Filmscoop

Tutto il mio cinema

Across the Universe

Il sogno di Jude, un operaio dei cantieri navali di Liverpool è quello di andare negli Usa per conoscere quel padre che non ha mai visto e del quale
conosce solo il poco che gli ha raccontato sua madre, ovvero che è un professore universitario a Princeton.
Jude parte, lasciando anche la fidanzata ma il primo impatto con suo padre non sarà dei migliori. L’uomo infatti non è affatto un professore universitario ma un semplice custode, sposato e con due figli.
Jude però proprio nell’Unversità,dove si è accampato nei sotterranei, finisce per conoscere Max,un ragazzo ricco e ribelle e sopratutto la bella sorella di costui ,Lucy. Quando Max,in rotta con la famiglia sceglie di andare a New York, Jude lo segue e insieme vanno a vivere in casa di Sadie, una cantante. A loro si uniscono JoJo, un chitarrista e Prudence e in seguito anche Lucy, che abbandona Princeton dopo la morte del fidanzato avvenuta in Vietnam.


Lucy e Jude si innamorano, ma ben presto iniziano i problemi; la ragazza sposa sempre più la causa pacifista mentre Jude mantiene un atteggiamento più distaccato.
Per il gruppo di amici sta per iniziare un radicale cambiamento di vita: mentre Max è costretto suo malgrado a partire per il Vietnam, Lucy lascia Jude dopo un litigio.
Jude viene espulso dagli Usa dopo una rissa con Paco, il leader del gruppo pacifista a cui aderisce Lucy; ritornato in Inghilterra, riprende il suo antico lavoro mentre Lucy scopre che Paco e il gruppo sono passati all’azione violenta, costruendo bombe una delle quali esplode demolendo l’edificio nel quale il gruppo si riuniva. Lucy si salva solo perchè dopo aver scoperto la vera natura del gruppo si è allontanata, delusa.
La notizia arriva a Jude, che la legge sui giornali,così si imbarca nuovamente,destinazione New York…


Diretto da Julie Taymor nel 2007 Across the Universe è un film davvero particolare, un musical con sfumature romantiche tutto percorso dalle immortali canzoni dei Beatles,l’unico vero leit motiv del film,costruito attorno ad una trama davvero semplice ma abbellito, arricchito da canzoni stupende come Something, With a Little Help from My Friends,Dear Prudence,Come Together ,Let it be,All You Need Is Love.
Sono ben 32 le canzoni dei Faoulous Four che fanno da colonna sonora al film,arricchito da quadri psichedelici o da balletti incisivi, con interpretazioni davvero pregevoli dei brani fra le quali spiccano Come Together, eseguita da Joe Cocker, di I Am the Walrus cantata da Bono & Secret Machines, autentiche Guest Star del film.
I quadri dei quali parlavo intervallano il film,con stacchi netti non solo nel racconto, ma con immagini saturate di colore della guerra nel Vietnam,delle rivolte pacifiste anti partecipazione americana alla “sporca guerra”,come i giovani pacifisti definivano
un’avventura militare che costò la vita a 50.000 giovani oltre ad una cifra spaventosa di vietnamiti, mai quantificata ma che probabilmente superò il milione e mezzo di vittime.


A fare da collante quindi l’immortale musica dei Beatles con Jim Sturgess grande protagonista: l’attore e cantante londinese interpreta ben 10 brani, fra i quali I’ve Just Seen a Face e Strawberry Fields Forever con grande bravura
e contemporaneamente interpreta Jude, il vero protagonista della pellicola.
Un film che mescola con abilità l’amarcord di una stagione travagliata della storia statunitense alla musica dei Beatles, quella rivoluzionaria che traghettò la stessa nell’epoca moderna.
La pellicola non è certo facile: per quanto costruita su una sceneggiatura semplicissima ha molti elementi di novità a livello visivo,che vanno da momenti visionari come l’arruolamento di Max al sangue che cola dalle fragole nel quadro creato da Jude, un evidente omaggio
allo splendido Fragole e sangue (The Strawberry Statement) film del 1970 di Stuart Hagmann. Diversi riferimenti nel film a figure ormai mitologiche del passato come Jimi Hendrix che si ritrova nel personaggio di JoJo oppure Janis Joplin abbastanza riconoscibile in quello di Sadie.
I continui cambi di ritmo, i balletti, le canzoni dei Beatles, le proteste riescono a bilanciarsi con i momenti sentimentale fra i due protagonisti; impresa non facile per un film assolutamente particolare, anticonformista.
Molto bene gli attori, il già citato Jim Sturgess (Jude Feeny) e una bella e ispirata Evan Rachel Wood (Lucy Carrigan), bene tutti gli altri, per un film decisamente da vedere.

Across the Universe
un film di Julie Taymor,con Jim Sturgess, Evan Rachel Wood, Joe Anderson, Dana Fuchs, Martin Luther, Salma Hayek. Genere Musicale – USA, 2007, durata 131 minuti, distribuito da Sony Pictures Italia

Evan Rachel Wood: Lucy Carrigan
Jim Sturgess: Jude Feeny
Joe Anderson: Maxwell Carrigan
Dana Fuchs: Sadie
Martin Luther McCoy: Jojo
T.V. Carpio: Prudence
Logan Marshall-Green: Paco
Amanda Cole: Emily
Spencer Liff: Daniel
Angela Mounsey: Martha
Bono: Dott. Robert
Linda Emond: madre di Lucy
Salma Hayek: Bang Bang Shoot Shoot nurses
Chris McGarry: sergente sul tetto
Joe Cocker: barbone in metropolitana

Valentina Mari: Lucy Carrigan
Stefano Crescentini: Jude Feeny
Andrea Mete: Maxwell Carrigan
Alessandra Cassioli: Sadie
Pino Insegno: Jojo
Ilaria Latini: Prudence
Gianfranco Miranda: Paco
Elena Perino: Emily
Alessandra Grado: Martha
Massimo Rossi: Dr. Robert
Antonella Giannini: madre di Lucy

Regia Julie Taymor
Soggetto Julie Taymor, Dick Clement, Ian La Frenais
Sceneggiatura Dick Clement, Ian La Frenais
Produttore Richard Baratta, David Brown, Derek Dauchy, Matthew Gross, Ben Haber, Geoffrey Hansen, Charles Newirth, Rudd Simmons, Jennifer Todd, Suzanne Todd
Distribuzione in italiano Sony Pictures
Fotografia Bruno Delbonnel
Montaggio Françoise Bonnot
Musiche Elliot Goldenthal
Scenografia Mark Friedberg

marzo 14, 2020 Posted by | Commedia | , , , | 2 commenti

Il fidanzato di mia sorella

Per una beffa del destino Richard Haig insegna poesia romantica a Cambridge, sulla scia degli insegnamenti di suo padre che a sua volta
era stato insegnante della stessa materia. Dal padre però Richard ha anche ereditato la passione per le donne che lo porta però ad una relazione con
Kate, studentessa americana di 25 anni. Qualche sera prima della partenza della ragazza per gli Usa ad una cena Richard conosce Olivia,una affascinante donna e come suo solito tenta di lanciarsi in un’altra avventura. Ma con grande sorpresa scopre che Olivia è la sorella di Kate,che contemporaneamente gli annuncia di essere incinta.
Dopo un’accesa discussione con suo padre, Richard prende una decisione improvvisa: decide di sposare Kate e di seguirla negli Usa.
L’unione, coronata dalla nascita di un bimbo, sembra andare avanti tranquillamente. Ma un giorno Richard scopre che Kate ha una relazione con un suo coetaneo,Brian e le cose prendono una via completamente differente.
L’uomo viene relegato in una depandance dell’elegante villa dei genitori di Kate e per Richard c’è anche il problema di convincere l’ufficio emigrazione a dargli il visto per la residenza.


A complicare le cose ci si mette anche un arresto della polizia quando viene sorpreso alla guida in stato di ebrezza.
Inoltre tra lui e Olivia, l’affascinante sorella di Kate le cose evolvono verso il sentimentale; tra le due sorelle c’è un forte legame, reso ancor più solido dall’abitudine di raccontarsi tutto sulla propria vita privata. Olivia evita di parlare con sua sorella della sua situazione sentimentale, con esiti catastrofici.
A complicare le cose ci si mettono l’arrivo del padre, piantato dalla ennesima moglie, il licenziamento dalla scuola dove insegna e altre catastrofi…
Commedia allegra e leggera Il fidanzato di mia sorella,film diretto con mano felice da Tom Vaughan nel 2014 concentra con abilità gag simpatiche con una sceneggiatura scorrevole e divertente.
Il personaggio del playboy che si redime da un passato di donnaiolo impenitente sia per amore del figlio, che rischia di perdere per sempre una volta espulso dagli Usa,sia dalla consapevolezza di avere finalmente incontrato Olivia, la donna giusta per lui, è seguito da Vaughan attraverso il passaggio di maturazione con un racconto lineare che privilegia l’aspetto leggero delle situazioni in cui di volta in volta il poco serioso professore si trova impelagato,a partire dalla professione per la quale ha seguito gli insegnamenti di un padre anticonformista, atteggiamento poi mutuato sia sulla cattedra che nella vita privata.


Diversi i momenti spassosi del film,come l’inizio della relazione con Olivia interrotto bruscamente dall’improvviso rientro a casa di Kate,le sedute di rieducazione di Richard al corso per alcolisti,la presenza stessa del padre dell’uomo, decisamente un personaggio sulle righe rimasto fedele al clichè di uomo dedito ad un interesse quasi maniacale per le donne.Ovviamente
il merito della riuscita del film va diviso equamente tra gli attori del film,tutti bravi e alle prese con personaggi affetti da umane debolezze ma anche non privi di sentimenti veri e una sceneggiatura,che pur
con qualche forzatura e qualche trovata surreale mantiene una sua spumeggiante coerenza.
Molto bravo Pierce Brosnan, interprete dello scanzonato professore universitario,che dovrebbe avere un comportamento austero degno del suo ruolo istituzionale e che invece trasporta anche nell’insegnamento


la carica trasgressiva ereditata dal padre. Benissimo anche le due interpreti femminili, Jessica Alba e Salma Hayek,decisamente improbabili almeno fisicamente e caratterialmente come sorelle.
Ma la leggerezza della commedia consente anche qualche incongruenza; del resto lo spettatore è decisamente abbagliato dalla bellezza delle due attrici che si tramuta anche in una simpatia a piede spinto, aiutata dalle caratteristiche dei loro personaggi. Diversi dialoghi frizzanti,alcune scene deliziose e inoltre la presenza di un eccellente Malcolm McDowell nei panni di Gordon, il padre di Richard, completano il quadro.
Se si vuol passare 100 minuti distensivi, allegri, senza particolari impegni, Il fidanzato di mia sorella è il film ideale.
Decisamente consigliato.

Il fidanzato di mia sorella
un film di Tom Vaughan. Con Pierce Brosnan, Salma Hayek, Jessica Alba, Malcolm McDowell, Duncan Joiner. Titolo originale How to Make Love Like an Englishman.
Commedia sentimentale, durata 102 min. – USA 2014. – Adler Entertainment

Pierce Brosnan: Richard Haig
Jessica Alba: Kate
Salma Hayek: Olivia
Malcolm McDowell: Gordon
Ben McKenzie: Brian
Merrin Dungey: Angela
Marlee Matlin: Cindy
Ivan Sergei: Tim
Lombardo Boyar: Ernesto
Fred Melamed: Victor Piggott

Luca Ward: Richard Haig
Federica De Bortoli: Kate
Cristina Boraschi: Olivia
Carlo Valli: Gordon
Andrea Mete: Brian
Alessandra Cassioli: Angela
Sabine Cerullo: Cindy
Francesco Bulckaen: Tim
Nanni Baldini: Ernesto
Ambrogio Colombo: Victor Piggott

Regia Tom Vaughan
Sceneggiatura Matthew Newman
Produttore Grant Cramer, Kevin Scott Frakes, Richard Barton Lewis, Raj Brinder Singh, Beau St. Clair
Distribuzione in italiano Adler Entertainment
Fotografia David Tattersall
Montaggio Matt Friedman
Musiche Stephen Endelman, David Newman
Costumi Lizzy Gardiner

marzo 11, 2020 Posted by | Commedia | , , , , | Lascia un commento

Frida

La folgorante esistenza di Frida Kahlo vista  poco prima del drammatico incidente che le condizionò pesantemente la vita alla sua morte,avvenuta
il 13 luglio del 1954,quando la grande pittrice aveva da poco compiuto 47 anni.
Il film diretto da Julie Taymor nel 2002,tratto dal libro Frida: A Biography of Frida Kahlo di Hayden Herrera è un’opera veritiera e scorrevolmente piacevole
che racconta i primi approcci di Frida con la pittura,l’incidente in tram che la menomò,l’incontro della vita con il pittore Diego Rivera,che lei amò e dalla quale fu riamata nonostante la tendenza di Rivera a sedurre tutte le donne che incontrava,passando per altri incontri con personalità fondamentale del XX secolo,come Tina Modotti, militante comunista e fotografa
nel Messico degli anni venti,con uno dei principali artefici della rivoluzione russa,Lev Trotsky,del quale fu anche amante e il poeta Breton.
Si inizia con Frida che,giovanissima,frequenta l’università;un giorno l’autobus che la riporta a casa ha un incidente.Per Frida,rimasta ferita, la diagnosi è infausta:subisce la frattura di alcune vertebre oltre ad una lesione alla spina dorsale.


Dopo mesi passati a letto,la ragazza con spirito indomito annuncia alla famiglia di voler rendersi indipendente e di voler contribuire alle spese di casa con il suo lavoro,quello di pittrice.
Va alla ricerca del più famoso pittore messicano,Diego Rivera,che colpito dalla forte personalità della donna,dal suo talento e in ultimo anche dal suo fascino,la incoraggia a proseguire sul cammino intrapreso.
Non solo;il pittore le permette di entrare in ambienti culturali vivaci e anticonformisti,come quello messicano.Qui conosce Tina Modotti e altri membri politicamente schierati sul fronte comunista messicano.
Ben presto la relazione tra Frida e Diego diventa anche sentimentale e i due si sposano.
Ma Frida deve fare i conti dapprima con le frequenti infedeltà del marito (non ultimo il tradimento di Diego con sua sorella) e con la recrudescenza dei suoi dolori,che la tormenteranno per il resto della vita.


Mentre tutto sembra comunque filare bene,con Diego che è stato chiamato in America per dipingere un affresco nel Rockfeller centre e lei che aspetta un bambino,arrivano le prime sciagure.
Frida perde il bambino che aspettava mentre Rivera viene licenziato per aver dipinto un quadro palesemnte ispirato alla rivoluzione d’ottobre nel tempio del capitalismo americano.
Il tradimento di Diego con sua sorella è l’ultima goccia:lei lo lascia e subito dopo allaccia una relazione con Trotsky,molto più grande di lei ma del quale subisce il potente fascino intellettuale.
Partita per la Francia,conosce Breton e inizia un periodo intenso e folgorante sia dal punto di vista intellettuale sia da quello artistico.
Il ritorno in patria è condizionato da due tragici avvenimenti.
Per ordine di Stalin,Trotskj viene assassinato a colpi di piccozza da Ramón Mercader mentre a Frida viene amputata una gamba in seguito ad una cancrena che le sta avvelenando anche il sangue.


Le condizioni di Frida vanno man mano aggravandosi,una polmonite ne mina definitvamente il fisico e Frida muore prprio durante l’inaugurazione di una mostra a lei dedicata.
Accanto a lei c’è il grande amore della sua vita,Diego Rivera.
Diretto da Julie Taymor,ottima regista autrice tra l’altro dell’affascinante Titus del 1999 e in seguito del bellissimo Across the universe (2007),Frida è un biopic un tantino convenzionale ma di sicuro effetto
nobilitato dalla interpretazione di una splendida Salma Hayek,che si cala perfettamente nel ruolo della pittrice,finendo per assomigliarle fisicamente anche più di quanto previsto.
Bravo anche Alfred Molina,che interpreta il ruolo di Rivera,mentore,amante e marito di Frida Kahlo,della quale probabilmente fu sempre innamorato,finendo per stabilire con lei un legame completo,intellettualmente e sentimentalmente travolgente.
Molto bene Geoffrey Rush che è Leon Trotsky mentre brevi parti sono affidate a Ashley Judd che è Tina Modotti (con la quale probabilmente Frida ebbe una relazione) e Valeria Golino che interpreta Lupe Marín,modella messicana che divenne la seconda moglie di Rivera ed anche soggetto di alcuni quadri di Frida Kahlo.


Un film scorrevole,con poche pause,che racconta senza grossi voli pindarici quella che fu la folgorante esistenza di Frida Kahlo,una delle pittrici più originali della storia della pittura.
Nel film compaiono alcune delle tele più belle della pittrice,un tributo a lei e a quella che fu una delle esperienze di vita più anticonformiste e vere della storia dell’arte.

Frida
Un film di Julie Taymor. Con Salma Hayek, Alfred Molina, Geoffrey Rush, Antonio Banderas, Valeria Golino, Edward Norton. Biografico, USA, 2002. Durata 120 min.

Salma Hayek: Frida Kahlo
Alfred Molina: Diego Rivera
Geoffrey Rush: Leon Trotsky
Mía Maestro: Cristina Kahlo
Ashley Judd: Tina Modotti
Valeria Golino: Lupe Marín
Roger Rees: Guillermo Kahlo
Antonio Banderas: David Alfaro Siqueiros
Edward Norton: Nelson Rockefeller
Amelia Zapata: Domestica
Alejandro Usigli: Professore
Diego Luna: Alejandro Gonzalez Arias
Saffron Burrows: Gracie

Ilaria Stagni: Frida Kahlo
Ennio Coltorti: Diego Rivera
Ugo Pagliai: Leon Trotsky
Chiara Colizzi: Cristina Kahlo
Francesca Fiorentini: Tina Modotti
Franca D’Amato: Lupe Marín
Angelo Maggi: Guillermo Kahlo
Massimo Rossi: David Alfaro Siqueiros
Massimiliano Manfredi: Nelson Rockefeller
Nanni Baldini: Alejandro Gonzalez Arias

Regia Julie Taymor
Soggetto dal libro di Hayden Herrera
Sceneggiatura Clancy Sigal, Diane Lake, Gregory Nava, Anna Thomas
Produttore Lindsay Flickinger, Sarah Green, Nancy Hardin, Salma Hayek, Jay Polstein, Ann Ruark, Roberto Sneider, Lizz Speed
Produttore esecutivo Mark Amin, Brian Gibson, Mark Gill, Jill Sobel Messick, Margaret Rose Perenchio, Amy Slotnick
Casa di produzione Handprint Entertainment, Lions Gate Prints, Miramax Films, Ventanarosa Productions
Distribuzione (Italia) Buena Vista International Italia
Fotografia Rodrigo Prieto
Montaggio Françoise Bonnot
Effetti speciali José Luis Capilla, Lazaro Cervantes, Víctor Morán, Carlos Ochoa, Galdino Roberto, Bernabé Rosales, Salvador Servin, Alejandro Vázquez
Musiche Elliot Goldenthal
Scenografia Felipe Fernandez Del Paso
Costumi Julie Weiss
Trucco John Jackson, Beatrice De Alba

 

Frida Kahlo

Firda Kahlo e Diego Rivera

Autoritratto con collana di spine e colibri

Diego in my mind

Abitanti del Messico

Pensando alla morte

Ritratto di Donna Rosita Morillo

Roots

Viva la vida

 

maggio 6, 2018 Posted by | Biografie | , , , , , | Lascia un commento