Filmscoop

Tutto il mio cinema

La derobade-Vita e rabbia di una prostituta parigina

La derobade locandina 2

Storia di un amore unilaterale, storia di una discesa all’inferno e contemporaneamente storia di un riscatto personale attraverso la visione della vita da incubo nella quale precipita una giovane diciannovenne, che si innamora dell’uomo sbagliato.
In sintesi, è questa la trama di La derobade ,letteralmente L’evasione,titolo quanto mai appropriato per indicare il tentativo di Marie, la protagonista del film, di uscire dal vicolo cieco nel quale è entrata per amore.
Marie è una giovane commessa,figlia di una famiglia modesta, che lavora in un negozio di scarpe.
Qui conosce Gerard, all’apparenza un giovane dai modi educati che la affascina con il suo modo di parlare e perchè no, con la sua auto e i suoi vestiti.
Marie si innamora del giovane,fatalmente; e lui, almeno all’inizio,sembra ricambiarla.
Ma Gerard ha per lei in serbo solo sorprese terribili.

La derobade 15

La derobade 14
L’uomo si rivela un violento, un pappone, che ben presto la costringe a prostituirsi.
Marie non può fare altro che accettare la degradazione che ne segue, scendendo nel suo personale inferno sempre più, vendendo il suo corpo e degradandosi fisicamente e moralmente.
Fino a quando incontra Maloup, una giovane prostituta che la convince a staccarsi da Gerard e a mettersi in proprio;ma Gerard impone la sua legge e per Marie sembra spalancarsi nuovamente la via di un’umiliazione senza fine.
Ma la via del riscatto c’è…
La derobade,vita e rabbia di una prostituta parigina nella versione italiana è un film ridotto per lo schermo da un romanzo autobiografico di Jeanne Cordelier, una prostituta parigina che raccontò attraverso il suo libro il personale inferno vissuto durante la sua vita, con la discesa agli inferi causata dall’aver accettato la corte dell’uomo sbagliato e il riscatto, che la portò a prendere coscienza del suo stato e a liberarsi alla fine da quella che era diventata una vera e propria schiavitù.

La derobade 13

La derobade 12
Daniel Duval, regista del film, riprende quindi la trama del romanzo per illustrare,in modo crudo e senza mediazioni, una storia, quella di Marie, che è universale,comune a tante giovani che hanno fatto lo stesso percorso di vita della protagonista del film.
Senza, in molti casi, condividerne il destino di riscatto e rivincita.
Il film venne girato nel 1976 ma uscì nelle sale solo tre anni più tardi; eppure sembra di assistere ad un film girato ieri, visto che le cose negli ultimi 35 anni non sono affatto cambiate.
C’è però,nell’esperienza della scrittrice e di conseguenza in quella di Marie, l’indicazione per trovare la luce alla fine del tunnel.
Dopo la degradazione, il mortificare l’anima e il corpo attraverso la vendita non solo di se stessi, ma della propria dignità c’è un percorso di riscatto che porta a prendere coscienza di se stesse.
Ed’è quello che avviene alla protagonista, non prima però di aver percorso una strada di redenzione irta di umiliazioni.
Duval mostra il tutto senza eccedere con le scene di sesso, ricostruendo in maniera puntuale e a tratti brutale la vita della protagonista, dal lavoro semplice ma dignitoso che la ragazza svolge all’inizio fino alla redenzione, passando attraverso le due persone più importanti che incontra, quel Gerard che appare come un disgustoso pappone e quella Malou che è il primo vero appiglio di Marie verso una realtà ormai disconnessa,fatta di incontri sempre più umilianti e degradanti con la pletora di clienti che è costretta a intrattenere.

La derobade 11

La derobade 9

La derobade 10
Grazie a due attrici di indiscusso valore, ovvero Miou Miou che interpreta Marie e la compianta Maria Schneider che interpreta Maloup, il film mantiene alta la tensione e la credibilità;il regista Duval,praticamente sconosciuto in Italia in tale veste, è alla sua terza opera dietro la macchina da presa e firma un lavoro essenziale, ben costruito e scevro dal sensazionalismo.
Con intelligenza, il regista, scomparso nell’ottobre di quest’anno a soli 60 anni evita le scene osè limitandole all’essenziale per illustrare la vita umiliante di Marie e in second’ordine della sua amica Malou.
Ragion per cui siamo di fronte ad un lavoro crudo ma appassionato e appassionante, teso e dalle connotazioni scurissime;purtroppo il film stesso è introvabile nella versione italiana e in rete esiste solo una versione francese.

La derobade 8
La derobade – vita e rabbia di una prostituta parigina
Un film di Daniel Duval. Con Miou-Miou, Maria Schneider, Daniel Duval, Brigitte Ariel, Niels Arestrup Titolo originale La dérobade. Drammatico, durata 105′ min. – Francia 1979.

La derobade banner gallery

 

La derobade 7

 

La derobade 6

 

La derobade 5

 

La derobade 4

 

La derobade 3

 

La derobade 2

 

La derobade 1

La derobade banner protagonisti

Miou-Miou: Marie
Maria Schneider: Maloup
Niels Arestrup: André
Jean Benguigui: Jean-Jean
Martine Ferrière: Madame Pedro
Daniel Duval: Gérard – “Gégé”

La derobade banner cast

Regia Daniel Duval
Soggetto Jeanne Cordelier (memorie)
Sceneggiatura Jeanne Cordelier, Daniel Duval, Christopher Frank
Produttore Benjamin Simon
Fotografia Michel Cénet
Montaggio Jean-Pierre Bonis
Musiche Vladimir Cosma
Scenografia François Chanut, Fred de Fooko
Costumi Corinne Jorry

La derobade banner recensioni

L’opinione di Undjing tratta dal sito http://www.davinotti.com
Un futuro di emarginazione, dettato dal destino e da pietose condizioni familiari (sorella maggiore prostituta e padre alcolizzato e incestuoso), spinge in uno squallido ambiente della periferia parigina la protagonista, costretta a vendere il suo corpo ormai svuotato dell’anima. Squallido e deprimente, con minuziosa descrizione di ambienti desolanti, sfortunatamente percorsi come una “Via Crucis” dall’ingenua e addolarata anti-eroina, immersa nella sporcizia materiale e morale di un mondo sommerso, ma tragicamente reale. Cruda e feroce la scena d’autolesionismo manifestato contro una vetrata.
L’opinione di Zombi tratta dal sito http://www.filmtv.it
(…) un film che nonostante i suoi 25 anni sembra fatto oggi. nudo e crudo, con scene di una violenza psicologica enorme come quella in cui il magnaccia con i suoi scagnozzi individua i tre stronzi che hanno picchiato malou e sophie derubandole e dopo averli picchiati e portati in uno scantinato, obbliga due del gruppo che sembrano fratelli a spogliarsi e uno dei due a succhiare il cazzo all’altro… “tu è meglio che te lo fai diventare duro altrimenti te lo taglio… e tu… chinati e succhiaglielo” e questi sono costretti a farlo perchè quelli non scherzano. mi ha eccitato e scioccato vedere uno dei due stronzi cominciare a piangere e non riuscire a smettere mentre l’altro in basso(il fratello, l’amico?…) si dava da fare per farlo venire il più in fretta possibile. e che dire di miou-miou?… la signora sylvette hery, in arte miou-miou(solo i francesi si possono permettere nomignoli così fantastici per le loro fantastiche attrici)è un vero peccato che sia un bel pò che non si veda. e dire che loro garantiscono attività e bei ruoli alle signore che hanno fatto la fortuna del loro cinema negli anni passati(penso a bulle ogier, nathalie baye, aurore clement, bernadette lafont). un ruolo indimenticabile, per un viso e un corpo che non si dimenticano, tanto per rimembrare alle giovani leve che non basta essere bellissime e spogliarsi con disinvoltura per essere delle dive. di nuovo è d’obbligo ricordare la maria schneider di merry-go-round e naturalmente ultimo tango e un cameo di un giovane e sconosciuto jean-claude dreyfuss, indimenticable macellaio di delicatessen e duca per rohmer. “non ho mai avuto un magnaccia!”

La derobade locandina 1

La derobade foto di scena 9

La derobade foto di scena 8

La derobade foto di scena 7

La derobade foto di scena 6

La derobade foto di scena 5

La derobade foto di scena 4

La derobade foto di scena 3

La derobade foto di scena 2

La derobade foto di scena

Vi prego di dedicare pochi secondi per rispondere al sondaggio che segue:le vostre opinioni sono importantissime!

dicembre 4, 2013 Posted by | Drammatico | , , | Lascia un commento

Marcia trionfale

Marcia Trionfale locandina

Paolo Passeri è un neo laureato, che con molti sacrifici è riuscito a terminare gli studi.
Ambirebbe ad arrivare ad occupare un posto in accademia, ma prima deve ottemperare agli obblighi del servizio di leva.
Viene così spedito in una caserma a Reggio, sotto gli ordini del capitano Asciutto.
Da subito il giovane, distinto, colto e sopratutto molto timido ha difficoltà di ambientamento; circondato da gente rozza, da istruttori con i paraocchi, l’uomo non riesce a integrarsi nella dura, rigida disciplina militare.
A colmare la misura arriva anche lo strano comportamento del capitano Asciutto, uomo in preda ad una profonda crisi di nervi; la concezione di quest’ultimo, della vita, risente della sua mentalità di militare.
L’uomo vorrebbe forgiare soldati d’acciaio, dimenticando che molti non hanno ne la volontà ne la forza di carattere per accettare i suoi ordini.

Marcia Trionfale 3
Franco Nero (Capitano Asciutto) e Michele Placido (Paolo)

Ben presto Asciutto scopre che Paolo è in possesso di una buona cultura, e dopo averlo umiliato in più occasioni, prende in qualche modo a ben volerlo.
Ma la nevrosi del capitano è sempre latente; anche nella vita privata l’uomo mantiene un comportamento schizoide, arrivando a incutere un sacro terrore anche in sua moglie, che accetta supinamente quell’uomo rancoroso, brutale fino all’eccesso.
Paolo diviene ben presto il braccio destro del capitano, che così lo mette a guardia della moglie; lo stesso scopre così l’infedeltà della bella donna, oltre che diventarne, alla fine, l’amante.
Ma la storia è destinata a chiudersi tragicamente.

Marcia Trionfale 1
Miou Miou

Abbandonato dalla moglie, il capitano perde completamente il lume della ragione, e finirà ucciso da un soldato di guardia, coperto da Paolo, che ha intuito il dramma che ha sconvolto la mente del suo ex superiore.
Condensare in poche righe una storia molto cupa, tetra come quella raccontata da Marco Bellocchio in Marcia trionfale, film del 1976, non è impresa semplice.
La struttura del film, pur lineare e abbastanza semplice nel suo svolgimento, tuttavia offre il fianco ad una serie di problematiche che il film stesso suscita, intriso com’è di un antimilitarismo evidente, in cui il mondo delle armi è visto come un ricettacolo di vizi e di disordine morale, che trova la sua massima esplicazione proprio nella figura di Asciutto, uomo che è militare fino nel Dna.

Marcia Trionfale 2
Patrick Dewaere

E che proprio in virtù di questa sua forma mentis finisce per smarrire il senno, oltre che il senso del reale.
Il film passa dalla denuncia dell’ottusa protervia degli ufficiali, con conseguente sovra esposizione di quello che accade in una caserma (atti di vigliaccheria, nonnismo, viscido servilismo) alla descrizione di una storia d’amore ( ma il termine è davvero esagerato) tra il giovane neo laureato Paolo e la splendida Rosanna, la moglie del suo capitano, che alla fine lui tradisce proprio intessendo una relazione con la donna.

Marcia Trionfale 4

I personaggi del film quindi non spiccano per doti umane; lo stesso Paolo, entrato timidamente in caserma, ne esce completamente cambiato  e diventa un simbolo di come la vita militare possa forgiare in negativo il carattere di un uomo, eliminandone i lati positivi e sostituendoli con quanto di peggio l’uomo possa mostrare.
Il film, che possiede una sua forza espressiva molto notevole, va giudicato comunque come un’opera eccessiva.
La furia di Bellocchio si abbatte su un’altra istituzione, ma questa volta con scarsa lucidità.

Marcia Trionfale 5

Marcia Trionfale 7

I due personaggi principali, ovvero Paolo, interpretato da Michele Placido e il capitano Asciutto, interpretato da Franco Nero sono eccessivi in tutto; sono eccessivi nella recitazione, lo sono nei comportamenti, lo sono nei rapporti con gli altri.
I due attori caratterizzano a tal punto i personaggi da trasformarli più che in maschere tragiche, in caricature, il che probabilmente non era nelle intenzioni del regista.le varie scene di sopprusi, di angherie dei “nonni”, di piccole meschinerie quotidiane vengono amplificate, così come le reazioni del capitano fuori dalla caserma, dietro il tranquillo riparo delle mura domestiche.
Il suo rapporto con la bella moglie viene mostrato in tutta la sua crudezza; in una scena l’uomo mette fuori dalla porta, dopo averla percossa, la giovane moglie completamente nuda, costringendola ad umiliarsi per poter rientrare in casa.
Questo rapporto malato, che si concluderà con l’abbandono di Rosanna del tetto coniugale, è forse la cosa migliore del film, assieme alla recitazione della splendida Miou Miou e di Patrick Dewaere, amante della donna.
Il resto è un film frammentato, discontinuo e didascalico, in cui le frecce del regista, Bellocchio, sembrano avere traiettorie a zig zag.

Marcia Trionfale 6

Un film con una sua forza, indiscutibile, ma che risente dell’ambigua scelta del regista di puntare su due storie parallele, quella della descrizione della vita in caserma e quella della descrizione del privato.
Un’ambiguità che alla fine costa cara.
Tuttavia siamo di fronte anche ad un bel film, in cui Bellocchio , aldilà degli errori descritti, mostra con forza e coraggio quelli che sono gli evidenti limiti di ua vita coercitiva come quella vissuta all’ombra della divisa militare.

Marcia Trionfale 10

Marcia trionfale,un film di Marco Bellocchio. Con Michele Placido, Miou-Miou, Franco Nero, Patrick Dewaere, Nino Bergamini, Nicola Di Pinto, Piero Vida, Gisela Hahn, Vittorio Fanfoni, Alessandro Haber, Cyrille Spiga, Massimo Boldi, Peter Berling, Flavio Andreini, Dario Cantarelli, Daniele Pagani
Drammatico, durata 125 min. – Italia 1976.

Marci trionfale banner gallery

Marcia Trionfale 15

Marcia Trionfale 8

Marcia Trionfale 13

Marcia Trionfale 14

Marcia Trionfale 12

Marcia Trionfale 11

Marci trionfale banner protagonisti

Franco Nero: capitano Asciutto
Miou-Miou: Rosanna
Michele Placido: Paolo Passeri
Patrick Dewaere: tenente Baio
Nino Bignamini: Guancia
Alessandro Haber: Belluomo

Marci trionfale banner cast

Regia Marco Bellocchio
Soggetto Marco Bellocchio
Sceneggiatura Marco Bellocchio, Sergio Bazzini
Produttore Silvio Clementelli
Produttore esecutivo Giorgio Adriani
Casa di produzione Clesi Cinematografica, Renn Productions, Parigi, Lisa Film GMBH, Monaco
Distribuzione (Italia) Cineriz
Fotografia Franco Di Giacomo
Montaggio Sergio Montanari
Scenografia Amedeo Fago
Costumi Mario Carlini
Trucco Mario Di Salvio

luglio 20, 2010 Posted by | Drammatico | , , , , | Lascia un commento

La lettrice (La lectrice)

La sera, prima di addormentarsi con il suo compagno, Costance legge, invogliata dallo stesso, un libro, La lettrice, che racconta la storia di una ragazza, Marie, che sceglie una professione inconsueta, leggere a domicilio dei libri per persone che amano la lettura.

La lettrice 5
Constance, Miou Miou

La lettrice 11

Costance diventa così l’alter ego di Marie,e leggendo, vive in prima persona gli incontri che la ragazza fa, subito dopo aver pubblicato un annuncio nel quale si offre come lettrice. Marie così si imbatte in vari personaggi, come il giovane Eric, un giovane costretto a vivere su una sedia a rotelle, che ama la poesia e la lettura, ma che finirà per chiedere a Marie di sollevarsi la gonna e mostrare le gambe.

La lettrice 1

O ancora la generalessa, una signora che risponde all’annuncio dicendo di avere cent’anni. In realtà la donna è molto più giovane, ma ama farsi leggere passi di libri russi, tratti da Lenin e Marx, da Guerra e pace e altri. Conoscerà Coralie, una bambina che vive con una madre perennemente distratta dalla sua vita personale,un ingegnere all’apparenza logorroico, ma in privato assolutamente pieno di complessi, con il quale Marie avrà una breve relazione, prima che l’uomo la abbandoni e infine un maturo magistrato in pensione che convince Marie a leggere passi dello scandaloso Sodoma di De Sade,

La lettrice 3

La lettrice 2

e che la ragazza abbandonerà quando l’uomo pretenderà che Marie legga lo stesso libro davanti a due suoi amici, che la ragazza ha già conosciuto, uno strano e quasi folle dottore e un ispettore di polizia. Marie così passa nelle vite di queste persone come una ventata di novità, ottenendo risultati davvero particolari, come nel caso della giovane segretaria della generalessa, Bella,una splendida ragazza con la fissazione di avere ragni in testa, che finalmente si scrollerà di dosso la sua mania per scappare e tornare a vivere una vita normale.

La lettrice 4

O ancora Coralie, la bimba abbandonata a se stessa da una madre iperattiva, con la quale Marie passerà un pomeriggio al luna park, con il risultato di vedersi denunciata per sottrazione di minore da parte della madre della bimba. Il film ruota quindi su questa dualità Costance/Marie, entrambe interpretate dalla bravissima Miou Miou, che incarna la solarità della lettrice Marie, che con la sua voce e la sua particolare dote, che consiste nel comprendere i problemi degli altri, riuscirà in qualche modo ad influenzare le stesse vite con le quali verrà a contatto.

La lettrice 6

Un film nel film, perchè Costance ad un certo punto non sembra leggere un romanzo, ma sembra essere davvero la protagonista della storia; i punti di contatto sono tanti, come la presenza dell’invisibile amante di Marie, che è la copia carbone dell’uomo di Costance.
Il film di Delville, uscito nel 1988, è decisamente inusuale, giocato com’è tra realtà e fantasia, che ad un certo punto sembrano legate indissolubilmente; giova a tutto la presenza di citazioni di Baudelaire, di Tolstoj e di tanti altri classici della letteratura e della poesia, che rendono ad un certo punto il racconto come sospeso in una dimensione differente, in cui sembrano materializzarsi le figure, le parole e i versi che la dolce Marie legge ai suoi attenti ascoltatori.

La lettrice 7

Un film comunque di difficile lettura,sospeso com’è tra l’equivoco sulla figura di Costance-Marie: sono la stessa persona, oppure realmente Costance legge il libro di Marie fino a decidere, alla fine, di seguire il suo percorso? Perchè nel libro di Marie i personaggi, alla fine sembrano essere mossi tutti da strane pulsioni, come se fossero avulsi dalla realtà? Interrogativi, come ne sorgono altri, durante il film. Ma tutto scorre con così sapiente destrezza, che alla fine, certi o no dell’interpretazione dell’opera di Delville, si è passati attraverso un’ora e mezzo di buon cinema, che ha affascinato, intrigato lo spettatore.

La lettrice 8

Detto che Miou Miou è una grande attrice, e sopratutto ricca di un fascino anche sensuale, resta solo da consigliare il recupero di questa ottima opera, edi gustarsela come se fosse un libro che attendevamo da tempo…..

La lettrice, un film di Michel Deville. Con Miou-Miou, María Casares, Régis Royer, Patrick Chesnais, Pierre Dux.Brigitte Catillon, Marianne Denicourt, Maria de Medeiros, André Wilms
Titolo originale La lectrice. Commedia, durata 99 min. – Francia 1988.

La lettrice banner gallery

La lettrice 10

La lettrice 9

La lettrice 6

La lettrice 5

La lettrice 4

La lettrice 3

La lettrice 2

La lettrice 1

La lettrice banner personaggi

Costance/Marie Miou Miou
La madre di Eric/Jocelyne     Brigitte Catillon
Éric     Régis Royer
la Généralessa     Maria Casares
Jean/Philippe     Christian Ruché
Il magistrato     Pierre Dux
Bella     Marianne Denicourt

La lettrice banner cast

Regia Michel Deville
Soggetto Raymond Jean
Sceneggiatura Rosalinde Deville e Michel Deville
Fotografia Dominique Le Rigoleur
Montaggio Raymonde Guyot
Scenografia Thierry Leproust e Ysabelle Van Wersch-Cot

La lettrice locandina 2

La lettrice locandina 3

La lettrice foto 1

settembre 2, 2009 Posted by | Commedia | , , | 1 commento