Filmscoop

Tutto il mio cinema

Cinema:pensieri,parole e parolacce-Parte 07


“Mamma è a casa che piange perché papà è un porco e va con le altre anche se lei è ancora bella e piacente: guarda che petto.”

Dal film Dimenticare Venezia di Franco Brusati (1979)

“- Buonasera, signor Barry, ve la siete fatta la mia signora?”
– Mi scusi, ma non capisco.
– Suvvia, signore, preferisco di gran lunga aver fama di cornuto che di imbecille!”

Dal film Barry Lyndon di Stanley Kubrick (1975)

“Un’isola è un’isola solo se la guardi dal mare.”

Dal film Lo squalo di Steven Spielberg (1975)

“Se mi toccate muore, se non sparite entro 30 secondi muore, se ritornate muore.”

Dal film 1997: Fuga da New York di John Carpenter (1981)

“- E il cane dov’è?
– Oh, ancora paura del cane! Gliel’ho detto, è tranquillo. L’ho anche fatto castrare.
– Ma signora, io il cane mica ho paura che m’inculi eh, ho paura che mi morda!”

Dal film Grandi magazzini di Pipolo, Franco Castellano (1986)

“- Quando ridi, dimostri dieci anni di meno.
– Quanti?
– Una quarantina.
– Beh, quando sto serio…
– No, quando ridi.
– Ne ho trentanove.”

Dal film La voglia matta di Luciano Salce (1962)

“- Senti questa: dove si trova un tetraplegico?
– Non lo so. Dove si trova?
– Dove lo hai lasciato!”

Dal film Quasi amici di Olivier Nakache e Éric Toledano (2011)

“È solo dopo aver perso tutto che siamo liberi di fare qualsiasi cosa.”

Dal film Fight Club di David Fincher (1999)

“Stare sulla corda è vita. Tutto il resto è attesa.”

Dal film All That Jazz di Bob Fosse (1979)

“Capitano, mi tolga una curiosità: cosa fa scattare prima il metal detector? Il piombo che ha nel culo, o la merda che ha nel cervello?”

Dal film Die Hard 2 di Renny Harlin (1990)

“Te lo dico con amore, comprensione e spirito di vera sorellanza: tu fai soltanto cagare!”

Dal film Il club delle prime mogli di Hugh Wilson (1996)

“Mademoiselle, i dipendenti del Pronto Soccorso, reparto suicidi, le offrono questo orologio d’oro come premio di assiduità.”

Dal film Ciao Pussycat di Clive Donner (1965)

“Sono impuro, bordellatore insaziabile, beffeggiatore, crapulone, lesto di lengua e di spada, facile al gozzoviglio. Fuggo la verità e inseguo il vizio.”

Dal film Brancaleone alle Crociate di Mario Monicelli (1970)

“Donne, l’avete sentito il padrone? La colpa è dei nostri uomini perché sono andati in guerra a farsi accoppare. La colpa è dei braccianti perché non solo lavorano, ma vogliono anche farsi pagare. La colpa è tutta nostra che abbiamo fame e ci viene il gozzo e la pellagra. Ed è ancora colpa nostra se ci muoiono due figli su tre. Al padrone gli va ancora bene se prendiamo un po’ del nostro grano e gli lasciamo il resto, per il momento.”

Dal film Novecento di Bernardo Bertolucci (1976)

“- Che uomo Mussolini! A Roma gli hanno offerto sei portafogli e lui li ha rifiutati tutti!
– Ha rifiutato i portafogli? Ma perché?
– Perché erano pochi.”

Dal film La marcia su Roma di Dino Risi (1962)

“Ci sono due tipi di uomini, solo due. Quel giovane è del tipo raro. Egli è nobile, ed è puro: è il tipo d’uomo che il mondo finge di ammirare ma che in realtà disprezza; è il tipo d’uomo che genera sgomento e infelicità, specialmente nelle donne. Capisci? (…) E c’è l’altro tipo: non è idealista, non è puro; ma è vivo.”

Dal film Il dottor Zivago di David Lean (1965)

“Ho sentito che Dio è svelto, ma dovrò affrontarlo personalmente prima di esserne convinto.”

Dal film Pat Garrett and Billy The Kid di Sam Peckinpah (1973)

“Siamo fatti anche noi della materia di cui son fatti i sogni; e nello spazio e nel tempo d’un sogno è racchiusa la nostra breve vita.”

Dal film Shakespeare in Love di John Madden (1998)

“Dimmi, quando uno si sente completamente idiota, vuol dire che è innamorato?”

Dal film Finalmente domenica di Francois Truffaut (1983)

“Incapace di percepire la forma di te, ti trovo tutto intorno a me. La tua presenza mi riempie gli occhi del tuo amore, umilia il mio cuore, perché tu sei ovunque.”

Dal film La forma dell’acqua di Guillermo del Toro (2017)

“Ora se non le dispiace vorrei salutare mio marito, non ci siamo mai separati per un mese in questi ultimi 44 anni.”

Dal film Away From Her di Sarah Polley (2006)

aprile 20, 2018 - Posted by | La pazienza è quella cosa che prima o poi sotto pressione diventa un vaffanculo |

3 commenti »

  1. Wow! Anche questo un viaggio particolare nel cinema.

    Commento di lindberg2013 | aprile 22, 2018 | Rispondi

    • Ciao. Sono contenta che tu l’abbia apprezzato.

      Commento di Dana | aprile 22, 2018 | Rispondi

    • Dana è molto accurata nella ricerca di quelle che sono le frasi più interessanti della storia del cinema.Un lavoro sicuramente importante anche per il sito

      Commento di Paul Templar | aprile 23, 2018 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: