Quando i califfi avevano le corna


quando-i-califfi-avevano-le-corna-locandina-2

Di ritorno da una battuta di caccia,il Califfo di Baghdad scopre che sua moglie sta partecipando ad un’orgia con schiave e schiavi.
Offeso a morte nella sua virilità,il Califfo sta per ucciderla,ma la donna si suicida davanti a lui con un pugnale.
Da quel momento il Califfo si trasforma in uno spietato assassino;non pago di trascorrere le notti con donne vergini,alla fine
di ogni rapporto uccide la sventurata e occasionale compagna.
Il suo comportamento suscita indignazione e orrore nel popolo,mentre lo stesso Califfo scopre di essere diventato impotente.
La giovane e bella Sherazade,figlia del gran Vizir decide di tentare un’opera disperata e pericolosa:offrirsi al Califfo e tentare di
sopravvivere alla sua furia.

quando-i-califfi-avevano-le-corna-1

quando-i-califfi-avevano-le-corna-2
Così Sherazade dapprima lo cura sessualmente guarendolo dall’impotenza,poi,conquistandolo con le sue novelle,una per ogni notte
ne conquista il cuore…
Quando i califfi avevano le corna di Amasi Damiani è coevo del fortunato Il fiore delle Mille e una notte di Pier Paolo Pasolini,
che così ancora una volta come era capitato con Il Decameron e I racconti di Canterbury si ritrova a fare da involontario padre di un nuovo
filone di commedie scollacciate e sexy.
Ma i tempi sono ormai mutati,la sovraesposizione di pellicole boccaccesche ha finito per saturare il mercato con conseguente fine dei lauti guadagni al botteghino con il minimo investimento.
Questo film,girato in economia e con una povertà di idee desolante esce nel 1973 e ben presto sparisce dagli schermi senza lasciare traccia;un film che parte anche bene,con un piglio drammatico che però si dissolve d’incanto quando giunge in scena la bella Sherazade con le sue novelle becere e volgari.
Il film così si trasforma nel solito coacervo di luoghi comuni,parolacce ecc.

quando-i-califfi-avevano-le-corna-4

quando-i-califfi-avevano-le-corna-5
A peggiorare le cose,un cast a dir poco penoso;unica attrice con un minimo di background scenico è Pia Giancaro,,quanto meno bella da vedere.
Il resto è di una pochezza sconcertante.
Qualche nudo,parolacce,qualche ardita scena sadica e null’altro,in un vuoto di sceneggiatura mortificante.
Amasi Damiani,che avrebbe poi diretto il buon Contronatura,si conferma regista artigianale senza molte ambizioni;la povertà di mezzi a disposizione certo non aiuta il regista livornese a cavare il tradizionale ragno dal buco.
Filmetto senza qualità,Quando i califfi avevano le corna è letteralmente scomparso fino a pochissimo tempo fa quando qualcuno ha riversato in rete
una edizione discreta tratta probabilmente da un Dvd pubblicato in sordina dalla rivista Nocturno per la collana cine Kult.
Ora è disponibile in discreta qualità all’indirizzo https://www.youtube.com/watch?v=G3-0WfGfPVs

quando-i-califfi-avevano-le-corna-6

quando-i-califfi-avevano-le-corna-8

Quando i califfi avevano le corna

Un film di Amasi Damiani. Con Maria Pia Giancaro, Aldo Bufi Landi, Gordon Mitchell, Giorgia Tani, Margaret Rose Keil, Fedele Gentile, Andrea Aureli, Rosemarie Lindt, Empedocle Buzzanca, Piero Mazzinghi, Laila Shed, Angela Bo, Spartaco Conversi Erotico, durata 92 min. – Italia 1973.

quando-i-califfi-avevano-le-corna-banner-gallery

quando-i-califfi-avevano-le-corna-3

quando-i-califfi-avevano-le-corna-7

quando-i-califfi-avevano-le-corna-9

quando-i-califfi-avevano-le-corna-10

quando-i-califfi-avevano-le-corna-11

quando-i-califfi-avevano-le-corna-12

quando-i-califfi-avevano-le-corna-13

quando-i-califfi-avevano-le-corna-14

quando-i-califfi-avevano-le-corna-15

quando-i-califfi-avevano-le-corna-banner-cast

Regia:Amasi Damiani
Musiche: Elvio Monti,Franco Zauli
Produzione: Elettra film

quando-i-califfi-avevano-le-corna-banner-recensioni

quando-i-califfi-avevano-le-corna-0

Opinioni tratte dal sito http://www.davinotti.com

Undying

Nata sull’onda del chiaccherato (ed imminente) film pasoliniano, questa pellicola è realizzata sul filo della novellistica orientale de “Le Mille e una notte”, anche se il titolo declama una non reale affinità elettiva a Quando le donne avevano la coda. Purtroppo l’insieme è caratterizzato da attori poco in parte e da location inadeguate; e pure Damiani, a differenza di qualche pellicola indovinata, non è regista particolarmente stimolato e stimolante.
Il Gobbo

Titolo da fatwa per questo mille e una nottico al cacciucco, col solito sultano crudele gabbato dalla solita Sheherazade che raccontandogli delle storie evita di essere frustata e sgozzata.
Dopo un promettente inizio il film svacca appena partono le storielle, desolanti (locations palesemente toscane, tripudio di napoletano, “un par di ciufoli” e “me’ cojoni”); non aiutano le troppe vecchie facce da spaghetti western (Bufi Landi, Conversi, Mitchell). Chissà cosa ricorda del film la principessa Ruspoli née Gianporcaro.

quando-i-califfi-avevano-le-corna-locandina-1

quando-i-califfi-avevano-le-corna-locandina-3

2 Risposte

  1. Mamma mia da Filadelfia ai califfi corni ti!!!!!!!
    Auguro a voi due un felice fine settimana 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: