Filmscoop

Tutto il mio cinema

Gli ordini sono ordini

Giorgia e Andrea sono una coppia anonima,come tante altre.
Lei è una casalinga inquieta e insoddisfatta, lui un grigio funzionario di banca, troppo preoccupato dalla carriera per prestare attenzione
alla moglie,che considera ormai un bene acquisito.
Un giorno,dopo aver partecipato ad un convegno femminista,Giorgia inizia a prendere consapevolezza della propria condizione
e contemporaneamente sente nella sua mente una voce che le consiglia di trasgredire, di concedersi delle libertà.
Dapprima intimorita, Giorgia finisce per seguire i consigli della voce; dopo aver rigato l’auto del marito, si concede un’avventura con un giovane bagnino.
La donna tenta addirittura di annegare il marito, che, dopo la confessione di lei del tradimento, la manda via di casa.


Giorgia cerca inutilmente conforto dalla madre prima e in un’amica poi; la prima le consiglia di tornare a casa, la seconda spregiudicatamente la invita a seguire la voce che a suo dire proviene dal subcosciente.
Le cose sembrano sbloccarsi quando conosce un artista anticonformista e ribelle, Mario, che però dopo una breve convivenza finisce per comportarsi
alla stessa stregua del marito.
Subito dopo un’altra trasgressione con un vecchio amico, Rodolfo, che inevitabilmente le lascia l’amaro in bocca Giorgia fugge anche da casa di quest’ultimo per finire su una strada che fiancheggia la laguna senza benzina.
Chiesto aiuto ad un automobilista, la donna si rende conto di essere finita in compagnia di un malvivente;inseguiti dalla polizia i due finiscono fuoristrada.


All’uscita dall’ospedale Giorgia trova Andrea che le chiede di tornare a casa,ma la donna,ormai consapevole dei propri mezzi,declina l’invito decisa a proseguire da sola il proprio cammino.
Su un romanzetto esile di Alberto Moravia,che collabora alla sceneggiatura con l’aiuto di Maccari e Tonino Guerra,Gli ordini sono ordini è diretto da Franco Giraldi nel 1972.
Un film debole,anche piuttosto piatto e noioso costruito su una storia di scarso interesse e con un andamento a metà strada tra la commedia e il tentativo di filosofeggiare sulla condizione della donna.
Ma Giraldi,indeciso sulla strada precisa da prendere,mantiene il film sui binari della pochade; che avrebbe avuto qualche chance di riuscita se almeno l’ironia e il sarcasmo avessero preso il sopravvento.


Invece tutto si trasforma nel banale susseguirsi di scene che seguono le disavventure quotidiane di Giorgia alle prese non tanto con una presa di coscienza della propria esistenza grigia quanto in alcune esperienze paradossali che alla fine non porteranno nulla alla protagonista. E allo spettatore, che assiste ad un film privo di verve e di nerbo.
A nulla serve la presenza di Monica Vitti, una grande attrice che nulla può alle prese con un ruolo senza spessore e con una storia sfilacciata; si limita ad assolvere il compitino,così come il resto del cast composto fra l’altro da Orazio Orlando nel ruolo di Andrea e di Gigi Proietti in quello dello scultore ribelle e di Claudine Auger in quello dell’amica indipendente. Breve comparsata di Corrado Pani nei panni del rapinatore che finirà per suggellare le disavventure di Giorgia con un incidente che porterà la donna a fare una scelta finale difficile,simboleggiata da lei che lascia il marito da solo e si avvia,ingessata verso un incerto futuro con parole che suonano beffarde (e fuori luogo), “d’ora in poi camminerò con le mie gambe“!


Scarso successo di pubblico (ancor meno di pubblico) per Gli ordini sono ordini,che aveva diretto la Vitti l’anno prima nel più riuscito La supertestimone.
Inspiegabilmente vietato ai minori,visto che il film è castissimo,Gli ordini sono ordini non è passato nemmeno con frequenza in tv;è tuttavia possibile vedere in streaming
la pellicola sul sito Raiplay all’indirizzo https://www.raiplay.it/video/2018/11/Gli-ordini-sono-ordini-51606c0f-6b92-48e8-aab5-9e0a6187750b.html previa registrazione gratuita sul sito.
La versione è discreta,anche se i colori sono molto spenti.
Segnalo in ultimo la location padovana,con frequenti riprese di Prato della Valle a cui vanno aggiunte brevi puntate in una Venezia irriconoscibile,presa da lontano,Vicenza e Jesolo.

Gli ordini sono ordini

Un film di Franco Giraldi. Con Monica Vitti, Claudine Auger, Gigi Proietti,Orazio Orlando, Luigi Diberti, Corrado Pani, Elsa Vazzoler, Carlo Bagno, Carla Mancini Commedia, durata 100 min. – Italia 1972.

Monica Vitti: Giorgia
Gigi Proietti: Mario Pasini
Orazio Orlando: Amedeo
Claudine Auger: Nancy
Elsa Vazzoler: la madre di Giorgia
Luigi Diberti: il dottor Rodolfo Baroni
Umberto Di Grazia
Carlo Bagno: il prete
Carla Mancini: Isotta
Corrado Pani: il malvivente

Regia Franco Giraldi
Soggetto Tonino Guerra, Ruggero Maccari, Alberto Moravia
Sceneggiatura Tonino Guerra, Ruggero Maccari
Produttore Pio Angeletti, Adriano De Micheli
Distribuzione in italiano Titanus, Avo Films
Fotografia Carlo Di Palma
Montaggio Raimondo Crociani, Lidia Pascolini
Musiche Gianfranco Plenizio, Fred Bongusto, Franco Califano
Scenografia Luciano Ricceri, Emanuele Taglietti
Costumi Silvano Malta, Antonio Randaccio

luglio 24, 2019 Posted by | Commedia | , , , , , , , | Lascia un commento

Camera d’albergo

Camera d'albergo locandina

Emma Crocetti è la figlia di un proprietario d’hotel; è un’appassionata di cinema e si diletta di regia con i suoi due amici Guido e Tonino. Desiderosi di sfondare nel mondo della regia, il terzetto costituisce la cooperativa “La svolta” e decidono di girare un reality ante litteram piazzando una telecamera all’interno delle stanze dell’albergo. Messo assieme del materiale amatoriale con l’uso di mezzi di fortuna, i tre presentano parte del loro prodotto ad un regista ormai in disarmo, il commendator Achille Mengaroni che possiede anche una casa di produzione, la Ursus.

Camera d'albergo 2

Enrico Montesano

Quello che i tre non sanno è che l’uomo è pieno di debiti ed inseguito dai suoi creditori; Mengaroni dopo aver visionato il materiale fiuta tuttavia il colpo e suggerisce ai tre di ampliare i filmati in loro possesso aggiungendo delle altre scene e contemporaneamente di strappare agli ignari protagonisti il consenso all’utilizzo delle immagini. Nasce così un autentico reality nel reality, con protagonisti Fausto e Flaminia. Il primo è un netturbino, mentre la donna lavora in una scuola guida.

Camera d'albergo 1

Monica Vitti

Alla ricerca di una sistemazione Flaminia decide di sposare il proprietario della scuola, il corpulento e manesco Cesare De Blasi. Così loro malgrado Fausto e Flaminia sono costretti a frequentarsi e ben presto la passione tra di loro rinasce. La morale che se ne ricava è che nella vita prima o poi l’amore e i veri sentimenti trionfano. Diretto da Mario Monicelli nel 1981 Camera d’albergo è un prodotto incolore e insapore.

Camera d'albergo 3

Vittorio Gassman

La scarsa vena di Monicelli (anche i grandi alle volte fanno errori) la si nota in tutto il film, nella mollezza di un soggetto francamente abbastanza banale (anche se sceneggiato da Age e Scarpelli e dallo stesso Monicelli) e sopratutto nella piatta recitazione di tre grandi protagonisti del cinema italiano, Vittorio Gassman, Enrico Montesano e Monica Vitti. I tre personaggi a loro affidati, rispettivamente il regista squattrinato Achille, il netturbino dai buoni sentimenti Fausto e la scontenta Flaminia sembrano tagliati con l’accetta e sono anche mal caratterizzati, segno dell’abulica volontà dei tre attori alle prese con un film in cui probabilmente non credevano.

Camera d'albergo 4
Monica Vitti, Flaminia

Camera d'albergo 10
Enrico Montesano, Fausto

Camera d'albergo 5

Il soggetto debole, le lunghe sequenze girate in albergo, le banali storie riprese dai tre improvvisati registi fanno il resto; banalissima la sequenza delle svedesine nude che alla fine scoprono la telecamera nascosta e anche tutte le altre storielle appiccicate senza molta credibilità al film che si snoda noiosamente fino ad un finale che è quanto di più banale uno si possa aspettare.

Camera d'albergo 15
Un vero peccato, perchè Monicelli ci aveva abituato ad uno standard di ben altro livello. Quello che colpisce maggiormente è la conduzione scialba di un film che già nelle premesse appare scontato, vista l’interazione tra la storia dei due ex amanti che riscoprono se stessi e le storielle molto prevedibili che i tre registi girano all’insaputa dei protagonisti. Così la moglie vergine e i vari personaggi ripresi in stile Grande fratello, mentre fanno abluzioni o canticchiano opere liriche, mentre espletano le loro necessità fisiologiche oppure attentano alle virtù delle cameriere appaiono molto sgradevoli e assolutamente prive di fascino. Le gag o le battute francamente sono davvero discutibili; un esempio è il dialogo tra Flaminia e Cesare:” Sai, per un momento ho pensato che tu mi avessi sposato per il mio nome…” “Perchè?” “Perchè mi chiamo Flaminia, come l’autovettura” Con questo genere di battute ovviamente non si va lontano, nemmeno con le gag delle botte da orbi e con le trite altre che scorrono sullo schermo.

Camera d'albergo 14

Il voyeurismo reality raramente ha avuto tocchi di finezza, proprio per le sue caratteristiche specifiche, ovvero lo scavare nell’intimo delle persone alle prese con le piccolezze della vita quotidiana. Con queste premesse, senza una trama convincente e con attori assolutamente fuori parte o svogliati era inevitabile il fallimento del progetto. Monicelli non mostra mai, in nessun momento,il suo leggendario talento e il suo spirito corrosivo anche se va detto molti spettatori del film, all’epoca, lo assolsero quasi con formula piena. Ma un periodo di crisi è assolutamente comprensibile; non dimentichiamo che l’anno precedente il grande regista toscano aveva avuto un’altra battuta d’arresto con Temporale Rosy,con protagonisti Faith Minton e Depardieu impegnati in una storia d’amore ambientata nel mondo del catch, mal riuscita e bizzarra.

Camera d'albergo banner 2

Per fortuna Monicelli ci regalerà nel 1982 Il Marchese del Grillo che rimane una delle sue perle più preziose. In definitiva Camera d’albergo non vale una visione, anche se ovviamente resta una spalla sopra tutte le boiate che vennero prodotte purtroppo a partire dal 1979 in poi.

Camera d'albergo 13

Camera d’albergo,un film di Mario Monicelli. Con Enrico Montesano, Monica Vitti, Vittorio Gassman, Gianni Agus, Fiammetta Baralla,Franco Ferrini, Nando Paone, Tommaso Bianco, Roger Pierre, Luciano Bonanni, Ida Di Benedetto, Néstor Garay, Beatrice Bruno, Daniele Formica Commedia, durata 99 min. – Italia 1981

Camera d'albergo banner gallery

Camera d'albergo 12

Camera d'albergo 11

Camera d'albergo 9

Camera d'albergo 8

Camera d'albergo 7

Camera d'albergo banner

Camera d'albergo banner personaggi

Vittorio Gassman: Achille Mengaroni    

Monica Vitti: Flaminia    

Enrico Montesano: Fausto Talponi    

Roger Pierre: Cesare De Blasi    

Béatrice Bruno: Emma    

Ida Di Benedetto: Moglie vergine    

Néstor Garay: Cesare Di Blasi    

Gianni Agus: Se stesso    

Franco Ferrini: Gianni    

Daniele Formica: Aldo    

Jacques Ciron: Vittorio    

Nando Paone: Guido Bollati    

Paul Muller: Hans    

Isa Danieli: Maria    

Fiammetta Baralla: Tassista   

Tommaso Bianco: Sergio

Camera d'albergo banner cast

Regia     Mario Monicelli

Soggetto     Agenore Incrocci, Mario Monicelli, Furio Scarpelli

Sceneggiatura     Agenore Incrocci, Mario Monicelli, Furio Scarpelli

Produttore     Luigi De Laurentiis, Aurelio De Laurentiis

Distribuzione (Italia)     Filmauro

Fotografia     Tonino Delli Colli

Montaggio     Ruggiero Mastroianni

Musiche     Detto Mariano

aprile 21, 2011 Posted by | Commedia | , , | Lascia un commento

L’anatra all’arancia

L'anatra all'arancia locandina

Riduzione cinematografica  di una piece teatrale di Douglas Home e Marc Sauvajon, ripresa da Luciano Salce nell’omonimo film del 1975. Una coppia di maturi coniugi, con figli, Livi0 e Lisa, sono ormai ai ferri corti. Il loro rapporto è in crii, e ben presto Lisa confessa al marito di avere una relazione con Jean Claude, un uomo affascinante e per giunta molto ricco, oltre che proprietario di un castello.

L'anatra all'arancia 4
Barbara Bouchet

L'anatra all'arancia 1
Monica Vitti

Apparentemente Livio accetta la confessione della moglie senza traumi, ma saputo dalla moglie che ben presto partirà con l’amante per un lungo viaggio, invita i due, più la segretaria Patty, ad un incontro a quattro, cui segue l’invito nella splendida casa della coppia in riva al mare. Il furbo Livio intende ingelosire così la moglie, che in realtà è solo stanca del menage familiare, delle evidenti bugie del marito e di dover vivere alla sua ombra occupandosi solo della casa e della famiglia.

L'anatra all'arancia 5

L'anatra all'arancia 3

L'anatra all'arancia 9

Tre sequenze con la bellissima Barbara Bouchet

L’arrivo di Patty, disinibita e sexy, mette in crisi i propositi di Lisa, che scopre un sottile fremito di gelosia; memorabile in questo senso la scena in cui le due coppie di amanti sono nelle rispettive camere da letto e i due coniugi simulano rapporti sessuali molto soddisfacenti che in realtà non stanno conumando. Il perfido Livio arriva a prepapare l’anatra all’arancia, piatto simbolo del matrimonio con Lisa, facendo credere a Jena Paul e alla donna, di averla condita con un potente afrodisiaco.

L'anatra all'arancia 2

L'anatra all'arancia 3

La commedia tra i protagonisti continua: Lisa annuncia che vorrebbe restare sola, Jean Paul medita di andarsene e il conflitto tra i due uomini sfocia nell’aggressione di Livio verso Jean Paul. Questo accelera la conclusione della storia: Lisa decide di imbarcarsi con Jean Paul e Livio, vistosi perduto, insegue la barca dell’uomo con il suo motoscafo. Ma ad un certo punto il motore della barca salta, fonde, e Livio disperato si accascia nella barca mormorando ” Lisa possa tu essere condannata ad essere infelice”. Ma Lisa non ce l’ha fatta a lasciare suo marito: si è lanciata in acqua e ha nuotato per tre miglia; con Livio, che si getta in acqua, raggiunge la riva, proprio mentre il motoscafo, incredibilmente, riprende vita e si dirige verso la terra ferma.

L'anatra all'arancia 6

L'anatra all'arancia 7

A riva, mentre Livio la bacia, Lisa guarda verso un surfista, con un pò di nostalgia. Luciano Salce mantiene la struttura della commedia, usandone in pratica anche i tempi e i dialoghi, modificati in senso peggiore però, con qualche parolaccia e doppio senso di troppo. La location resta invariabilmente la stessa, la villa, con qualche escursione sulla spiaggia. I protagonisti, Ugo Tognazzi (Livio), Monica Vitti (Lisa), John Richardson (Jean Paul) e Barbara Bouchet (Patty), sono molto bravi, anche se va detto che la Vitti tende troppo a esagerare la sua recitazione, quasi volesse essere la vera protagonista in assoluto del film.

L'anatra all'arancia 8

L'anatra all'arancia 10

Sicuramente più misurato ed impeccabile Tognazzi, con quel suo sguardo ironico, a tratti sarcastico, carico di intelligenza e bene anche una sorprendente Bouchet, nel ruolo comico forse meglio interpretato dall’attrice cecoslovacca. Film quindi gradevole, anche se con qualche sbavatura; inutili le scene tipo falshback, che finiscono per rallentare un film che è tutto dialoghi. La morale c’è, ed è una certa esaltazione dei valori della famiglia, approdo e porto sicuro dalle facili illusioni; tutto già visto, ma Salce ci mette qualcosina dal punto di vista dell’eleganza formale.

L'anatra all'arancia 11

L'anatra all'arancia 12

L’anatra all’arancia,un film di Luciano Salce. Con Monica Vitti, Ugo Tognazzi, Barbara Bouchet, John Richardson. Antonio Allocca Commedia, durata 102 min. – Italia 1975.

L'anatra all'arancia banner gallery

L'anatra all'arancia 13

L'anatra all'arancia 7

L'anatra all'arancia 6

L'anatra all'arancia 5

L'anatra all'arancia 4

L'anatra all'arancia 3

L'anatra all'arancia 2

L'anatra all'arancia banner personaggi

Ugo Tognazzi: Livio Stefani
Enrico Montesano: Enrico Tuccio
Monica Vitti: Lisa Stefani, moglie di Livio
Barbara Bouchet: Patty, segretaria e amante di Livio
John Richardson: Jean-Claude, amante di Lisa
Sabina De Guida: Cecilia, cameriera degli Stefani
Antonio Allocca: Carmine, cameriere degli Stefani

L'anatra all'arancia banner cast

Regia Luciano Salce
Soggetto dall’omonimo lavoro teatrale di William Douglas-Home e Marc-Gilbert Sauvajon
Sceneggiatura Bernardino Zapponi
Produttore Mario Cecchi Gori
Casa di produzione Capital Films, Cinerix
Fotografia Franco Di Giacomo
Montaggio Antonio Siciliano
Musiche Armando Trovajoli
Tema musicale Canard à l’orange eseguita da Suan
Scenografia Lorenzo Baraldi
Costumi Luca Sabatelli
Trucco Giancarlo Del Brocco

L'anatra all'arancia foto 1

L'anatra all'arancia foto 2

L'anatra all'arancia locandina sound

luglio 24, 2009 Posted by | Commedia | , , , | 1 commento