Nudo di donna


Sandro, un romano, meccanico, è sposato con la bella Laura,veneziana; i due si trasferiscono a Venezia, dove la donna ha ereditato una libreria di testi antichi dal padre,gestita da un anziano e burbero commesso.

La realtà della città veneta, così distante da quella romana, la difficoltà di ambientazione, l’essere stato trapiantato in un mondo che non gli appartiene, distante anni luce dalla sua cultura popolare crea immediatamente dei grossi problemi all’uomo, e la prima cosa a risentirne è proprio il legame sentimentale con la moglie, simboleggiato dalla scena in cui di due sono a letto e nel momento topico in cui Sandro si addormenta russando tra le braccia della moglie.

Nudo di donna 3

Eleonora Giorgi

Un giorno, mentre è nello studio di un fotografo amico della moglie, Sandro vede una foto di una donna nuda, ripresa di spalle; lui crede di riconoscere, nella donna, la moglie. Casualmente, Sandro si imbatte in una prostituta, Riri ,perfettamente identica alla moglie, ma dalle caratteristiche diverse, spigliata, allegra, dai costumi liberi; Riri sembra il completamento di Laura, troppo formale e poco propensa a lasciarsi andare.

Nudo di donna 5

Eleonora Giorgi e Nino Manfredi

Inizia con lei, quindi,una relazione appagante, che mette in evidente contraddizione il suo rapporto con la moglie. Con Riri sembra riacquistare giovinezza e voglia di fare, allegria, mentre la Laura che ha sposato gli appare sempre più distante. Ben presto la storia prende sviluppi imprevedibili; quando è con Riri, Sandro crede di intravedere caratteristiche della moglie, quasi che le due donne coesistessero in due universi paralleli, ma confluenti.

Nudo di donna 6

Il dubbio: è Laura la donna del misterioso ritratto?

Così,in una serata stupenda, mentre per le strade impazza il carnevale veneziano, Sandro incontra la moglie, vestita a maschera; la donna sembra far coesistere le due entità distinte. E’ un pò Riri, donna fatale e libertina, un pò Laura, donna seria e distante. Ma è Laura oppure no? La donna sembra sparire e lui la rincorre per tutta la notte.

Nudo di donna 15

All’alba, dopo una ricerca disperata per le strade di una Venezia incantata, che sembra risvegliarsi da un sonno magico, Sandro incontra la donna mascherata, che lo guarda e gli dice “:Sandro,è il momento di decidere,o scegli me oppure l’altra” Sandro esita per un attimo, la prende per mano e si allontana nell’alba veneziana.

Commedia degli equivoci? Ricerca della perfezione che non esiste? Il finale,decisamente ambiguo, non spiega chi sia realmente la donna; può essere Laura, che ha inscenato quella strana commedia per riconquistare il marito, oppure può essere qualcosa simile ad un sogno, la ricerca spasmodica della parte nascosta che è nelle persone che amiamo.

Nudo di donna 1

E’ lo spettatore, quindi, a dare la risposta che più preferisce. Il film,girato da Manfredi in una Venezia sognante e magica, a tratti convince, a tratti no. Più pochade che dramma, lascia incompiute tutte le premesse iniziali, pur catturando l’attenzione grazie a quel sapore magico che si respira per tutta la durata del film. Resta però opera importante, pur molto bistrattata dalla critica proprio per le imperfezioni che mostra; ma ha dalla sua una ricerca curata dell’ambientazione,una Venezia che sembra meno crepuscolare di quella di Nicholas Roeg nel film A Venezia un dicembre rosso shocking.

Nudo di donna 2

Il maggior pregio della pellicola è proprio questo,l’aver mostrato una Venezia non turistica, intrigante e misteriosa, sospesa in un sogno. Da segnalare la bravura di Eleonora Giorgi, capace di evidenziare le differenze tra le due donne, Riri e Laura, e di dare loro due personalità complementari ma profondamente diverse. Bravo,al solito Manfredi.

Nudo di donna 4 

Nudo di donna, un film di Nino Manfredi. Con Nino Manfredi, Jean-Pierre Cassel, Eleonora Giorgi, Carlo Bagno, Donato Castellaneta, Georges Wilson, Giuseppe Maffioli. Genere Drammatico, colore 106 minuti. – Produzione Italia 1981.

Nudo di donna 8

Nudo di donna 7

Nudo di donna 9

Nudo di donna 10

Nudo di donna 11

Nudo di donna 12

Nudo di donna 13

Nudo di donna 14

Nino Manfredi     …     Sandro
Eleonora Giorgi    …     Laura / Riri
Jean-Pierre Cassel    …     Pireddu
Georges Wilson    …     Arch. Zanetto
Carlo Bagno    …     Giovanni
Beatrice Ring    …     Beatrice
Donato Castellaneta    …     Ciccio
Toni Barpi    …     Il barcaiolo
Giuseppe Maffioli    …     Ubriacone
West Buchanan    …     Conte Bardolin
Gino Cavalieri    …     Il Professore

Regia di : Nino Manfredi
subentrato a Alberto Lattuada (non accreditato)
Collaborazioni alla stesura del film:
Silvana Buzzo
Agenore Incrocci
Paolo Levi
Ruggero Maccari
Nino Manfredi
Nino Manfredi
Giuseppe Moccia
Furio Scarpelli
Prodotto da: Franco Committeri
Musiche: Roberto Gatto, Maurizio Giammarco
Editing: Sergio Montanari
Costumi: Luca Sabatelli

Recensioni:

Nudo di donna è un film riuscito: una variazione gustosa sui vecchi temi del doppio (anche Sandro ha dentro di sé la voce d’un altro che lo deride), della duplice natura femminile, del conflitto fra vero e apparente, del sogno maschile d’avere una moglie-puttana, compiuta da Nino Manfredi, interprete e regista, con un’intelligente emulsione di comico e patetico. L’idea portante del film, che lo premia su tutte, è di avere ambientato l’azione nella Venezia del carnevale, in modo da farne la protagonista e di suggerire un continuo rapporto fra l’irrealtà d’un mondo mascherato, che di continuo intralcia le ricerche ansiose di Sandro, e il mistero d’un universo di fantasmi in cui si confondono candore e malizia.
Anche per merito della fotografia di Danilo Desideri, che cattura con grande perizia i colori più segreti di Venezia, della scenografia di Lorenzo Baraldi e dei costumi di Luca Sabatelli, Nudo di donna ci ripaga di molte amarezze ultimamente impartite dal cinema italiano. È fatto con amore, curato nei minimi particolari, attento alla definizione dei caratteri (quasi un duello fra Roma e Venezia), fornito insieme di suspense e svolte farsesche, narrativamente ben congegnato. Con qualche peccato veniale (la pubblicità alle sigarette…), ma ben calibrato nel ritmo, col saliscendi dell’ossessione e le parentesi
tenere, e una vivacità pittoresca nelle scene d’insieme che si trasmette anche a ghiotte figurine di scorcio, caratterizzanti la stramberia di certi veneziani. Punti di forza sono a loro volta gli interpreti: non soltanto lo stesso Manfredi, molto espressivo nel ritratto d’un Sandro che trascorre dal risibile al penoso, ma anche Eleonora Giorgi, la quale copre il doppio ruolo con verosimiglianza fisica e psicologica, rovesciando abilmente le personalità e rivelando qua- e là (oltre un morbido corpo) simpatici chiaroscuri nella recitazione. All’impagabile Carlo Bagno, semplicemente delizioso nella macchietta del vecchio commesso di libreria, si affianca un ben azzeccato George Wilson. Sicché, caso raro, si esce tutti contenti.

Giovanni Grazzini, Il Corriere della Sera, 7 novembre 1981

In una notte di pioggia, dopo aver litigato con la moglie Eleonora Giorgi, Nino Manfredi è andato in giro per Venezia e ha scoperto in un vecchio palazzo una grande fotografia con un nudo di donna. Quella figura, che cela il proprio volto, ha qualcosa di familiare: perciò il protagonista si ostina a scovar fuori la modella. Si tratta di una prostituta tanto somigliante alla Giorgi, che Manfredi non riesce a dissipare il sospetto: la moglie, novella Messalina, ha una doppia vita? Eppure se nel talamo domestico l’uomo era ormai condannato all’impotenza, con la ragazza di strada riesce a imbastire un perfetto dialogo erotico. Che cosa significa? Che era tempo per lui di andarsene da casa e trovare un’altra donna; o semplicemente che doveva imparare a vedere la moglie sotto una luce diversa? Il film non lo dice: preferisce lasciarci nel dubbio dopo averci coinvolti nella giostra del carnevale di Venezia, fra maschere e apparizioni varie. Subentrato ad Alberto Lattuada dopo qualche settimana di riprese (motivo ufficiale: divergenze sullo stile del film), Manfredi si e assunto l’intera responsabilità della realizzazione di un soggetto scritto con Paolo Levi. Come aveva già rivelato nelle sue rare prove precedenti, l’attore possiede buoni estri di cineasta, sa dirigere i compagni (qui ricava il meglio dalla Giorgi, ma fa cesellare -stupendamente da Carlo Bagno un personaggio di libraio), ambienta e narra con proprietà. Nell’insieme, però, Nudo di donna non va oltre il mosaico di reminiscenze cinematografiche, da Buñuel alla Garbo di Non tradirmi con me.
Tullio Kezich, Il nuovissimo Mille film. Cinque anni al cinema 1977-1982, Oscar Mondadori

Nudo di donna locandina 3

Nudo di donna locandina 2

Nudo di donna locandina 1

Nudo di donna foto 3

Nudo di donna foto 2

Nudo di donna foto 1

6 Risposte

  1. Manfredi coprotagonista de telefilme policiaco con Claudia Moll como hija policewoman

  2. In Italia Linda e il brigadiere
    Ciao
    Paul

  3. En efecto, la veía por Rai Internacional

  4. Bel film,Manfredi dimostra che in molti casi come attore è anche superiore a Sordi,ma dimostra anzitutto che anche dietro la cinepresa non se la cavò male essendo stata questa un occasionale(il film doveva in realtà esser girato da Lattuada)regia del compianto e immenso attore ciociaro.Un film questo ambiguo,pieno di equivoci e con molte sorprese date dai due personaggi interpretati dalla meravigliosa Eleonora Giorgi che qui si dimostra bravissima e capace di interpretare quelle che poi nella fattispecie sono 2 facce di una stessa donna o per meglio dire due personalità quella docile e incline ai doveri di coppia come Laura e quella più trasgressiva e dominante psicologicamente come Riri il che significa che una persona può avere tranquillamente bipolarismo personale.Ed è questo il significato del film,un film che ti tiene attaccato allo schermo fino all’ultimo vedendo il protagonista Manfredi nel cercare il filo di Arianna nel labiritnto creato proprio da questi due personaggi femminili.Ed è questo il bello di questo film che è un gran bel film con un ottimo come sempre Nino Manfredi e una bellissima come di norma ma anche bravissima Eleonora Giorgi.

    • Anche questo è un ottimo film poco compreso dalla critica più snob; Manfredi regista era sicuramente meglio del celebrato Sordi, grande attore ma mediocre regista.Lo sfondo veneziano, la storia intrigante e due magnifici interpreti fanno di questa pellicola un prodotto decisamente superiore alla media. Ciao

  5. Effettivamente come attore Sordi è indiscutibile,soprattutto negli anni 50,60,seconda metà degli anni 70 (Il testimone e Un borghese piccolo piccolo sono interpretazioni impeccabili di Alberto Sordi come attore drammatico)ma anche negli anni 80 ma come regista lasciava un pò a desiderare;era il lui attore a risollevare i film da lui diretti.Invece Manfredi ha dimostrato di essere quasi uguale se non proprio uguale al Manfredi grandissimo attore proprio con questo film.Mi meraviglio,anche se non più di tanto,che la critica non gli abbia riconosciuto il vero valore che questo film mertita,perchè è davvero un ottimo film.Chissa…Alle volte la critica ha il vero e proprio difetto di non valutare i film con una vera analisi approfondita cosa che lo spettatore comune alle volte fa 100 volte meglio.Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: