Filmscoop

Tutto il mio cinema

Un caldo corpo di femmina (Female vampire)

Female vampire locandina 2

Female vampire o Un caldo corpo di femmina nell’esplicito titolo italiano è uno dei film più famosi di Jesus Franco,il settimo in appena due anni girato con protagonista quella che sarà la sua musa, la sua attrice preferita nonchè sua moglie, Rosa María Almirall Martínez conosciuta come Lina Romay.
Un film, va detto subito, diventato un cult per la presenza proprio dell’affascinante attrice catalana che interpreta il personaggio di Irina von Karlstein, il vampiro che si aggira muta nel film seducendo e uccidendo chiunque abbia la sventura di giacere con lei.
Un film senza una sceneggiatura lineare, anzi, piuttosto caotico, con pochi dialoghi spesso anche incomprensibili e una trama ridotta all’osso.
Quale allora il motivo del successo della pellicola?
Probabilmente o meglio, quasi sicuramente la presenza di Lina Romay nel film, che compare in una scena iniziale completamente nuda in un bosco nebbioso, coperta solo da un mantello scuro.

Female vampire 6

Female vampire 1
Una scena rimasta memorabile che va aggiunta ad un film che è essenzialmente in linea con la stragrande maggioranza della produzione del regista spagnolo, quindi permeata da un erotismo molto esplicito che in alcuni tratti sconfina nel hard.
La trama è raccontabile in due parole: la contessa Irina von Karlstein, ultima discendente di un’antica stirpe di vampiri vaga nell’isola di Madera alla ricerca continua di di esseri umani, che siano uomini o donne con cui soddisfare il proprio piacere.
Dopo aver giaciuto con le persone che soggioga, Irina le uccide creando quindi l’allarme nella plizia dell’isola.
E’ il dottor Roberts a capire che dietro i misteriosi omicidi c’è la mano di un vampiro,mentre Irina conosce il Barone von Rathony, un giovane e affascinante romanziere del quale, per la prima volta, prova un sentimento di amore vero.
Il rapporto tra i due è di natura telepatica, essendo la contessa muta, ma tra i due nasce un sentimento molto forte;tuttavia neanche lui può sfuggire alla maledizione di Irina, che da quel momento inizia a pensare di abbandonare il mondo reale…

Female vampire 2

Female vampire 3

Female vampire 4
A parte la bellezza davvero notevole e la sensualità esasperata di Lina Romay, il film di Franco non è davvero memorabile, come del resto gran parte della produzione del cineasta spagnolo.
Tuttavia a tratti alcune scene oniriche, il surrealismo delle situazioni e una certa ambientazione brumosa, tipica dei film gotici o di quelli espressamente dedicata ai vampiri possono valere la visione del film stesso.
Film quindi di qualche interesse, presente in un mucchio di versioni e con svariati titoli che vanno da Erotikiller a Female Vampire, da La comtesse noire (che è poi il titolo originale) a La comtesse aux seins nus.

Female vampire 0

Un caldo corpo di femmina

Un film di Jesus Franco. Con Jack Taylor, Alice Arno, Lina Romay, Gilda Arancio Titolo originale La comtesse aux seins nus. Erotico, durata 89 min. – Francia, Belgio 1975.

 

Female vampire banner gallery

Female vampire 5

Female vampire 7

Female vampire 8

Female vampire 9

Female vampire 10

Female vampire 11

Female vampire 12

Female vampire 13

Female vampire 14

Female vampire 15

Female vampire 16

Female vampire banner protagonisti

Lina Romay: contessa Irina von Karlstein
Jack Taylor: barone von Rathony
Jesús Franco: dr. Roberts
Jean-Pierre Bouyxou: dr. Orlof
Luis Barboo: maggiordomo della Contessa
Alice Arno: Maria
Monica Swinn: principessa di Rochefort
Anna Watican: Anna, la giornalista
Roger Germanes: il ragazzo dei boschi
Ramón Ardid: massaggiatore
Bigotini: ispettore della sezione stupefacenti
Pierre Querut: ispettore
Gilda Arancio: vittima della principessa di Rochefort

Female vampire banner cast

Regia Jesús Franco
Soggetto Jesús Franco
Sceneggiatura Jesús Franco
Produttore Marius Lesoeur (Eurociné, Parigi)
Pierre Querut (Général Films, Belgio)
Fotografia Jesús Franco
Montaggio Jesús Franco
Musiche Daniel J. White
Trucco Elisenda Villanueva

Female vampire banner recensioni

L’opinione di giurista81 dal sito http://www.filmtv.it

Soggetto assai interessante e affascinante (Contessa vampira che si aggira, vestita con un solo mantello marrone, per nutrirsi del sangue delle vittime) non sviluppato da una sceneggiatura adeguata. Franco abbonda troppo con l’erotico, sconfinando più di una volta nel porno soft. Peccato… Fotografia molto più curata del solito, così come le scenografie (favolose quelle immerse nella nebbia). Ottima la colonna sonora. Sufficienti le interpretazioni. Montaggio medicore, regia perfezionabile. Assente lo splatter. Un’ultima considerazione sul titolo italano con i distributori che hanno optato per uno davvero brutto non mutuando il più adeguato “La Contessa Nera”. Nel complesso una pellicola non pienamente riuscita a metà strada tra l’erotico e l’horror.

L’opinione del sito http://www.filmhorror.com

Lento e insulso “horror” erotico privo di situazioni stimolanti, realizzato anche in versione con inserti hard, il cui unico scopo sembrerebbe quello di aggiungere noiosi minuti alla già eterna durata di questa soporifera produzione Eurociné.
Peccato, perché le idee Jesús Franco le avrebbe anche, disegnando le scene come se fossero tavole di uno di quei fumetti erotici tipo Jacula” o Vampirella, ma non riesce a dare ritmo a una vicenda che, come succede spesso nei suoi film, non ha alcun senso logico.
Lina Romay, la protagonista assoluta della pellicola, se la cava alla meno peggio, manca però della giusta finezza per riuscire a creare un’atmosfera realmente erotica attorno al suo personaggio. In altre parole, non regge il confronto con la torrida Soledad Miranda, deceduta tragicamente pochissimo tempo prima.

L’opinione del sito it.darkveins.com

Poverissima e squallida produzione dei primi anni ’70 di J. Franco, con protagonista Lina Romay (storica compagna dello stesso Jess) nei panni di Irina, voluttuosa vampira affamata (di sesso) …
V’è una scena che è l’apoteosi del trash: Lina Romay che sbatte il mento contro l’obiettivo mentre cammina frontalmente verso la telecamera: la scena non è stata tagliata in fase di montaggio!
Non è eccezionale, ma lo consiglio ai “Franchisti” incalliti.

L’opinione di Cotola dal sito http://www.davinotti.com

Film vampiresco al femminile caratterizzato da un ritmo piuttosto dilatato, a tratti direi catatonico e dalle copiose scene erotiche in cui notevoli bellezze muliebri mostrano più e più volte le loro “doti”. Per il resto non c’è molto altro se non le musiche datate (ma buone) ed una fotografia decente. Le voci off sono spesso gratuite, deliranti ed inconcludenti. Sceneggiatura al minimo storico. In ogni caso non un disastro completo. Jess Franco, infatti, ha fatto molto ma molto peggio.

Female vampire banner foto

Female vampire foto 1

Female vampire foto 7

Female vampire foto 9

Female vampire foto 8

Female vampire foto 6

Female vampire foto 5

Female vampire foto 4

Female vampire foto 3

Female vampire foto 2

Female vampire locandina 6

Female vampire locandina 5

Female vampire locandina 1

Female vampire locandina 3

 

Female vampire locandina 7

 

Filmscoop è su Facebook: richiedetemi l’amicizia.

Il profilo è il seguente:

http://www.facebook.com/filmscoopwordpress.paultemplar

aprile 5, 2014 Posted by | Horror | , , | Lascia un commento

Greta,la donna bestia

 

Quello di Las Palomas è un penitenziario speciale.
In esso infatti sono detenute donne che hanno commesso reati a sfondo sessuale o che hanno devianze relative alla stessa sfera; ci sono ninfomani mescolate a prostitute, lesbiche e un campionario di masochiste molto vario.
La direzione dello stesso è affidata alla perversa e sadica Greta, che tiranneggia le detenute umiliandole in vario modo.
Ma all’interno del penitenziario ci sono anche alcune prigioniere politiche, inviate dalla dittatura che imperversa nel paese dove avvengono i fatti a subire la dura sferza di Greta ; le prigioniere politiche sono trattate se possibile anche peggio, spesso vegnono eliminate fisicamente.


Abbie Phillips, alla ricerca di sua sorella detenuta all’interno di Las Palomas riesce a farsi mandare nel penitenziario con la complicità del Dr. Milton Arcos; qui la ragazza apprenderà la verità sulla sorte di sua sorella, non prima di essere passata attraverso un campionario di umiliazioni da brivido.
Vessata dalla compagne e in particolare da Juana, una delle detenute più violente, amante della direttrice Greta, Abbie riuscirà con coraggio a sopportare tutto, insegnando proprio ad Juana la strada per ribellarsi al dispotismo di Greta.
Sarà infatti l’ex aguzzina di Abbie a dare il via alla rivolta, che si concluderà dramaticamente con la morte di Greta mangiata viva dalla detenute, mentre qualcuno riprende di nascosto tutto l’accaduto….

Nelle due foto: Dyanne Thorne (Greta) e Lina Romay (Juana)

Greta la donna bestia, più conosciuto come Ilsa, The Wicked Warden è un film del 1977 diretto dal regista spagnolo Jesus Franco, che in passato aveva già girato un film con le stesse tematiche, quel 99 donne in cui c’era un cast di grande spessore formato dalle nostre Luciana Paluzzi e Rosalba Neri, da una delle muse di Jess Franco, ovvero Maria Rohm e da Maria Schell, Herbert Lom oltre a Mercedes McCambridge.


Greta è un WIP, ovvero un Women in prison, quel particolare genere cinematografico ambientato dietro le sbarre di carceri spesso violente e annichilenti; ed è un wip particolare, che sfrutta il successo dei due film Ilsa la belva delle SS e Ilsa la tigre del deserto per riproporre Dyanne Thorne, l’attrice che aveva interpretato la kapo nazista in un ruolo che però non ha nulla a che vedere con i due precedenti.
Infatti come gli appassionati del genere ricorderanno, in Ilsa la belva delle SS c’era una conclusione altrettanto feroce di quella ripresa da Franco, con la morte della sanguinaria nazista; qui non siamo durante la seconda guerra mondiale, l’utilizzo del nome Ilsa per il titolo internazionale appare chiaramente come un espediente commerciale.
Questo film è un prodotto in linea con la media dei film del regista spagnolo; nudi a volontà, fotografia curata, ritmo di narrazione lentissimo in una cornice accurata.
Quindi il meglio e il peggio di Franco, dove il meglio è rappresentato dall’indubbia abilità formale del regista e il peggio dalla sciatteria generale, ovvero una sceneggiatura abbastanza prevedibile con un corollario rappresentato da perversioni e sadismo a gogo.

Il film non presenta particolari novità in relazione agli altri prodotti riconducibili al genere WIP; torture, docce, carcerieri sadici sono i veri protagonisti del film, che inizia seguendo la fuga di una detenuta che dopo una lunga caccia viene catturata in casa del dottor Arcos. Sono i primi dieci minuti del film, interminabili perchè girati con i tempi di Franco, estremamente dilatati ma curati nei dettagli.
Di là in poi il film si snoda attraverso la descrizione delle sevizie sia morali che fisiche subite da Abbie, che iniziano con la consueta doccia gelata e terminano con la scena in cui Abbie è costretta da Juana a leccarle il sedere dopo che quest’ultima ha defecato (scena lasciata fortunatamente all’immaginazione dello spettatore).


A parte questa scena abbastanza disgustosa, l’ultima parte del film è quella che mostra un minimo d’azione dopo quasi un’ora e venti film e mostra la vendetta delle detenute che mangiano viva la crudele Greta.
La scena, che vorrebbe essere splatter, in realtà è ammorbidita dagli effetti speciali, nel senso che siamo al minimo sindacale anche per un z movie horror. Il sangue non è nemmeno rosso e per dare un minimo di pathos alla lunga sequenza, Jess Franco intervalla le scene di cannibalismo con quelle in cui mostra una tigre impegnata nel divorare un pezzo di preda catturata.
In quanto al cast, da segnalare la presenza di Tania Busselier che assolve discretamente il suo compito interpretando la coraggiosa Abbie, quella della ipertrofica Dyanne Thorne ai suoi soliti standard nella parte della crudele Greta e la presenza della musa di Jess Franco nonchè sua moglie Lina Romay. Da rimarcare la presenza dello stesso regista nel ruolo del dottor Milton Arcos.

La Romay, scomparsa nel febbraio del 2012 a soli 57 anni è in scena con un insolito taglio di capelli alla maschiaccio; la sua magnetica presenza è una delle cose rilevanti del film che per il resto può essere definito come un prodotto in linea con la sterminata filmografia di Franco, quindi senza infamia e senza lode.
Il film è disponibile in digitale ed è presente in versione italiana e presumo anche integrale su Youtube a questo indirizzo: http://youtu.be/Op1rVIoDXAg

Greta  la donna bestia
Un film di Jesus Franco. Con Dyanne Thorne, Tanya Busselier,Lina Romay, Erik Falk,Jesus Franco. Titolo originale Hans dime Mämmer – Erotico, durata 91 min. – Svizzera, Francia 1976.

Dyanne Thorne: Greta del Pino
Erik Falk: Dottor Rego
Tania Busselier: Abigail Philips (Aby)
Lina Romay: Juana, detenuta n. 10
Jesús Franco: Dottor Milton Arcos
Peggy Markoff: Carla, detenuta n. 14
Aida Vargas: Detenuta n. 20

Regia Jesús Franco
Soggetto Erwin Dietrich, Jesús Franco
Sceneggiatura Erwin Dietrich, Jesús Franco
Produttore Erwin Dietrich (Elite Film, Zurigo e Monaco)
Fotografia Ruedl Küttel
Musiche Walter Baumgartner

 

Lina Romay

Dyanne Thorne

Filmscoop è su Facebook: richiedetemi l’amicizia.

Il profilo è il seguente:

http://www.facebook.com/filmscoopwordpress.paultemplar

settembre 17, 2012 Posted by | Horror | , , , | Lascia un commento

La mansion de los muertos vivientes

La mansion de los muertos vivientes locandina

Candy, Mabel, Lea e Cathy, quattro ragazze in vacanza si recano in un hotel delle Canarie per passare un breve periodo di villeggiatura.
L’hotel è all’apparenza completamente vuoto, gestito da Carlos, un misterioso e sfuggente receptionist e da un giardiniere voyeur.
Le quattro ragazze naturalmente hanno rapporti saffici tra loro e approfittando della totale assenza di gente si espongono generosamente nude ai raggi solari, beandosi dell’apparente calma del luogo.
Accanto all’hotel sorge un misterioso monastero, anch’esso apparentemente disabitato; una delle ragazze, attirata da strane voci che provengono da esso, vi si reca improvvidamente, tant’è vero che viene violentata e uccisa da un gruppo di Templari che abita la costruzione.

La mansion de los muertos vivientes 4
Lina Romay è Candy

Si tratta di monaci colpiti da un’antica maledizione, tra di loro c’è anche Carlos, che vive un’esistenza a metà strada tra il vivente e il non-vivente, una specie di vampiro che al contrario di questi ultimi vive di giorno per trasformarsi in un essere mostruoso di notte.
Ad una ad una le ragazze finiranno uccise, salvo Candy, che dopo aver scoperto che Carlos tiene prigioniera, incatenata per il collo ad un letto la moglie Olivia, finisce per eliminare l’uomo, che ha creduto di vedere in lei la donna che secoli addietro maledisse i templari.

La mansion de los muertos vivientes 13

La mansion de los muertos vivientes 10

La mansion de los muertos vivientes,opera diretta da Jesus Franco nel 1982, è un horror/erotico ispirato nettamente alle saghe templari ( i famosi resuscitati ciechi) di Amando de Ossorio, un esperimento difficilmente giudicabile del controverso regista spagnolo.
Un film che ha un suo fascino sinistro, sia chiaro; peccato che Franco, come suo solito, privilegi la parte voyuristica del film, puntando sulle ormai tradizionali scene erotiche e che utilizzi per gli effetti speciali ( i volti dei templari) il minimo sindacale, limitandosi a dipingere con il cerone bianco i volti dei monaci.

La mansion de los muertos vivientes 1

La mansion de los muertos vivientes 7

Il film tuttavia si mantiene su binari standard di decoro, pur non emozionando ne annoiando: un’opera abbastanza piatta, in cui l’unica certezza arriva dalla mano del regista, capace come pochi di “fermare la scena” e impressionarla.
Ma questo ovviamente non può bastare e infatti non basta.
Girare un film con 6/7 attori richiede quantomeno una trama convincente, oltre alla capacità da parte del regista di puntare quanto meno sul dialogo se non su effetti visivi.
Franco non fà nulla del genere, affidando invece alle grazie di una Lina Romay in abbondante sovrappeso il compito di stimolare almeno a livello visivo lo spettatore.

La mansion de los muertos vivientes 8

A nulla servono nemmeno le usuali sequenze saffiche, che per una volta prendono il posto di quelle eterosessuali.
La recitazione di conseguenza è affidata ad attrici a cui non è richiesta particolare abilità anche in presenza di dialoghi non impegnativi; difatti ho visto il film in lingua originale con sottotitoli in francese, senza avere particolari problemi di traduzione.
Per quanto riguarda la storia, nulla di nuovo e parecchio di deja vu, con i soliti templari afflitti da una maledizione, il solito sacrificio rituale della ignara donzella capitata li per caso e via discorrendo.

La mansion de los muertos vivientes 9

La location non è particolarmente esaltante, visto che alle Canarie ci sono posti di ben altro fascino, ma anche in questo caso il regista ha dovuto arrangiarsi con quello che gli hanno fornito, ovvero un albergo molto simile ad un palazzone di periferia di una nostra metropoli e un mare molto simile a quello di natura vulcanica della Campania.
In ultima analisi, un film che non lascia nessuna sensazione particolare e che scorre senza sussulti verso un prevedibile finale, con l’ultima scena dedicata alla croce del monastero, che campeggia al tramonto in maniera sinistra.

La mansion de los muertos vivientes 2

La mansion de los muertos vivientes 3

La mansion de los muertos vivientes, un film di Jesus Franco, con Lina Romay, Antonio Mayans, Mabel Escaño, Albino Graziani,Mamie Kaplan, Jasmina Bell, Eva León- Horror, Spagna 1982

La mansion de los muertos vivientes banner gallery

La mansion de los muertos vivientes 16

La mansion de los muertos vivientes 15

La mansion de los muertos vivientes 14

La mansion de los muertos vivientes 12

La mansion de los muertos vivientes 11

La mansion de los muertos vivientes 6

La mansion de los muertos vivientes 5

La mansion de los muertos vivientes banner personaggi

Lina Romay – Candy
Antonio Mayans – Carlos Savonarola
Mabel Escaño: Mabel
Albino Graziani: il giardiniere dell’hotel / un templare
Mamie Kaplan: Lía
Jasmina Bell: Caty
Eva León: Olivia

La mansion de los muertos vivientes banner cast

Regia     Jesús Franco
Soggetto     Jesús Franco
Sceneggiatura     Jesús Franco
Produttore     Emilio Larraga
Casa di produzione     Golden Films, Barcellona
Fotografia     Juan Soler (come Joan Almirall)
Montaggio     Jesús Franco
Musiche     Pablo Villa (= Daniel J. White, Jesús Franco)

La mansion de los muertos vivientes foto 3

La mansion de los muertos vivientes foto 2

La mansion de los muertos vivientes foto 1

La mansion de los muertos vivientes locandina 1

novembre 23, 2010 Posted by | Erotico | , , | Lascia un commento