Il commissario Pepe


Il commissario Pepe locandina

Siamo nella provincia veneta, a Bassano del Grappa, paese che non viene menzionato mai nel film, ma riconoscibile dalle immagini. Il commissario Pepe, arguto e tranquillo funzionario di polizia, si è adattato in qualche modo ai ritmi della vita di provincia, anche sul lavoro. Routine di ordinaria amministrazione, la sua, in una cittadina in cui sembra non accadere mai nulla, e in cui il massimo della turbativa dell’ordine pubblico sembra essere rappresentato da qualche ubriaco e dalla figura ambigua di un reduce di guerra, privo delle gambe, che sembra essere a conoscenza dei segreti intimi degli abitanti.

Il commissario Pepe 1

Un giorno al commissario arriva l’ordine di indagare su alcuni fatti che hanno a che fare con la morale pubblica; a malincuore Antonio Pepe inizia le indagini, scoprendo che sotto la quiete della cittadina si agitano turpi vizi, storie boccaccesche, prostituzione e persino atti di pedofilia e omosessualità.

Il commissario Pepe 2

Lo sconcertato commissario, che ha una relazione segretissima con Matilde, una bella ragazza del posto, si imbatte in Silvia, una studentessa minorenne legata ad uno squallido personaggio che si prostituisce un pò per noia e un pò per amore, in una suora che ha atteggiamenti lesbici nei confronti di una sua allieva, in una nobildonna che organizza strani festini, nella sorella di un collega della polizia che fa una vita mondana,

Il commissario Pepe 9

industriali che frequentano minorenni e dulcis in fundo, scopre che Matilde, la sua donna, in realtà durante le assenze per lavoro, a Milano, posa per delle foto pornografiche con il soprannome di Yolanda. L’amareggiato commissario, che ha raccolto un sostanzioso dossier sui vizi della cittadina, parla con il suo superiore, che lo invita a fare piazza pulita solo dei pesci piccoli, risparmiando notabili e persone in vista, per non turbare l’ordine sociale e sopratutto per evitare, in campagna elettorale, un grosso scandalo.

Il commissario Pepe 8

Il commissario Pepe 7

Il commissario Pepe 6

Una mattina Pepe, recatosi davanti alla locale chiesa, vede entrare tutti i personaggi coinvolti nello scandalo per partecipare alla messa; appare chiaro che i potenti hanno una vita regolamentata dall’ipocrisia. Commettono i peggiori peccati, salvo poi confessarsi e riprendere tutto come prima. Pepe, che dovrebbe a questo punto mandare sotto processo i piccoli, probabilmente i meno colpevoli, sceglie di non scegliere; brucia il dossier raccolto faticosamente, rassegna le dimissioni e si reca a prendere Matilde dalla stazione.

Il commissario Pepe 5

Ma quando arriva il treno, lui non aspetta la donna: si incammina triste e solitario sul viale della stazione, rivlge un’occhiata alla camera e con sguardo triste e malinconico dice ” E voi? Siete tutti leoni? ”

Il commissario Pepe, film del 1969 diretto da Ettore Scola è uno splendido affresco della vita di provincia, quella provincia italiana laboriosa ma anche viziosa sotto il suo manto di perbenismo; è una denuncia, amara e malinconica, del sistema di potere che garantisce ai forti l’impunità su qualsiasi cosa, che sia un reato morale o più grave.

Il commissario Pepe 4

Antonio Pepe, che ha una dignità, una moralità adattabile si, ma scevra da compromessi, alla fine sceglie la via più difficile, quella di non scegliere, lasciando al suo sostituto il compito di riaprire le indagini o far finta di nulla. Dovrà essere lui, il suo successore a decidere, commenta amaro nel finale:  se sarà peggiore di lui dovrà accettare quello che lui non ha voluto subire , incriminerà i pesci piccoli salvando i potenti;  se sarà migliore di lui farà quello che lui non ha avuto il coraggio di fare, cioè incriminare tutti senza favoritismi.

Il commissario Pepe 3

Antonio Pepe è interpretato in maniera ineguagliabile da Ugo Tognazzi, che presta il suo volto, la sua recitazione, al malinconico personaggio di Scola; malinconico si, ma anche arguto, ironico ,a tratti sarcastico. Interpretazione tra le migliori in assoluto di un grande attore, capace di cogliere le minime sfaccettature dei personaggi. Altrettanto brava è Silvia Dionisio, giovanissima, che interpreta la equivoca studentessa Silvia,  così come brava è Marianne Comtell, che interpreta Matilde, fidanzata all’apparenza perbenista del commissario.

Cameo per Rita Calderoni, la giovane circuita dalla sua superiora, e per Elsa Vazzoler, nel ruolo di una simpaticissima mondana in pensione. Il film è tratto dal romanzo omonimo di Ugo Facco de La Garda, e a distanza di 40 anni è godibile come quando uscì.

Il commissario Pepe,un film di Ettore Scola. Con Ugo Tognazzi, Giuseppe Maffioli, Silvia Dionisio, Marianne Comtell, Elsa Vazzoler,Pippo Starnazza, Gino Santercole, Dana Ghia, Elena Persiani, Rita Calderoni
Commedia, durata 107 min. – Italia 1969.

Il commissario Pepe banner gallery

 

Il commissario Pepe 6

 

Il commissario Pepe 5

 

Il commissario Pepe 4

 

Il commissario Pepe 3

 

Il commissario Pepe 2

 

Il commissario Pepe 1

 

Il commissario Pepe 7

Il commissario Pepe banner protagonisti

Ugo Tognazzi: Antonio Pepe
Giuseppe Maffioli: Nicola Parigi
Silvia Dionisio: Silvia
Tano Cimarosa: agente Cariddi
Marianne Comtell: Matilde Carroni
Dana Ghia: Suor Clementina
Elsa Vazzoler: vecchia prostituta
Véronique Vendell: Maristella Diotallevi
Rita Calderoni: Clara Cerveteri
Elena Persiani: Marchesa Norma Zaccarin
Pippo Starnazza: ubriacone
Gino Santercole: Oreste
Nogara Gervasio: Barista dell’hotel

Il commissario Pepe banner cast

Regia Ettore Scola
Soggetto Ugo Facco De La Garda, Ruggero Maccari, Ettore Scola
Sceneggiatura Ruggero Maccari, Ettore Scola
Produttore Pio Angeletti, Adriano De Micheli
Fotografia Claudio Cirillo
Montaggio Tatiana Casini Morigi
Musiche Armando Trovajoli
Costumi Gianni Polidori

2016-05-12_115939

Il commissario Pepe locandina sound

Il commissario Pepe locandina 1

Filmscoop è su Facebook:per richiedere l’amicizia:

https://www.facebook.com/filmscoopwordpress.paultemplar

5 Risposte

  1. “El Comisario y la Dolce Vita”, título español.

  2. peccato per la parte minuscola e le poche scene in cui recita la Dionisio (in formissima e divina in pelliccia nella scena in cui aspetta l’industriale in camera), film godibilissimo e un grande Tognazzi (come al solito)… simpaticissima la vecchina che parla in dialetto che fa da domestica nell’appartamento di Tognazzi, scene (2) memorabili quelli della volante a sirene spiegate (ripresa dal tettuccio della macchina) per poi scoprire che succedeva di tutto tranne che un’emergenza (protagonista in entrambe le scene il bravo caratterista Cimarosa)

    • Pensa che l’ho visto alla sua uscita, ero piccolo tutto sommato ma mi fece una grande impressione.
      Più in là ovviamente l’ho rivisto, anche perchè ero innamorato della Dionisio, come penso tutti, all’epoca.
      Tognazzi fra la fine dei sessanta e l’inizio dei settanta era superiore anche a Sordi come attore.
      Ciao 🙂

  3. Gran bel film!Con un grandissimo Tognazzi che interpreta alla perfezione il commissario protagonista del film;davvero magistrale.La regia e la sceneggiatura sono di un grande maestro qual’è Ettore Scola dunque già i nomi fanno pensare ad un risultato grandioso.E così è stato;”Il commissario Pepe” è un film riuscitissimo,questa descrizione di un micromondo di una cittadina del Veneto in apparenza di qualità morale ineccepibile,quasi da manuale del buon cittadino,ma che poi ognuno di essi,anche appartenenti al clero come la suora saffica,hanno centinaia di scheletri nell’aramadio.Un film di denuncia coraggiosa per l’epoca al punto che,oggi,43 anni dopo,è ancora di un attualità tremenda oltre che di una realtà sconvolgente.La scena che mi piace di più per il suo significato è quella della Chiesa nella quale vanno a confessarsi ogni specie di birbaccione,protettori di prostitute,cummenda con l’amante minorenne ecc.i quali prima vanno a confessarsi poi fanno gli stessi peccati e pure peggio.Questo sottolinea la grande ipocrisia dell’Italia perbenista finta;ed è per questo che a me piace.
    Un bel ritratto sociale a mio modo di vedere.Da segnalare una giovanissima ma già bellissima Silvia Dionisio molto sensuale nella parte della studentessa prostituta un pò spaesata alla ricerca di amore,personaggio molto ben interpretato dalla bellissima e bravissima attrice.Oltretutto la Dionisio era bellissima anche con gli occhiali da vista cosa da non sottovalutare anzi direi il contrario.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: