Michele Mercier


Michele Mercier foto 7

La gente non parla dei mei 50 film, ma solo del personaggio di Angelica;  la differenza tra lei e me è che io non ho avuto nella vita un Joffrey De Peyrac

Sono le parole venate di malinconia di Jocelyne Yvonne Renée Mercier, in arte Michele Mercier, l’attrice diventata un culto per 5 film interpretati a cavallo tra il 1964 e il 1968 con protagonista Angelica Marchesa degli angeli, un personaggio creato dai coniugi Anne e Serge Golon che le dedicarono ben 13 romanzi dei quali 5 portati sullo schermo proprio dalla bellissima Mercier.

Michele Mercier Angelica (Marchesa degli Angeli)
Il celebre fotogramma tratto dal primo film basato sulle avventure di Angelica (Marchesa degli Angeli)

Michele Mercier Angelica alla corte del re
Il secondo film dedicato all’eroina: Angelica alla corte del re

Nata a Nizza il 1 gennaio del 1939, figlia di un farmacista, Michele sin da piccola sognava le luci della ribalta anche se limitatamente alla sua passione, la danza. Voleva diventare una ballerina e nonostante l’atteggiamento poco convinto del padre, brigò tanto da riuscire ad avere il suo primo tutu; e alla fine la spuntò mettendo in mostra forti doti caratteriali che la portarono a calcare le scene del Teatro dell’Opera di Nizza, a lavorare niente meno che con la compagnia di Roland Petit. Ma il destino aveva in serbo un’altra strada per Michele. La ragazza seguiva corsi di recitazione e diventava ogni giorno più bella e affascinante tanto da essere notata dai produttori cinematografici. La prima mossa che fece fu cambiare i suoi lunghissimi nomi in un sintetico Michele, in omaggio all’attrice Michele Morgan interprete di celebri film come Porto delle nebbie (accanto a Gabin) e recentemente ricomparsa sugli schermi nel film di Tornatore Stanno tutti bene. Così Jocelyne Yvonne Renée diventa Michele ed esordisce nel cinema con una piccola parte in Delitto sulla Costa Azzurra diretto da Denys de La Patellière accanto proprio all’attrice della quale ha scelto di condividere il nome, Michele Morgan.

Michele Mercier L’indomabile Angelica
Il quarto capitolo, L’indomabile Angelica

Siamo nel 1957 e la diciottenne Mercier è già molto bella; una bellezza acerba ma sensuale. Per qualche anno la Mercier vivacchia con film di buon calibro come Donnez-moi ma chance di Léonide Moguy o come Angelica ragazza jet di Géza von Radványi accanto alla giovane ma già famosissima Romy Schneider. Un’attrice, la Schneider che ebbe un percorso cinematografico molto simile a quello di Michele. Anch’essa infatti rimase a lungo prigioniera del planetario successo del personaggio della Principessa Sissi, da lei interpretato in una serie di film che la resero popolarissima ma che la rinchiusero in un guscio dorato dal quale la brava attrice riuscì ad affrancarsi solo dopo molti anni.

Michele Mercier Il mestiere più antico del mondo
Michele Mercier in Il mestiere più antico del mondo

Nel 1960 la Mercier lavora in un film italiano, Le notti di Lucrezia Borgia diretto da Sergio Grieco per poi approdare sul set di Tirate sul pianista di Francois Truffaut; in questo film lavora accanto a Charles Aznavour ed è protagonista di un’ardita scena di nudo che resterà impressa indelebilmente nella memoria degli spettatori. Tre anni separano ormai la Mercier dalla celebrità; lei si fa le ossa con film di buona fattura come Il giustiziere dei mari (1961) diretto da Paolella, con La baia dei pirati (1961) di John Gilling accanto a Peter Cushing, con Le prigioniere dell’isola del diavolo (1962) ancora diretta da Paolella. Arriviamo così al fatidico 1963, anno in cui il produttore Francesco Cosne si assicura i diritti del personaggio di Angelica. I romanzi di Anne e Serge Golon sono molto popolari e occorre per il film un’attrice che incarni il carattere fiero e indomabile di Angelica di Sancé de Monteloup, Contessa di Peyrac e Marchesa di Plessis-Bellière.

Michele Mercier Non tirate sul pianista 2

Michele Mercier Non tirate sul pianista 1

Due celebri fotogrammi tratti da Tirate sul pianista

Iniziano le selezioni e il produttore si trova in grandi difficoltà, perchè la scelta numero uno, la popolarissima Brigitte Bardot rifiuta la parte (salvo pentirsene amaramente in seguito). Anche Catherine Deneuve è inadatta al ruolo: troppo bionda, troppo delicata. Ad una ad una vengono scartate per vari motivi Annette Stroyberg (bella ma praticamente sconosciuta), Jane Fonda, Virna Lisi (che stava lavorando negli Usa). La scelta cade sulla bella attrice di Nizza, che nello stesso anno si è messa in luce in un film molto importante diretto dal grande Mario Bava, I tre volti della paura; lei è protagonista dell’angosciante segmento La telefonata che ha girato accanto alla popolare Lidia Alfonsi. La scelta si rivelerà vincente, perchè Michele riuscirà a dar corpo nell’immaginario collettivo a tutte le qualità che i lettori dei romanzi idealizzavano in un volto nobile e forte, in un carattere determiiato che non si lascia travolgere dalle difficoltà della vita. Michele incarnerà tutto questo, rendendo indissolubile la sua personalità da quella di Angelica finendo però per essere travolta dal suo stesso successo e dalla sua abilità nell’interpretare la Marchesa degli Angeli. Tuttavia Michele questo non lo sa ancora.

Michele Mercier Le calde notti di lady Hamilton
Le calde notti di Lady Hamilton

Il successo di Angelica (Marchesa degli Angeli) esplode in maniera travolgente e cancella anche i film che ha interpretato nei due anni precedenti, come Alta infedeltà (diretto da un’equipe composta da Elio Petri, Mario Monicelli, Luciano Salce e Franco Rossi) accanto a star come Nino Manfredi, Monica Vitti (non ancora famosissima) Bernard Blier, come il celebre I mostri di Dino Risi oppure Lo sciacallo di Jean-Pierre Melville. Bernard Borderie, regista del film, è chiamato d’urgenza a preparare il sequel che si intitolerà Angelica alla corte del re. Siamo nel 1965 e la ormai ventiseienne attrice si consacra a livello mondiale come star di prima grandezza. La sua sensualità sembra travolgere lo stesso personaggio che incarna e ormai per tutti e a tutti gli effetti Michele Mercier è ormai Angelica De Peyrac.

Michele Mercier The god’s thunder
Michele Mercier e Jean Gabin in The god’s thunder

In fretta e furia viene girato un terzo capitolo della serie, La meravigliosa Angelica; nel film oltre a lei ci sono Jean Louis Trintignant e Jean Rochefort oltre al nostro Giuliano Gemma. La miscela è sempre la stessa, ormai collaudata; eppure molto velocemente sta arrivando anche il periodo di saturazione per l’eroina indomabile. Nel frattempo la Mercier cerca di affrancarsi dal personaggio che le si è cucito addosso come una seconda pelle interpretando il ruolo di Noelle nel film di Monicelli Casanova 70, nel quale lavora accanto a Marcello Mastroianni per il quale avrà nel futuro parole di ammirazione. E’ un momento molto felice, professionalmente: lavora in Matrimonio alla francese di Denys de La Patellière accanto a Jean Gabin, in L’amante infedele di Christian-Jaque nel quale è nuovamente accanto a Robert Hossein e in Come imparai ad amare le donne di Luciano Salce. Nel 1967 Denys de La Patellière la dirige in L’angelica avventuriera con l’intento di attrarre pubblico giocando con l’aggettivo angelica e il nome della bella eroina interpretata da Michele. Buona parte del pubblico però chiede che l’attrice torni ad interpretare la Marchesa; così Borderie allestisce il cast di L’indomabile Angelicae naturalmente lei è la protagonista assoluta. Il film delude le aspettative, anche perchè il cast è decisamente anonimo e la storia si svolge in mare; Angelica non frequenta più la corte di Francia e non è più la donna che deve difendersi da congiure e gelosie, sembra essersi trasformata in una vittima sacrificale dei biechi desideri di individui loschi. E’ un momento particolare.

Miche Mercier banner filmscoop

La saga di Angelica sembra essere decisamente in fase calante e la Mercier nel frattempo recita in un film ambizioso e pretenzioso come pochi, L’amore attraverso i secoli diretto da un gruppo di registi anche molto bravi come Claude Autant-Lara, Mauro Bolognini,Philippe de Broca,Jean-Luc Godard,Franco Indovina. Il film che si propone di raccontare la storia del meretricio attraverso i secoli è un clamoroso fiasco. Michele è assolutamente inadatta al ruolo affidatole. Non l’aiuta nemmeno la folta capigliatura di un assurdo biondo paglia così come non l’aiuta la debolezza del segmento affidatole, L’era preistorica diretto da Franco Indovina. Nel 1968 arriva il capitolo conclusivo delle avventure di Angelica. Si tratta di Angelica e il gran sultano, film diretto ancora una volta da Bernard Borderie che dopo questo film lavorerà al cinema solo in altri due film prima di dedicarsi alla Tv.

Miche Mercier Angelica e il Gran Sultano

L’ultimo capitolo delle avventure di Angelica: Angelica e il gran Sultano

Il film non è male, ha una buona sceneggiatura ma non riscuote grandissimo successo. Lei è ormai prigioniera del suo ruolo, anche se ha bellezza e fascino da vendere. In pratica siamo di fronte al giro di boa della sua carriera cinematografica, anche se nel 1968 si segnala la sua interpretazione di Emma Lyon Hamilton in Le calde notti di Lady Hamilton, terrificante titolo appioppato dai furbastri distributori italiani al molto più rassicurante e meno trasgressivo titolo originale Lady Hamilton. La storia della giovane contadinotta che scala la società londinese grazie alla sua bellezza richiama in qualche modo il personaggio di Angelica; qui è anche l’amante di Nelson il grande ammiraglio inglese che sconfisse Bonaparte e sicuramente possiamo affermare che la sua bellezza è all’apice.

Michele Mercier Le prigioniere dell’isola del diavolo
Le prigioniere dell’isola del diavolo

Michele Mercier I tre volti della paura
I tre volti della paura

Ma il cinema crea, distrugge e sopratutto modella ideali di donna che all’atto pratico non hanno nulla in comune con le attrici che interpretano i vari ruoli nei film. Aamaramente confesserà  nel suo libro biografia Je ne suis pas Angelique scritto con Henry Jean Servat, “gli uomini non si innamoravano di me ma di Angelica” Un’identificazione con il personaggio, quindi, quasi di simbiosi totale.

Michele Mercier L’angelica avventuriera
Nel film L’angelica avventuriera

Michele Mercier Nella stretta morsa del ragno
Nella stretta morsa del ragno

La bella attrice finisce così per pagare alla sua stessa fama un tributo molto pesante. I rapporti con gli uomini saranno disastrosi; due matrimoni falliti alle spalle, storie d’amore con persone sbagliate che la illuderanno e in alcuni casi la deruberanno costringendola negli anni 2000 a dire in una malinconica intervista “Sono rovinata,senza soldi: sarò costretta a vendere parte dei miei quadri, i miei mobili, la mia proprietà, i miei gioielli e i costumi di Angelica

Michele Mercier foto 8
Tornando al cinema, dopo Le calde notti di Lady Hamilton lavora a qualche altro film tra i quali vanno segnalati il graffiante Roma bene di Carlo Lizzani nel quale è un’arrivista moglie di un costruttore sull’orlo del fallimento che ha una relazione saffica con una donna e che tenta disperatamente con le sue arti seduttive di sollevare le sorti economiche del marito e Il richiamo della foresta, tratto dall’omonimo racconto di Jack London e interpretato al fianco di Charlton Heston. Malinconicamente la carriera di Michele si avvia ad una conclusione imprevista e sopratutto poco gloriosa. Ricomparirà saltuariamente in Les femmes du monde, un prodotto televisivo come per il piccolo schermo sono gli altri lavori successivi, Il bello delle donne e Vénus & Apollon (2009), l’ultima sua apparizione in video. L’unico film interpretato da Michele è del 1998; si tratta di La rumberadiretto da Pietro Vivarelli, un film passato totalmente inosservato.

Michele Mercier I mostri
Nel film I mostri

Il cinema ha dato molto a Michele. Le ha dato una fama quasi immortale grazie al personaggio di Angelica, ma le ha anche pesantemente condizionato la vita. Il privato dell’attrice ha  per diventare l’immagine distorta della sua eroina cinematografica. I mille amori di Angelica sono stati anche i mille amori di Michele Mercier. Amori non cercati, come quello con lo Scià di Persia che la ricopri di gioielli per poi tentare di violentarla (come il suo emulo nel film, il Gran Sultano), come quello con Claude Bourillot con cui visse una dozzina d’anni e che fuggì con tutti i suoi gioielli. E anche disavventure economiche, come quella che la travolse nel 1999 in seguito a sciagurate operazioni commerciali che la lasciarono sul lastrico.

Michele Mercier foto

Amore, fortuna e fama. Ma anche solitudine, amarezze e una carriera che non decollò mai veramente. “Ho capito che Angelica non mi può fare più fare male, quindi ho imparato a considerarla  come una sorellina, con cui ho dovuto vivere mano nella mano” E’ il passaggio più amaro del suo libro, con cui condensa il dualismo con cui ha dovuto convivere per mezzo secolo. Oggi Michele Mercier è una donna dal sorriso un pò triste, in cui l’antica bellezza ha lasciato il posto a quella bellezza degli anni maturi, quella vera e non appariscente. Ma il suo sguardo ha ancora la fierezza della sua “sorellina” Angelica, la Marchesa degli Angeli.

 Miche Mercier banner gallery

Michele Mercier Cimitero senza croci
Cimitero senza croci

Michele Mercier Comment te dir adieu
Comment te dir adieu

Michele Mercier Amore in 4 dimensioni
Amore in 4 dimensioni

Michele Mercier La rumbera
Nel film La rumbera, l’ultima apparizione cinematografica

Michele Mercier Al soldo di tutte le bandiere
Con Tony Curtis in Al soldo di tutte le bandiere

Michele Mercier Roma bene
Roma bene

Michele Mercier Una vedova tutta d’oro
Una vedova tutta d’oro

Michele Mercier Le soleil noir
Le soleil noir

Michele Mercier Casanova 70

Casanova 70

Michele Mercier Lo sciacallo

Lo sciacallo

Michele Mercier L'incredibile storia di Marta Dubois

L’incredibile storia di Marta Dubois

Michele Mercier Il giovedi

Il giovedi

Michele Mercier Matrimonio alla francese

Matrimonio alla francese

Michele Mercier Delitto sulla Costa Azzurra

Delitto sulla Costa Azzurra

Michele Mercier Götz von Berlichingen mit der eisernen Hand

Götz von Berlichingen mit der eisernen Hand

Michele Mercier Il giustiziere dei mari

Il giustiziere dei mari

Michele Mercier Il richiamo della foresta

Il richiamo della foresta

Michele Mercier Venus et Apollon

Venus et Apollon

Michele Mercier Symphonie pour un massacre

Symponie pour un massacre

Michele Mercier Retour de manivelle

Retour de manivelle

Michele Mercier Pirati della notte

Pirati della notte

Michele Mercier Mademoiselle Ange

Mademoiselle Ange

Michele Mercier Le tonnerre de Dieu

Le tonnerre de Dieux

Michele Mercier Le Notti di Lucrezia Borgia

Le notti di Lucrezia Borgia

Michele Mercier Le meraviglie di Aladino

Le meraviglie di Aladino

Michele Mercier Le brune sparano

Le brune sparano

Michele Mercier L'ane de ferchaux

Jane de Ferchaux

Michele Mercier L'amante infedele

L’amante infedele

Michele Mercier La rumbera

La rumbera

Michele Mercier La pupa

La pupa

Michele Mercier I nostri mariti

I nostri mariti

Michele Mercier Götz von Berlichingen mit der eisernen Hand

Götz von Berlichingen mit der eisernen Hand

Michele Mercier Gli anni ruggenti

Gli anni ruggenti

Michele Mercier Fury at Smugglers bay

Fury at Sumrgless Bay

Michele Mercier Frenesia dell'estate

Frenesia dell’estate

Michele Mercier Donnez-moi ma chance

Donnez moi ma chance

Michele Mercier Alta infedeltà

Alta infedeltà

Michele Mercier Aimez-vous Brahms

Aimez vous Brahms

Michele Mercier A global affair

A global affair

Michele Mercier banner memorabilia

Michele Mercier Angelica e il gran Sultano cineracconto

Il cineracconto di Angelica e il Gran Sultano

Michele Mercier foto 2

Michele Mercier foto 3

Michele Mercier foto 4

Michele Mercier foto 5

Michele Mercier foto 6

Michele Mercier banner filmografia

“Vénus & Apollon” (2009) Serie tv

“Krasnaya kapella” (2004) Serie TV

“Il bello delle donne” (2001) Serie TV

La rumbera (1998)

Jeans Tonic (1984)

Götz von Berlichingen mit der eisernen Hand (1979)

Les femmes du monde (1977) (TV)

Per amore o per forza (1976)

Il richiamo della foresta (1972)

Il vitalizio (1972)

Roma bene (1971)

E venne l’alba… ma tinta di rosso (1971)

L’incredibile storia di Martha Dubois (1971)

Al soldo di tutte le bandiere (1970)

Una vedova tutta d’oro (1969)

Cimitero senza croci (1969)

Le calde notti di Lady Hamilton (1968)

Angelica e il gran sultano (1968)

L’indomabile Angelica (1967)

L’amore attraverso i secoli (1967)

L’Angelica avventuriera (1967)

La pupa (1966)

Come imparai ad amare le donne (1966)

I nostri mariti (1966)

L’amante infedele (1966)

Matrimonio alla francese (1965)

Casanova ’70 (1965)

La meravigliosa Angelica (1965)

Angelica alla corte del re (1965)

Angelica (1964)

Via Veneto (1964)

Amore in quattro dimensioni (1964)

Frenesia dell’estate (1964)

I guai di papà (1964)

Il giovedì (1964)

Alta infedeltà (1964)

I mostri (1963)

Lo sciacallo (1963)

I tre volti della paura (1963)

Sinfonia per un massacro (1963)

Le prigioniere dell’isola del diavolo (1962)

Gli anni ruggenti (1962)

Le meraviglie di Aladino (1961)

Le piace Brahms? (1961)

Le Saint mène la danse (1961)

La baia dei pirati (1961)

Tirate sul pianista (1960)

La brune que voilà (1960)

Le notti di Lucrezia Borgia (1960)

La ligne de mire (1960)

Angelica ragazza jet (1959)

Donnez-moi ma chance (1957)

Delitto sulla Costa Azzurra (1957)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: