Gli Oscar del 1989


Banner Oscar 1989

Oscar

La sera del 29 marzo 1989 a Los Angeles nella sede dello Shrine Civic Auditorium di Los Angeles si tiene la consueta cerimonia per il conferimento degli Academy Awards, gli Oscar cinematografici relativi a film in programmazione nel 1988.
Secondo previsioni, a vincere l’Oscar come miglior film è Rain man, l’uomo della pioggia di Barry Levinson che a fine serata porterà a casa altre 3 statuette su 8 nomination. Il film di Levinson batte un parterre di alto livello, composto da Turista per caso (The Accidental Tourist), regia di Lawrence Kasdan, da Le relazioni pericolose (Dangerous Liaisons), regia di Stephen Frears, da Mississippi Burning – Le radici dell’odio (Mississippi Burning), regia di Alan Parker e infine da Una donna in carriera (Working Girl), regia di Mike Nichols.
Levinson vince anche il premio per la miglior regia, mentre è Dustin Hoffman a vincere l’Oscar come miglior attore protagonista,aggiudicandosi la sua seconda statuetta a distanza di 9 anni da quella vinta nel 1980 con Kramer contro Kramer.

Shrine Civic Auditorium

Shrine Civic Auditorium di Los Angeles

La sua vecchia partner Meryl Streep, che condivise con lui l’Oscar è in lizza ancora una volta ma viene battuta da una grande Jodie Foster, interprete del drammatico Sotto accusa (The Accused) diretto da Jonathan Kaplan mentre tra le nomination troviamo Glenn Close per Le relazioni pericolose (Dangerous Liaisons),Melanie Griffith per Una donna in carriera (Working Girl) e Sigourney Weaver per Gorilla nella nebbia (Gorillas in the Mist: The Story of Dian Fossey).
La Weaver aveva la nomination anche come miglior attrice non protagonista per Una donna in carriera, ma rimase a secco anche in questa categoria.
Miglior attore protagonista è Kevin Kline per Un pesce di nome Wanda mentre miglior attrice non protagonista è Virginia Elizabeth Davis ovvero Geena Davis per il film Turista per caso (The Accidental Tourist).
Miglior film straniero è Pelle alla conquista del mondo (Pelle erobreren), regia di Bille August; grande sconfitto della serata è Mississipi Burning alle radici dell’odio, il film di Alan Parker che alla fine su sette nomination vince solo l’Oscar, peraltro prestigioso per la miglior fotografia.
Invece il grande protagonista della serata è Chi ha incastrato Roger Rabbit diretto da Robert Zemeckis, film dalla tecnica particolare con presenza contemporanea di cartoni e di attori in carne ed ossa.
Il film di Zemeckis vince l’Oscar con Arthur Schmid per il Miglior montaggio,con Ken Ralston, Richard Williams, Edward Jones e George Gibbs per i Migliori effetti speciali,con Charles L. Campbell e Louis L. Edemann per il Miglior montaggio sonoro.
Il premio alla carriera va Alla Eastman Kodak Co., per i fondamentali contributi all’arte del cinema durante il primo secolo della sua storia e
alla National Film Board of Canada, per l’impegno dedicato alla realizzazione di un’attività artistica, creativa e tecnologica e dell’eccellenza raggiunta in ogni settore della cinematografia.

Legenda :in neretto i film e i protagonisti vincitori

Banner Oscar 1989,3

Miglior film

1 Rain man

Rain Man – L’uomo della pioggia (Rain Man), regia di Barry Levinson

1 Turisti per caso
Turista per caso (The Accidental Tourist), regia di Lawrence Kasdan

1 Le relazioni pericolose
Le relazioni pericolose (Dangerous Liaisons), regia di Stephen Frears

1 Mississippi Burning
Mississippi Burning – Le radici dell’odio (Mississippi Burning), regia di Alan Parker

1 Una donna in carriera
Una donna in carriera (Working Girl), regia di Mike Nichols

Miglior regia

2 Rain Man

Barry Levinson – Rain Man – L’uomo della pioggia (Rain Man)

2 Un pesce di nome Wanda
Charles Crichton – Un pesce di nome Wanda (A Fish Called Wanda)

2 Una donna in carriera
Mike Nichols – Una donna in carriera (Working Girl)

2 Mississippi Burning
Alan Parker – Mississippi Burning – Le radici dell’odio (Mississippi Burning)

2 L'ultima tentazione di Cristo
Martin Scorsese – L’ultima tentazione di Cristo (The Last Temptation of Christ)

Miglior attore protagonista

3 Dustin Hoffman

Dustin Hoffman – Rain Man – L’uomo della pioggia (Rain Man)

3 Gene Hackman - Mississippi Burning - Le radici dell'odio
Gene Hackman – Mississippi Burning – Le radici dell’odio (Mississippi Burning)

3 Tom Hanks - Big
Tom Hanks – Big (Big)

3 Edward James Olmos - La forza della volontà
Edward James Olmos – La forza della volontà (Stand and Deliver)

3 Max von Sydow - Pelle alla conquista del mondo
Max von Sydow – Pelle alla conquista del mondo (Pelle erobreren)

Migliore attrice protagonista

4 Sotto accusa

Jodie Foster – Sotto accusa (The Accused)

4 Glenn Close Le relazioni pericolose
Glenn Close – Le relazioni pericolose (Dangerous Liaisons)

4 Melanie Griffith Una donna in carriera
Melanie Griffith – Una donna in carriera (Working Girl)

4 Meryl Streep - Un grido nella notte
Meryl Streep – Un grido nella notte (A Cry in the Dark)

Gorilla nella nebbia

Sigourney Weaver – Gorilla nella nebbia

Miglior attore non protagonista

5 Kevin Kline - Un pesce di nome Wanda

Kevin Kline – Un pesce di nome Wanda (A Fish Called Wanda)

5 Alec Guinness - Little Dorrit
Alec Guinness – Little Dorrit (Little Dorrit)

5 Martin Landau - Tucker, un uomo e il suo sogno
Martin Landau – Tucker, un uomo e il suo sogno (Tucker: The Man and His Dream)

5 River Phoenix - Vivere in fuga
River Phoenix – Vivere in fuga (Running on Empty)

5 Dean Stockwell - Una vedova allegra... ma non troppo
Dean Stockwell – Una vedova allegra… ma non troppo (Married to the Mob)

Migliore attrice non protagonista

6 Geena Davis - Turista per caso

Geena Davis – Turista per caso (The Accidental Tourist)

6 Joan Cusack - Una donna in carriera
Joan Cusack – Una donna in carriera (Working Girl)

6 Frances McDormand - Mississippi Burning - Le radici dell'odio
Frances McDormand – Mississippi Burning – Le radici dell’odio (Mississippi Burning)

6 Michelle Pfeiffer - Le relazioni pericolose
Michelle Pfeiffer – Le relazioni pericolose (Dangerous Liaisons)

6 Sigourney Weaver - Una donna in carriera
Sigourney Weaver – Una donna in carriera (Working Girl)

Miglior sceneggiatura originale

Ronald Bass e Barry Morrow – Rain Man – L’uomo della pioggia (Rain Man)
John Cleese e Charles Crichton – Un pesce di nome Wanda (A Fish Called Wanda)
Naomi Foner – Vivere in fuga (Running on Empty)
Gary Ross e Anne Spielberg – Big (Big)
Ron Shelton – Bull Durham – Un gioco a tre mani (Bull Durham)

Miglior sceneggiatura non originale

Christopher Hampton – Le relazioni pericolose (Dangerous Liaisons)
Jean-Claude Carrière e Philip Kaufman – L’insostenibile leggerezza dell’essere (The Unbearable Lightness of Being)
Christine Edzard – Little Dorrit (Little Dorrit)
Frank Galati e Lawrence Kasdan – Turista per caso (The Accidental Tourist)
Anna Hamilton Phelan e Tab Murphy – Gorilla nella nebbia (Gorillas in the Mist: The Story of Dian Fossey)

Miglior film straniero

Pelle alla conquista del mondo (Pelle erobreren), regia di Bille August
La notte dei maghi (Hanussen), regia di István Szabó (Ungheria)
Il maestro di musica (Le maître de musique), regia di Gérard Corbiau (Belgio)
Salaam Bombay! (Salaam Bombay!), regia di Mira Nair (India)
Donne sull’orlo di una crisi di nervi (Mujeres al borde de un ataque de nervios), regia di Pedro Almodóvar (Spagna)

Miglior fotografia

Peter Biziou – Mississippi Burning – Le radici dell’odio (Mississippi Burning)
Dean Cundey – Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit)
Conrad L. Hall – Tequila Connection (Tequila Sunrise)
Sven Nykvist – L’insostenibile leggerezza dell’essere (The Unbearable Lightness of Being)
John Seale – Rain Man – L’uomo della pioggia (Rain Man)

Miglior montaggio

Arthur Schmidt – Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit)
Stuart Baird – Gorilla nella nebbia (Gorillas in the Mist: The Story of Dian Fossey)
Gerry Hambling – Mississippi Burning – Le radici dell’odio (Mississippi Burning)
Stu Linder – Rain Man – L’uomo della pioggia (Rain Man)
Frank J. Urioste e John F. Link – Die Hard – Trappola di cristallo (Die Hard)

Miglior scenografia

Stuart Craig e Gerard James – Le relazioni pericolose (Dangerous Liaisons)
Albert Brenner e Garrett Lewis – Spiagge (Beaches)
Ida Random e Linda DeScenna – Rain Man – L’uomo della pioggia (Rain Man)
Elliot Scott e Peter Howitt – Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit)
Dean Tavoularis e Armin Ganz – Tucker, un uomo e il suo sogno (Tucker: The Man and His Dream)

Migliori costumi

James Acheson – Le relazioni pericolose (Dangerous Liaisons)
Milena Canonero – Tucker, un uomo e il suo sogno (Tucker: The Man and His Dream)
Deborah Nadoolman – Il principe cerca moglie (Coming to America)
Patricia Norris – Intrigo a Hollywood (Sunset)
Jane Robinson – Il matrimonio di Lady Brenda (A Handful of Dust)

Miglior trucco

Ve Neill, Steve La Porte e Robert Short – Beetlejuice – Spiritello porcello (Beetlejuice)
Rick Baker – Il principe cerca moglie (Coming to America)
Tom Burman e Bari Dreiband-Burman – S.O.S. fantasmi (Scrooged)

Migliori effetti speciali

Ken Ralston, Richard Williams, Edward Jones e George Gibbs – Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit)
Richard Edlund, Al DiSarro, Brent Boates e Thaine Morris – Die Hard – Trappola di cristallo (Die Hard)
Dennis Muren, Michael McAlister, Phil Tippett e Chris Evans – Willow (Willow)

Migliore colonna sonora

Dave Grusin – Milagro (The Milagro Beanfield War)
George Fenton – Le relazioni pericolose (Dangerous Liaisons)
Maurice Jarre – Gorilla nella nebbia (Gorillas in the Mist: The Story of Dian Fossey)
John Williams – Turista per caso (The Accidental Tourist)
Hans Zimmer – Rain Man – L’uomo della pioggia (Rain Man)

Miglior canzone

Let the River Run, musica e testo di Carly Simon – Una donna in carriera (Working Girl)
Calling You, musica e testo di Bob Telson – Bagdad Cafè (Out of Rosenheim)
Two Hearts, musica di Lamont Dozier e testo di Phil Collins – Buster (Buster)

Miglior sonoro

Les Fresholtz, Dick Alexander, Vern Poore e Willie D. Burton – Bird (Bird)
Don Bassman, Kevin F. Cleary, Richard Overton e Al Overton – Die Hard – Trappola di cristallo (Die Hard)
Robert Knudson, John Boyd, Don Digirolamo e Tony Dawe – Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit)
Robert Litt, Elliot Tyson, Rick Kline e Danny Michael – Mississippi Burning – Le radici dell’odio (Mississippi Burning)
Andy Nelson, Brian Saunders e Peter Handford – Gorilla nella nebbia (Gorillas in the Mist: The Story of Dian Fossey)

Miglior montaggio sonoro

Charles L. Campbell e Louis L. Edemann – Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit)
Ben Burtt e Richard Hymns – Willow (Willow)
Stephen H. Flick e Richard Shorr – Die Hard – Trappola di cristallo (Die Hard)

Miglior documentario

Hotel Terminus: The Life and Times of Klaus Barbie (Hôtel Terminus), regia di Marcel Ophüls
The Cry of Reason – Beyers Naude: An Afrikaner Speaks Out (The Cry of Reason – Beyers Naude: An Afrikaner Speaks Out), regia di Robert Bilheimer
Let’s Get Lost – Perdiamoci (Let’s Get Lost), regia di Bruce Weber
Promises to Keep (Promises to Keep), regia di Ginny Durrin
Who Killed Vincent Chin? (Who Killed Vincent Chin?), regia di Christine Choy e Renee Tajima-Pena

Miglior cortometraggio

The Appointments of Dennis Jennings (The Appointments of Dennis Jennings), regia di Dean Parisot
Cadillac Dreams (Cadillac Dreams), regia di Matia Karrell
Gullah Tales (Gullah Tales), regia di Gary Moss

Miglior cortometraggio documentario

You Don’t Have to Die (You Don’t Have to Die), regia di Malcolm Clarke e Bill Guttentag
The Children’s Storefront (The Children’s Storefront), regia di Karen Goodman
Family Gathering (Family Gathering), regia di Lise Yasui e Ann Tegnell
Gang Cops (Gang Cops), regia di Thomas B. Fleming e Daniel Marks
Portrait of Imogen (Portrait of Imogen), regia di Meg Partridge

Miglior cortometraggio d’animazione

Tin Toy (Tin Toy), regia di John Lasseter
The Cat Came Back (The Cat Came Back), regia di Cordell Barker
Technological Threat (Technological Threat), regia di Brian Jennings e Bill Kroyer

Premio Special Achievement

Richard Williams – Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit?) – per la direzione delle animazioni

Premio alla carriera

Alla Eastman Kodak Co., in riconoscimento dei fondamentali contributi all’arte del cinema durante il primo secolo della sua storia.
Alla National Film Board of Canada, in riconoscimento del suo cinquantesimo anniversario, del suo impegno dedicato alla realizzazione di un’attività artistica, creativa e tecnologica e dell’eccellenza raggiunta in ogni settore della cinematografia.

Banner Oscar 1989,4

 

Barry Levinson oscar

 

Barry Levinson regista di Rain Man tra Goldie Hawn e Kurt Russell

Dustin Hoffman oscar

Dustin Hoffman, premio Oscar come miglior attore con Tom Cruise

Dustin Hoffman oscar 2

Jodie Foster oscar

Jodie Foster premio Oscar come miglior attrice

Jodie Foster Hoffman oscar

Geena Davis

Geena Davis, premio Oscar come miglior attrice non protagonista

Geena Davis 2

Jodie Foster oscar 2

Kevin Kline

Kevin Kline premio Oscar come miglior attore non protagonista

Kevin Kline 2

Nomination Oscar miglior attore

Nomination Oscar miglior attore non protagonista

Nomination Oscar miglior attrice

Nomination Oscar miglior attrice non protagonista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: