Filmscoop

Tutto il mio cinema

Tre sotto il lenzuolo

Tre sotto il lenzuolo locandina

Film in tre episodi, diretti dai due registi Michele Massimo Tarantini, autore di Sabato mattina e di L’omaggio e dal regista Domenico Paolella (con lo pseudonimo Paolo Dominici) autore Non, non è per gelosia.
Episodi riguardanti tematiche sessuali e coniugali, in puro stile commedia all’italiana.
Primo episodio, Sabato mattina; Andrea, in cirsi di astinenza sessuale, è felice di passare finalmente il sabato mattina con la bella moglie Giulia. Per poter restare tranquillo, spedisce via da casa la domestica Rosita.
Ma Giulia inizia a ricevere telefonate dalla madre e da altra gente, con la conseguenza che l’entusiasmo iniziale di Andrea man mano scema.
Mentre attende la conclusione di una delle tante telefonate della moglie, spia la bellissima vicina Anita mentre prende il sole in topless.
La aggancia e inizia con lei un tour de force erotico che lo lascia esausto; inaspettatamente Giulia smette le telefonate, ma Andrea ovviamente non può più soddisfarla.

Tre sotto il lenzuolo 14

Tre sotto il lenzuolo 13
Nei due fotogrammi: Lorraine De Selle

Secondo episodio No, non è per gelosia: in casa di Irene si installa Vittorio, suo ex marito mentre in casa della donna si trova il suo nuovo compagno Giorgio.
L’uomo, dapprima geloso, stabilisce un buon rapporto con l’ex marito e i due in combutta decidono di far ingelosire la donna, che alla fine sceglierà un terzo incomodo, il dipendente di un negozio vicino.
Terzo episodio,L’omaggio: per un equivoco Mario Sgarbozzi trova nella sua camera d’albergo, dove ha incontrato un cardinale con cui ha concluso un’affare e che gli ha promesso un regalo, una donna che in realtà non è affatto quello che lui crede.
Sidny, la donna, ha litigato con il marito e ha riparato proprio nella camera di Mario; l’arrivo della moglie dell’uomo provocherà un putiferio.
La donna credendo che il marito l’abbia tradita, si concederà al segretario del cardinale.

Tre sotto il lenzuolo 9

Tre sotto il lenzuolo 8
Nei due fotogrammi: Sonia Viviani

Tre sotto il lenzuolo è la classica commedia sexy di fine decennio settanta, per intenderci quella ormai in chiaro debito d’ossigeno, ovvero priva di spunti originali e con tematiche logore e stantie.
In primis il vecchio e buon sesso, off course.
Tarantini e Dominici confezionano un prodotto senza infamia e senza lode, non particolarmente volgare ma neanche molto divertente.
Le classiche trovate della moglie che scopre la presunta amante del marito in una camera d’albergo, il marito che anela ad una giornata d’amore con la moglie e poi finisce a letto con la bella e disponibile vicina sono espedienti troppo sfruttati per riuscire in qualche modo ad essere coinvolgenti.
A questo va aggiunto il penalizzante cast femminile, dove ad eccezione della splendida Orchidea De Santis, vengono utilizzate starlet poco espressive dal punto di vista recitativo come Sonia Viviani, Patricia Webley e Lorraine De Selle.
Un tantino meglio Daniela Poggi, quantomeno simpatica, così come nulla da eccepire c’è sulla splendida forma fisica delle protagoniste.

Tre sotto il lenzuolo 10

Orchidea De Santis

Meglio il cast maschile, con il solito Maccione a farla da padrone e un imbarazzato Walter Chari in forte disagio; impalpabile Giuffrè.
Questi film seriali di fine decennio venivano realizzati spesso puntando più sul nome dei protagonisti che sulle sceneggiature; Tre sotto il lenzuolo è un evidente esempio di povertà di mezzi.

Tre sotto il lenzuolo 2
Daniela Poggi e Walter Chiari

Difatti la produzione assolda un buon cast, almeno per metà dei protagonisti, ma alla fine ambienta il tutto fra mura domestiche con un enorme risparmio di investimenti nelle scene di esterni.
E ancora una volta risulta penalizzante per lo spettatore sorbirsi scenette trite e ritrite in cui l’unico elemento di novità è rappresentato dalle starlette più o meno disposte a concedere qualche centimetro di epidermide.
Probabilmente il film venne girato in pochissimi giorni; un esempio banalissimo è dato dall’episodio con Lorraine De Selle e Maccione.
La De Selle indossa per tutto il periodo dello stesso l’identico paio di mutandine, mentre il regista inquadra per lunghi minuti Sonia Viviani mentre si bagna in cortile.
Espedienti che mostrano sia povertà d’idee sia povertà di mezzi.

Tre sotto il lenzuolo 5
Patricia Webley

Tre sotto il lenzuolo, un film di Michele Massimo Tarantini, Paolo Dominici. Con Orchidea De Santis, Walter Chiari, Sonia Viviani, Aldo Maccione, Daniela Poggi, Carlo Giuffrè, Mario Valdemarin, Aldo Giuffré, Venantino Venantini, Liana Trouché, Cindy Leadbetter,
Film a episodi, durata 91 min. – Italia 1979.

Tre sotto il lenzuolo banner gallery

Tre sotto il lenzuolo 15

Tre sotto il lenzuolo 11

Tre sotto il lenzuolo 7

Tre sotto il lenzuolo 6

Tre sotto il lenzuolo 4

Tre sotto il lenzuolo 3

Tre sotto il lenzuolo 1

Tre sotto il lenzuolo banner personaggi

Walter Chiari    …     Giorgio Mori – il marito di Irene / episodio ‘No, non è per gelosia’
Orchidea de Santis    …     Rosita – la domestica / episodio ‘Sabato mattina’
Lorraine De Selle    …     Giulia – la moglie di Andrea / episodio ‘Sabato mattina’
Aldo Giuffrè    …     Il cardinale / episodio ‘L’omaggio’
Carlo Giuffrè    …     Il Signor Sgarbozzi/ episodio ‘L’omaggio’
Patricia Webley    …     Sidny – una bella ragazza americana / / episodio ‘L’omaggio’ ‘L’omaggio’
Aldo Maccione    …     Andrea – il marito di Giulia / / episodio ‘L’omaggio’ ‘Sabato mattina’
Daniela Poggi    …     Irene Mori / / episodio ‘L’omaggio’ ‘No, non è per gelosia’
Liana Trouche    …     Olga Scarbozzi – le moglie di Scarbozzi / / episodio  ‘L’omaggio’
Mario Valdemarin    …     Vittorio- il primo marito di Irene / / episodio ‘No, non è per gelosia’
Sonia Viviani    …     Anita/ episodio ‘Sabato mattina’

Tre sotto il lenzuolo banner cast

Regia di Paolo Dominici (Domenico Paolella) (episodio “No, non è per gelosia”) (con il nome Paolo Dominici)
Michele Massimo Tarantini     (episodi “Sabato mattina”, “L’omaggio”)
Sceneggiatura Teodoro Corrà         storia (con il nome Teodoro Agrimi)
Massimo Fiore         storia
Giorgio Mariuzzo         storia e sceneggiatura
Michele Massimo Tarantini
Musiche originali di Franco Campanino
Fotografia di Sergio Rubini e Pier Luigi Santi

aprile 26, 2011 Posted by | Commedia | , , , , , , , , | 1 commento

L’ultima orgia del Terzo Reich

L'ultima orgia del terzo Reich locandina

Lisa è una splendida ragazza ebrea, che durante le persecuzioni razziali operate dai nazisti, sopravvive allo sterminio della propria famiglia in virtù della sua avvenenza.
Imprigionata, viene destinata ad uno dei campi di piacere per la soldataglia tedesca, comandato da Konrad Stalker con l’aiuto di una bieca kapò, Wagma.

L'ultima orgia del terzo Reich 1
Daniela Poggi è Lisa

Qui la ragazza è costretta a subire e ad assistere ad una serie interminabile di orrori.
Ma lo fa quasi fosse indifferente alla sua sorte, tanto da suscitare le ire sia del comandante che della diabolica kapò.
Lisa viene torturata, appesa a testa in giù con sotto un secchio di topi, oppressa psicologicamente eppure resiste.
A darle la forza è anche l’amore che prova per un ufficiale medico del campo.
Ben presto Lisa decide di sopravvivere a dispetto di tutti e accetta la corte del comandante, che ammira in quella splendida donna il coraggio e la determinazione.

L'ultima orgia del terzo Reich 2

I due diventano amanti, e Lisa dopo qualche mese da alla luce un figlio, che però verrà ucciso.
Alla fine della guerra, dopo un periodo di detenzione, Konrad viene liberato; Lisa lo contatta e gli da appuntamento in una fabbrica abbandonata.
Qui, la donna, dopo aver fatto credere al maturo ex amante di essere ancora sessualmente attratta da lui, durante l’amplesso lo uccide con un colpo di pistola.

L'ultima orgia del terzo Reich 10
Il comandante Stalker tenta di piegare la volontà di Lisa

L’ultima orgia del Terzo Reich, diretto da Cesare Canevari nel 1977 è un nazisploitation fra i più forti (naturalmente solo nel senso delle immagini) dell’intera serie, mutuata sul precursore del filone, quell’Ilsa la belva delle SS che si rivelò essere un ottimo affare a fronte dei pochi soldi investiti.
Anche in questo film, girato in stretta economia, siamo di fronte all’ormai consueto uso ed abuso di situazioni choc, con i cattivi nazisti che torturano, umiliano e uccidono solo per gusto sadico.

L'ultima orgia del terzo Reich 3

Il che è sicuramente vero anche a livello storico, ma francamente situazioni come quella descritta nel film in cui il comandante, assieme ad alcuni ospiti, assiste alla morte di una prigioniera, coperta da brandy infiammabile e data alle fiamme per fornire un pasto da cannibali ai feroci nazi, è decisamente aldilà di tutto.
Una sequela di torture e umiliazioni, marchio di fabbrica dei nazisploitation, è ovviamente la caratteristica anche di questo film; si vedono prigioniere costrette a nutrirsi di escrementi, violenze carnali ( un classico immancabile), amplessi davanti al cadavere carbonizzato della prigioniera bruciata mentre un nazi più pervertito degli altri tocca in maniera oscena il cadavere, donne immerse nella calce viva e quindi dilaniate dall’effetto corrosivo della stessa, i soliti cani sadici come i loro padroni che addentano glutei e gambe delle prigioniere, amplessi e visite ginecologiche assolutamente incongruenti.

L'ultima orgia del terzo Reich 4
La selezione

Il campionario è quindi il solito; quello che distingue questo film, al limite, è la violenza feroce e cieca che agita la pellicola stessa.
Al solito, per il cast vengono scelte attrici presso che sconosciute; Antiniska Nemour, Maristella Greco, Caterina Barbero dicono davvero poco se non allo spettatore dei b movie.
L’unica a mostrare qualcosa in più è Daniela Poggi, futura attrice di buone qualità e di discrete pellicole oltre che conduttrice televisiva ed attrice teatrale.
La Poggi, anche se davvero poco espressiva in questo caso, mette in mostra un fisico degno di una pin up.
All’attrice viene chiesto di mostrare indifferenza alle torture; lei lo fa, mostrando però più un’aria di imbambolamento che di estraneazione dal contesto in cui vive il suo dramma.

L'ultima orgia del terzo Reich 12

L'ultima orgia del terzo Reich 11
Ancora torture

Poco male; costretta ad una parte anche abbastanza osè, come quando deve avere un amplesso con il tenente tedesco, nudo e visibilmente interessato (sic!) oppure quando deve praticare una fellatio alla pistola del comandante (sic!)
Messa a testa in giù, costretta a girare nuda per buona parte della pellicola, la Poggi si districa alla meno peggio; tutto il resto del film, come già detto, verte sulle torture o sulla solita schiera di belle fanciulle nude e costrette a subire le solite immancabili umiliazioni dai cattivi tedeschi.
Detto ciò, usando come metro di paragone le altre pellicole appartenenti al genere nazisploitation, si può dire che questo film non sia nemmeno il peggiore.
C’è una certa cura formale nella fotografia, anche se i dialoghi restano impresentabili.
Il finale è il solito tipico del “morte al cattivo” e “giustizia è fatta”

L'ultima orgia del terzo Reich 5

L’ultima orgia del Terzo reich, di Cesare Canevari con Marc Loud, Daniela Levy (Daniela Poggi), Antiniska Nemour, Maristella Greco, Caterina Barbero, Renato Paracchi, Fulvio Ricciardi, Tino Polenghi, Grazia Cisera, Nazisploitation/Erotico, Italia 1977

L'ultima orgia del terzo reich banner gallery

L'ultima orgia del terzo Reich 16

L'ultima orgia del terzo Reich 15

L'ultima orgia del terzo Reich 14

L'ultima orgia del terzo Reich 13

L'ultima orgia del terzo Reich 9

L'ultima orgia del terzo Reich 8

L'ultima orgia del terzo Reich 7

L'ultima orgia del terzo Reich 6

L'ultima orgia del terzo reich banner protagonisti

Regia: Cesare Canevari
Sceneggiatura: Cesare Canevari, Antonio Lucarella
Produzione: Cesare Canevari
Musiche: Alberto Baldan Bembo
Editing: Enzo Monachesi
Direzione del set: Ettore Lurà
Costumi: Alberto Giromella
Trucco:      Franca Verdirosi
Produttori esecutivi: Ruggero Gorgoglione, Maria Grazia Grossi

L'ultima orgia del terzo reich banner cast

Regia Cesare Canevari
Soggetto Antonio Lucarella
Sceneggiatura Cesare Canevari, Antonio Lucarella
Produttore Cesare Canevari
Casa di produzione Cine Lu.Ce.
Fotografia Claudio Catozzo
Musiche Alberto Baldan Bembo
Scenografia Alberto Giromella
Costumi Alberto Giromella
Trucco Franca Verdirosi

Della manciata di pellicole “innominabili”, sineddoche dei contenuti Nazi-Erotico (aka Eros-Svastica, aka Nazi-Porno) questo è quello meno impressionante e, vuoi per un manto presunto (ma non concreto) di autorialità (molto meglio Le Lunghe notti della Gestapo), quasi svilente. Inserti forzati (su bombardamenti e altro) che mal si incastrano col girato. Girato che assume valenza nel momento emblematico (ed iconografico del film) della violenza sulla giovane (e bellissima) Poggi, legata a gambe in aria, con la testa in un secchio di sorci…

Nazi-erotico di Canevari, che tenta però (con insperato successo) la carta del sottotesto “autoriale”. La storia vede una donna e un uomo tornare sulle macerie di quello che fu un lager. Lui lo dirigeva, lei ne era prigioniera. In flashback la coppia rivive il morboso legame creatosi. Ovviamente, mentre esplora questo amour fou, Canevari snocciola un bel po’ di sevizie trucissime e clamorose scene exploitation. La Poggi si vergogna del film e ha fatto di tutto per farlo sparire, ma inutilmente. Da vedere, astenersi sensibili.

Messinscena squallida, recitazione isterica, dialoghi ridicoli, regìa anonima… è davvero difficile salvare qualcosa in questo nazi di Canevari, se non il reparto femminile, che è di un certo livello (Poggi, Nemour, Barbero). Si parte con una folle voce off che dà subito l’idea del livello di delirio cui assisteremo, peraltro tratto comune di tutto il sottogenere. Molte le scene violente, grazie alle quali il film tutto sommato non annoia più di tanto. Certo i nazisti cannibali non li avevo mai visti…

Non male. Parecchio violento, con alcune scene che rimangono impresse nella memoria (il pranzo cannibale). Cito anche la calce nella quale le prigioniere vengono gettate. Bella e brava la Poggi, più che discreto Marc Loud. Il film riesce a salvarsi dal ridicolo involontario il più delle volte. Per i fan del genere sicuramente da vedere, ma anche i non addetti al lavoro potrebbero dare un occhiata.

Naziploitation tutto sommato non malvagio. Gran quantità di sesso e violenza a buon mercato (violenza soprattutto psicologica e verbale), ma la regia è più curata del solito, la fotografia è passabile e le musiche sono efficaci nell’accentuare l’effetto delle immagini. Anche gli attori (tra cui Daniela Poggi nei panni della protagonista) bene o male se la cavano. Il ridicolo spesso è dietro l’angolo, ma il film ha una sua dignità. La scena del banchetto, così folle e delirante da scadere nel grottesco, ricorda il Salò di Pasolini.

Comincia male, con un tocco registico assolutamente di serie b, ma migliora sulla distanza. Non si raggiungono i livelli esploitativi e malati di Beast in Heat  ma il film offre comunque abbondanti sequenze tipiche del (sotto) genere, di cui alcune da non sottovalutare. Interessante l’analisi, piuttosto approfondita, del personaggio Conrad, che mostra un ufficiale ora tanto devoto alla causa e calato nel suo ruolo, ora vittima di debolezze e complessi. I fans dell’erosvastika apprezzeranno.

L'ultima orgia del terzo reich banner foto

L'ultima orgia della Gestapo foto 10

L'ultima orgia della Gestapo foto 9

L'ultima orgia della Gestapo foto 8

L'ultima orgia della Gestapo foto 7

L'ultima orgia della Gestapo foto 6

L'ultima orgia della Gestapo foto 5

L'ultima orgia della Gestapo foto 4

L'ultima orgia della Gestapo foto 3

L'ultima orgia della Gestapo foto 2

L'ultima orgia della Gestapo foto 1

L'ultima orgia della Gestapo locandina 7

L'ultima orgia della Gestapo locandina 3

L'ultima orgia della Gestapo locandina 4

L'ultima orgia della Gestapo locandina 5

L'ultima orgia della Gestapo locandina 6

L'ultima orgia della Gestapo locandina 2

L'ultima orgia della Gestapo locandina 1

settembre 3, 2010 Posted by | Erotico | , , , , | Lascia un commento

Il paramedico

Il paramedico locandina

Mario Miglio è un infermiere dalla vita tranquilla; sposato alla splendida Nina, ha un solo handicap, rappresentato dalla teledipendenza della moglie, che passa ore intere davanti alla tv; gli unici rapporti tempestosi che ha sono quelli con il custode dello stabile in cui abita, un maniaco delle pulizie, con il quale, alla fine, litigherà di brutto.
La vita di Mario cambia irreparabilmente per colpa di una bella Fiat Argenta, vinta casualmente.

Il paramedico 4
Rossano Brazzi e Daniela Poggi

L’auto, l’ammiraglia della Fiat anni 80, viene rubata, e da quel momento per Mario iniziano una serie interminabile di peripezie, che lo porteranno ad essere arrestato, perchè l’auto servirà ad alcuni terroristi.
Ma……….

Il paramedico 1
Enrico Montesano

Il paramedico 3

Il paramedico, film del 1982 diretto da Sergio Nasca, è una commedia cucita addosso ad Enrico Montesano, che nei primi anni ottanta godeva di grande popolarità.Il comico romano, con la sua mimica, la sua buffa maniera di parlare, il suo romanesco autentico, bucava lo schermo, tanto che il regista decise di affidargli la parte dell’infermiere furbo, ma sfigato, che vinta una bella auto si da alla pazza gioia non sapendo che di li a poco sarebbero cominciati i suoi guai.
Una commedia però abbastanza singolare, che dopo una buona metà del suo percorso sembra diventare qualcosa d’altro, finendo però per restare un’incompiuta.

Il paramedico 7
Edwige Fenech

Il personaggio di Mario però non va oltre i confini della macchietta, tant’è vero che Montesano, di solito straripante, in questo film appare impacciato e spaesato.
Accanto al comico romano si muove Edwige Fenech, in una delle sue ultime apparizioni cinematografiche; la bella attrice difatti avrebbe concluso la sua carriera sei anni dopo, con all’attivo solo altre due apparizioni dopo quella nel film di Nasca.

Il paramedico 2

Altro elemento femminile della storia è la splendida Daniela Poggi, quasi sempre senza veli, che sfoggia un fisico da paura; il resto del film vive sulla mimica facciale di Enzo Robutti, che interpreta il Commissario di Polizia, di Rossano Brazzi, nei panni di Augusto Pinna faccendiere legato all’eversione, di Enzo Cannavale, lo sfigatissimo Avvocato Generoso Gallina, che si vanta di non aver mai fatto liberare un suo cliente.

Il paramedico 5

Una commedia di basso profilo, quindi, in cui le battute sono legate solo alla verve di Montesano, che appare spento, come già detto, legato sopratutto all’utilizzo del dialetto romanesco, con contorno di Li mortacci…”e altre frasi tipiche del repertorio popolare romano.
Il paramedico, un film di Sergio Nasca, Con Enrico Montesano, Edwige Fenech, Leo Gullotta, Rossano Brazzi, Enzo Liberti, Enzo Cannavale, Ugo Fangareggi, Enzo Robutti, Franco Diogene, Clarita Gatto, Daniela Poggi, Marco Messeri
Commedia, durata 105 min. – Italia 1982.

Il paramedico banner gallery

Il paramedico 8

Il paramedico 9

Il paramedico 10

Il paramedico 11

Il paramedico 12

Il paramedico 14

Il paramedico 15

Il paramedico banner personaggi

Enzo Robutti: Commissario di Polizia
Barbara Herrera: L’ipocondriaca
Daniela Poggi: Vittoria
Enrico Montesano: Mario Miglio
Marco Messeri: Spartaco
Leo Gullotta: Sostituto Procuratore
Edwige Fenech: Nina Miglio
Mauro Di Francesco:
Enzo Cannavale: Avvocato Generoso Gallina
Rossano Brazzi: Augusto Pinna
Pietro Zardini: Guardiano del garage

Il paramedico banner cast

Regia     Sergio Nasca
Soggetto     Sergio Nasca, Enrico Montesano
Sceneggiatura     Sergio Nasca, Enrico Montesano, Laura Toscano, Franco Marotta, Gianfranco Manfredi
Produttore     Fulvio Lucisano
Casa di produzione     Italian International Film
Distribuzione (Italia)     Medusa
Fotografia     Giuseppe Aquari
Montaggio     Enzo Siciliano
Musiche     Armando Trovajoli


“Stranissima pellicola d’impianto comico, ma che vira, nel secondo tempo, verso atmosfere cupe e seriose: le implicazioni dei media sulla circolazione di “false notizie”, la P2 – chiamata nel film B2 – e alcune connessioni tra magistratura (un bravo Leo Gullotta) e potere politico. Ottimo il cast, che brilla (nella compagine femminile) per la bellezza (e bravura) di una sublime Daniela Poggi. Enzo Robutti è un nevrotico commissario (e ricorda quello di Zucchero, miele e peperoncino). Montesano a tratti è retorico, ma convincente.

Classico “Montesano-movie” di onesta fattura, uscito nel suo miglior periodo artistico. Il film di Nasca ha la virtù di aver sfruttato l’allora attuale argomento della “loggia P2” per imbastire una sorta di commedia brillante che, nel secondo tempo, strizza l’occhio allo “spy movie all’amatriciana”. La prima parte risulta decisamente riuscita e brillante, la seconda invece ha dei cali piuttosto evidenti. Sponsor, nel film, l’allora novità in casa Fiat: l’ammiraglia “Argenta”.

Ambiziosa commedia che vorrebbe farsi indignata ma nun gne affà. Questo principalmente per la scelta sbagliata del protagonista, che pure nei momenti drammatici continua a fare il comico. Con un attore come Manfredi o Dorelli sarebbe stato un piccolo gioiellino. Del resto nemmeno Nasca pare credere troppo all’operazione, probabilmente interessato alla parte invettiva, imbastisce una mezza truffa inducendo il pubblico a credere di trovarsi davanti a un film comico. Tuttavia la confezione è molto buona. Curioso. L’abito non fa il monaco. L’automobile sì.

Un Montesano in grande spolvero in un one-man-show che non può che piacere ai fan dell’attore romano. La storia, improbabile, scorre via liscia senza punti morti, anche perché Montesano non smette un attimo di snocciolare battute su battute: alcune meno felici di altre, certo, ma tale è la quantità che nell’insieme non ci si fa caso. Il cast di contorno è di ottimo livello, con Cannavale in una parte piccola ma molto divertente, una Poggi mozzafiato ed il solito Robutti ai limiti dell’isteria.

Leggere il cast dei film di quel periodo era una botta di vita: Montesano, Fenech, Robutti, Cannavale, Gullotta, Poggi, Di Francesco, Messeri, Brazzi, Monni e Fangareggi. Potrei anche chiudere qui il mio commento, visto che la grandezza del nostro cinema stava proprio nella formazione che veniva messa in campo in ogni pellicola. Naturalmente Montesano è “leader maximo” e gli altri stanno dietro.

Straordinaria prova di Montesano… Il film è pienamente anni ’80: per il genere di automobili che girano, l’arredamente delle case e tanti altri particolari (come il boom delle televisioni private e i loro assurdi programmi). Geniale l’assurda concatenazione di fatalità che porta all’arresto del Nostro… e poi quando decide di “vuotare il sacco” (si fa per dire, visto che in realtà si inventa tutto) gli vengono promessi regali, auto di lusso, ecc… Un film attuale, veramente attuale…”

luglio 29, 2010 Posted by | Commedia | , , , | Lascia un commento