoluto disinteresse per la moglie,che nel frattempo vive in uno stato di totale apatia, ancora traumatizzata dal tragico evento che ha sconvolto la sua vita.
Marion allaccia una relazione con Eddie, resa problematica sia dalla grande differenza di età fra i due, sia dall’impossibilità di immaginare un futuro della storia stessa.
Ted assiste alla relazione quasi con indifferenza, intervenendo però proprio nel momento nel quale la piccola Ruth scopre sua madre e Eddie a fare sesso.
E’ il momento di rottura per la coppia: ormai non hanno più nulla da dirsi e Marion abbandona la casa, lasciando anche sua figlia a vivere con il marito…


Dal romanzo di grande successo di John Irving, Vedova (A Widow for One Year) del 1998 il regista Tod Williams trae nel 2004 il film The Door in the Floor, una pellicola di stampo intimista che si dipana attraverso i temi del senso di colpa, del senso di vuoto e delle conseguenze irreparabili nella vita
di un’esperienza devastante come la perdita di un figlio. Che in questo caso sono addirittura due a cui bisogna aggiungere l’impossibilità di ricreare un punto di contatto tra i coniugi divisi più che dalla mancanza d’amore quanto dal fardello di ricordi legati all’incidente,originato da colpe dei due protagonisti.
Sia Ted che al momento dell’incidente aveva bevuto sia Marion,che non aveva tolto la neve dal vetro posteriore e dagli indicatori di direzione, si colpevolizzano dell’accaduto, attribuendo inconsciamente le cause sia a se stessi che al coniuge.


Questa mancata accettazione delle proprie “colpe “individuali, il continuo ricordo dei due ragazzi che li osservano dalle numerose foto esposte in casa alimenta un ricordo straziante, quasi un monito costante, uno sguardo accusatore che li riporta sempre all’incidente.
Lo stato di tensione apparentemente sedato esplode nel momento in cui Ted trova un casus belli nella relazione di sua moglie con Eddie; è il momento in cui si arriva alla resa dei conti,non tanto per l’adulterio, visto che da questo punto di vista Ted non è certo da meno della moglie
quanto perchè le cose non dette, il risentimento verso se stesso e verso la moglie provocano fatalmente la rottura del sottilissimo filo che ancora li univa.
Coerentemente Marion sceglie la via più difficile, quella di abbandonare quella casa carica di tristi ricordi, lasciando a suo marito anche la piccola Ruth, scelta decisamente meno coerente e difficile da capire, visto che rappresenta l’unico legame con una vita che ormai
è più un fardello che un’esperienza da proseguire.


L’unico motivo comprensibile è da ricercarsi nella difficoltà di Marion di proseguire il suo cammino di madre, presa com’è ormai dai fantasmi del passato; non è in grado di essere una buona madre e quindi abbandona anche l’unico legame che ancora la trattiene.
I fantasmi di una vita irrimediabilmente dissolta hanno quindi la meglio sull’affetto o forse proprio l’affetto,in questo caso verso la piccola Ruth costringono Marion ad una fuga in avanti, verso un futuro presumibilmente incerto se non inesistente.
Un film in cui il dramma si sposa alla impossibilità del ricominciare a vivere.
Ted cerca nell’alcool e nel sesso palliativi che non possono riempire il vuoto creatosi, lo stesso dicasi per Marion,il cui legame con i figli è ovviamente, in quanto madre, assolutamente inscindibile.
E la fine è quindi scritta in partenza.


Il problema è che lo spettatore è chiamato a intuire il tutto,perchè i dialoghi non sono mai esplicativi degli stati d’animo dei protagonisti. Quello che si vede sullo scherma è un risultato, non una motivazione psicologica; Marion e Ted non suscitano empatia, i loro tormenti interiori infatti restano solo sulla carta.C’è una grande differenza tra il film di Williams e uno che in qualche modo affrontava la crisi matrimoniale seguita alla morte di un figlio, quel La stanza del figlio di Nanni Moretti di ben altro spessore e drammaticità.
Tuttavia la recitazione di Jeff Bridges è abbastanza incisiva mentre decisamente in ombra Kim Basinger, alle prese con un personaggio abbozzato. La donna che in Eddie sembra trovare più che un amante una specie di fantasma emotivo del figlio è personaggio grezzo, quasi incolore. Statuaria,prorompente l’ex signora Cruise,Mimi Rogers, che però con il suo personaggio nulla aggiunge al film se non un fisico quasi sempre esposto generosamente.
Una discreta fotografia e una regia molto manieristica rendono la pellicola poco più che sufficiente.

The Door in the Floor

Regia di Tod Williams, con Kim Basinger, Elle Fanning, Jeff Bridges, Jon Foster, Bijou Phillips, Mimi Rogers. Genere Drammatico – USA, 2004, durata 111 minuti

Elle Fanning: Ruth Cole
Jeff Bridges: Ted Cole
Kim Basinger: Marion Cole
Jon Foster: Eddie O’Hare
Larry Pine: Interviewer
John Rothman: Minty O’Hare
Harvey Loomis: Dr. Loomis
Bijou Phillips: Alice
Mimi Rogers: Evelyn Vaughn
Mike S. Ryan: Reception Fan
Libby Langdon: Donna alla reception
Louis Arcella: Eduardo Gomez
Robert LuPone: Mendelssohn
Rachel Style: Bookstore Assistant
Amanda Posner: Frame Shop Clerk
Donna Murphy: Frame Shop Owner
Marion McCorry: Bookstore Customer
Kristina Valada-Viars: Effie
LeAnna Croom: Glorie Mountsier
Claire Beckman: Mrs. Mountsier
Tod Harrison Williams: Thomas Cole
Carter Williams: Timothy Cole

Regia Tod Williams
Soggetto John Irving
Sceneggiatura Tod Williams
Produttore Anne Carey, Michael Corrente e Ted Hope
Produttore esecutivo Amy Kaufman e Roger Marino
Casa di produzione Focus Features, This Is That Productions, Revere Pictures e Good Machine
Distribuzione in italiano Eagle Pictures
Fotografia Terry Stacey
Montaggio Affonso Gonçalves
Effetti speciali Conrad V. Brink, Conrad F. Brink, Ed Drohan e Charles Simunek
Musiche Marcelo Zarvos
Scenografia Thérèse DePrez
Costumi Eric Daman
Trucco Jane English, Susan Germaine, Lori Hicks, Thomas Nellen, Valli O’Reilly, Aaron F. Quarles, Sacha Quarles, Ronnie Specter e Mitch Stone

marzo 25, 2020 - Posted by | Drammatico | , , ,

Al momento, non c'è nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: