Filmscoop

Tutto il mio cinema

Il pornografo (Inserts)

Il pornografo locandina 8

Hollywood,anni 30
L’avvento del sonoro ha praticamente stroncato il cinema muto, relegando in soffitta anche parte dei personaggi che si muovevano attorno all’industria cinematografica del muto stesso.
Boy Wonder, che era a suo tempo un personaggio molto stimato del muto ed un valente regista è ora costretto a vivacchiare girando squallidi film porno nel suo appartamento,trasformato in un set cinematografico; tra i personaggi che lavorano nei suoi film ci sono l’ex diva Harlene e Rex, un attore senza un dollaro e gay.
Mentre è impegnato nelle riprese di un filmino, a casa di Boy arriva un losco produttore legato alla mafia, Big Mac, che tra l’altro si occupa di fornire droga ad Harlene.
La donna ormai schiava delle droghe, finisce per morire di overdose cosa che costringe Rex e Big Mac a portare via il cadavere; in casa di Boy resta Cathy Cake, amante di Big Mac e sopratutto ansiosa di entrare nel mondo del cinema, pur se dalla porta meno onorevole.
Cathy insiste per essere la protagonista del film e alla fine Boy accondiscende; tra i due scoppia una passione improvvisa, che però vede Boy infatuarsi della donna, cosa non ricambiata perchè in realtà a Cathe interessa solo entrare nel mondo del cinema.

Il pornografo 16

Il pornografo 15

Il pornografo 14
L’arrivo improvviso di Big Mac sconvolge i piani dei due; l’uomo, che sospetta immediatamente il rapporto appena nato tra Boy e Cate, decide di ritirare il suo appoggio finanziario al film e si porta via la recalcitrante Cathe.
Per Boy è una disfatta totale; alla porta si presenta un attore, un certo Clark Gable che vorrebbe proporgli di girare un film di quelli veri con lui, ma ormai Boy è moralmente a terra e decide di vendere la sua casa, che verrà abbattuta lasciando il posto ad una autostrada…
Inserts, ,diretto nel 1975 dal regista esordiente John Byrum che cura anche soggetto e sceneggiatura del film, malamente tradotto in italiano con il titolo di Il pornografo è un’acuta e malinconica, oltre che corrosiva analisi del mondo della celluloide.
Vizi, debolezze, falsi miti, pregiudizi, egoismo arrivismo finiscono per essere e diventare i difetti analizzati dal regista con una attenzione e cura (oltre che con uno stile aggressivo e senza mediazioni) che mettono a fuoco quello che realmente c’è dietro lo scintillante mondo del cinema.
Per la sua analisi Byrum sceglie la strada più difficile, ovvero ambienta la storia in una stanza e la analizza i personaggi, praticamente tutti perdenti o negativi della pellicola, trattando la stessa come un pezzo teatrale, usando in pratica l’impianto stesso di una piece teatrale e usando quindi i tempi, i dialoghi e le atmosfere tipiche della rappresentazione teatrale.

Il pornografo 9

Il pornografo 10
Ne vien fuori un ritratto convincente e crudele di alcuni personaggi alla deriva, ognuno spinto da motivazioni diverse e con diverse aspettative tutte legate al mondo del cinema, che Byrum mostra come una fabbrica di incubi, più che di sogni.
Dalla sfortunata Harlene, attrice di una certa fama che ha lavorato con De MIlle e Von Stroheim allo stesso Boy, piccola stella del muto per finire con Cathe, i personaggi della pellicola sono frammenti di stelle cadenti, ormai indissolubilmente legati ad un mondo che dietro le luci nasconde tutto il peggio dei difetti umani.
Qui Byrum usa il bisturi e l’accetta, alternando graffi e fendenti, mostrando cioè un mondo dissoluto in cui l’arrivismo e il cinismo sono comandamenti essenziali per farsi strada.
Lo stesso personaggio ambiguo di Cathe mostra questa dicotomia: la donna appare come arrivista e cinica salvo poi assumere i contorni di un personaggio da tragedia greca quando la storia si avvierà fatalmente verso un finale triste e malinconico, nel quale la speranza di redenzione, forse più teorica che realmente pratica, dei protagonisti stessi mostra impietosamente l’impossibilità di uscire alla fabbrica dei sogni e dal suo mondo menzognero.
Il contrasto fra sogni e realtà è davvero stringente:l’idea di cinema, di successo dei protagonisti si scontra con la squallida realtà di un set in cui la fama, la carriera passano attraverso la tristezza di quello che circonda gli stessi protagonisti, ovvero il sudicio set di un film porno.

Il pornografo 13

Il pornografo 8
Se c’è un appunto da muovere a Byrum riguarda l’uso di dialoghi a tratti artefatti; ma del resto per un film girato in pochi metri quadri, con cinque attori a reggere una storia moralmente disordinata probabilmente non è lecito attendersi di più.
Tutti gli attori del cast si muovono all’unisono, da grandi professionisti, anche se sia Dreyfuss che la Harper, ottimi ed espressivi interpreti appaiono un po troppo giovani per le loro parti, che avrebbero dovuto prevedere attori più in la negli anni.
Peccati veniali, per fortuna, perchè il film regge ottimamente e si lascia guardare con piacere.

 Il pornografo

Un film di John Byrum. Con Richard Dreyfuss, Jessica Harper, Bob Hoskins Titolo originale Inserts. Drammatico, durata 117′ min. – Gran Bretagna 1975.

Il pornografo banner gallery

 

Il pornografo 13

Il pornografo 12

Il pornografo 11

Il pornografo 7

Il pornografo 6

Il pornografo 5

Il pornografo 4

Il pornografo 3

Il pornografo 2

Il pornografo 1

 

Il pornografo banner protagonisti

Richard Dreyfuss: Baby Prodigio
Jessica Harper: Cathy Cake
Bob Hoskins: Big Mac
Veronica Cartwright: Harlene
Stephen Davies: Rex

Il pornografo banner cast

Regia John Byrum
Soggetto John Byrum
Sceneggiatura John Byrum
Produttore Davina Belling, Harry Benn, Clive Parsons
Distribuzione (Italia) Indipendenti Regionali Orange, General video
Fotografia Denys N. Coop
Montaggio Michael Bradsell
Musiche Will Hudson

L’opinione di Stuntman miglio dal sito http://www.filmtv.it

Baby prodigio è il soprannome di un geniale regista di cinema muto oramai caduto in disgrazia. Schiavo dell’ alcol e delle proprie paranoie, è ridotto a girare inquietanti film porno nella propria abitazione assieme ad un’ attrice eroinomane e ad uno squattrinato attore gay. A produrli è un losco individuo mezzo gangster e mezzo imprenditore di nome Big Mac che sogna proprio di aprire una catena di fast-food. Durante le riprese di un film, la protagonista femminile muore per overdose e a sostituirla sarà la nuova fiamma del produttore che, pur di entrare a far parte del mondo di celluloide, è disposta a qualsiasi cosa. Questa è grosso modo la trama di quest’ interessante esordio di John Byrum che s’ insinua dietro le quinte di Hollywood e ne immortala gli aspetti più ambigui e corrotti. Girato in un unico ampio interno e strutturato come un’ opera teatrale, “Il pornografo” è una pellicola che ben inquadra i lati peggiori della cosiddetta fabbrica dei sogni parlando di vizio, arrivismo, pregiudizio, ipocrisia, ed egoismo. Diretto con estro e dotato di uno script intelligente e tagliente è inoltre un ottimo banco di prova per un ancora giovane Richard Dreyfuss che offre un’ interpretazione decisamente convincente.
L’opinione di B.Legnani dal sito http://www.davinotti.com

La cosa più curiosa è che Dreyfuss e la Harper sono fuori ruolo (troppo giovani entrambi anagraficamente e/o visivamente), ma sono così bravi (il doppiaggio è pure perfetto) che si riece ad accettarli senza particolare fatica. Ottima la Cartwright, eccessivo il personaggio di Hoskins. Unità di luogo e – quasi – di tempo e di azione in un film particolare, che indaga su creazione e distruzione delle persone operate dal cinema, su confusione fra realtà e finzione e su copertura e inversione del ruolo nei rapporti interpersonali. Bel film

L’opinione di Pigro dal sito http://www.davinotti.com

Ottimo esordio registico, e coraggioso: con soli cinque attori, è un film “aristotelico” con unità di tempo e luogo, il salone-set del regista decaduto costretto a fare pellicole porno. Il ritratto del fallito si mescola con quello del rampantismo industriale del produttore che sogna autostrade e con quello della carne da macello, più o meno astuta: attorucoli che sognano fama e denaro. Più che sul cinema è un film sul rapporto che si ha con l’idea di successo, e dunque una fotografia amara sulla nostra contemporaneità.

L’opinione di Homesick dal sito http://www.davinotti.com

Kammerspiel tra dramma e commedia, ingenuità e malizia, rivestito da uno scenario sudicio e cadente: lo squallido mondo dei filmini porno è il cascame della corrotta ed effimera reggia hollywoodiana, che prima crea talenti, poi – spietatamente – li isola e li distrugge. Dialoghi ricchi e vivaci con un quintetto di ottimi protagonisti: l’impotente ed alcolizzato Dreyfuss, l’attrice al tramonto Cartwright, il rampante gay Davies, il cinico e tonitruante Hoskins, la gracile e curiosa Harper dai nivei microseni.

L’opinione di Buiomega71 dal sito http://www.davinotti.com

Straordinario e feroce film “da camera”, forse tra i più belli degli anni 70, che racconta, senza falsi moralismi, la caduta di un regista di film muti con l’avvento del sonoro. Immenso Richard Dreyfuss nella parte del regista (che chiama le gambe delle donne velate con le calze di nylon, “carne in incarto trasparente”), disilluso e cinico. Adorabile Jessica Harper, post Fantasma del palcoscenico e pre Suspiria e come attrice decaduta e svampita, la Veronica Cartwright di Alien. Purtroppo John Byrum è sparito nel nulla. Da recuperare.

Il pornografo banner foto

Il pornografo foto 10

Il pornografo foto 9

Il pornografo foto 8

Il pornografo foto 7

Il pornografo foto 6

Il pornografo foto 5

Il pornografo foto 4

Il pornografo foto 3

Il pornografo foto 2

Il pornografo foto 1

Il pornografo locandina 7

Il pornografo locandina 6

Il pornografo locandina 5

Il pornografo locandina 4

Il pornografo locandina 3

Il pornografo locandina 2

Il pornografo locandina 1

maggio 2, 2014 Posted by | Drammatico | , | Lascia un commento

Suspiria

Due anni dopo il travolgente successo di Profondo rosso,Dario Argento torna dietro la macchina da presa,e questa volta opera una svolta copernicana nella sua produzione. Al thriller canonico,come L’uccello dalle piume di cristallo,Il gatto a nove code e 4 mosche di velluto grigio,si sostituisce il theriller parapsicologico/horror,con protagoniste le tre madri infenali,Mater tenebrarum,Mater sospiriorum e Mater lacrimorum,trilogia inizata con Suspiria,proseguita con Inferno e chiusa,ai giorni nostri,con La terza madre. Suspiria racconta la storia di Susy Bannon, una ragazza americana arrivata in Germania per studiare danza, che si troverà da subito in una situazione terrificante,tra omicidi,messe nere e situazioni al limite del paranormale. L’incursione di Argento nel gotico-noir,con spiccata predilezione per i colori accesi e le situazioni splatter,stravolge completamente i canoni che il regista aveva seguito;

Suspiria 5

Suspiria 6

Suspiria 7

al thriller schematico,con il classico binomio assassino/motivazione,con la consueta scoperta dell’insospettabile mano omicida,si sostituisce un genere che Argento non aveva mai nemmeno sfiorato. I risultati,almeno nel caso di Suspiria,appaiono di buon livello,anche se il regista mostra la tendenza a voler stupire ad ogni costo,abbandonando la liquidità della trama che diventa più complessa e di minor presa iniziale;tendenza che sarà esasperata in Inferno,in cui avremo il trionfo dei colori accesi,mentre Suspiria è il trionfo del nero,dell’oscurità.

In Suspiria Susy è la classica brava ragazza che riesce a sconfiggere la prima delle tre madri,il bene che trionfa sul male;esce indenne da attentati in serie,sempre casualmente,come se fosse protetta da qualcosa di arcano.

Il film mostra la capacità di Dario Argento di impressionare con scene ad effetto,come la caduta del lucernario,o la pioggia di vermi,o la scena finale,quando riesce a uccidere Helena,la fondatrice dell’istituto.

Il film resta oscuro per buona parte,perchè la trama risente della necessità di un seguito esplicativo,cosa che avremo con Inferno,in cui molte delle parti oscure di Suspiria,verranno chiarite.

Suspiria 2

Suspiria 1

Buona la recitazione dei vari protagonisti,sopratutto quella della luciferina Alida Valli,perfida e insopportabile nel ruolo di una delle direttrici.La colonna sonora,affidata a quel geniaccio di Simonetti e dei suoi Goblin è ottima,anche se non all’altezza del capolavoro creato con profondo rosso;un binomio,quello di Argento-Goblin interrotto con Inferno,dove un grande Keith Emerson creerà una delle musiche più belle ascoltate nei film orror,Mater tenebrarum,ripresa poi dallo stesso Simonetti.

Suspiria 3

Suspiria 4

Suspiria
Un film di Dario Argento. Con Flavio Bucci, Alida Valli, Stefania Casini, Jessica Harper, Miguel Bosè, Barbara Magnolfi,
Rudolf Schundler, Fulvio Mingozzi, Renato Scarpa, Udo Kier, Susanna Javicoli, Renata Zamengo, Eva Axen, Joan Bennett
Genere Horror, colore 97 minuti. – Produzione Italia 1977.

Suspiria banner gallery

Suspiria 8

Suspiria 9

Suspiria 10

Suspiria 11

Suspiria 12

Suspiria 13

Suspiria 14

Suspiria 15

Suspiria 16

Suspiria banner protagonisti

Jessica Harper: Susy Benner
Stefania Casini: Sara
Flavio Bucci: Daniel
Miguel Bosé: Mark
Barbara Magnolfi: Olga
Susanna Javicoli: Sonia
Eva Axén: Patricia “Pat” Ingle
Rudolf Schündler: professor Milius
Udo Kier: dottor Frank Mandel
Alida Valli: miss Tanner
Franca Scagnetti: cuoca
Joan Bennett: madame Blanc
Renato Scarpa: professor Verdegast
Giuseppe Transocchi: Pablo
Margherita Horowitz: insegnante
Jacopo Mariani: Albert
Fulvio Mingozzi: autista del taxi
Serafina Scorceletti: cuoca
Renata Zamengo: Caroline
Alessandra Capozzi: ballerina
Salvatore Capozzi: ballerino
Diana Ferrara: ballerina
Cristina Latini: ballerina
Alfredo Raino: ballerino
Claudia Zaccari: ballerina
Giovanni Di Bernardo: ispettore di polizia
Dario Argento: narratore
Daria Nicolodi: donna all’aeroporto

Suspiria banner cast

Regia     Dario Argento
Soggetto     Dario Argento, Daria Nicolodi
Sceneggiatura     Dario Argento, Daria Nicolodi
Produttore     Claudio Argento
Produttore esecutivo     Salvatore Argento
Casa di produzione     Seda Spettacoli
Distribuzione (Italia)     CDE Home Video
Fotografia     Luciano Tovoli
Montaggio     Franco Fraticelli
Effetti speciali     Germano Natali
Musiche     Goblin, Dario Argento
Tema musicale     Suspiria
Scenografia     Giuseppe Bassan
Costumi     Pierangelo Cicoletti
Trucco     Pierantonio Mecacci, Maria Teresa Corridoni, Piero Mecacci, Aldo Signoretti

Suspiria banner filmscoop

Suspiria banner foto

Suspiria foto 5

Suspiria foto 4

Suspiria foto 3

Suspiria foto 2

Suspiria foto 1

 


maggio 10, 2008 Posted by | Thriller | , , , , | 7 commenti